Guida turistico-culturale di Giulianova: Ville, palazzi, architetture a Giulianova - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Guida turistico-culturale di Giulianova: Ville, palazzi, architetture a Giulianova

Giulianova > Guida turistica
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 
La tradizione balneare a Giulianova. Giovanissime villeggianti sulla spiaggia di Giulianova (anni ‘10). E’ quasi superfluo dire che la tradizione balneare giuliese ha radici lontane nel tempo e certamente oggi non possiamo non guardare con tenerezza gli antichi costumi e costumanze dei “bagnanti” di ieri. Ma chi era il bagnante? Da dove arrivava? Perché mai così tanto atteso e sempre così gentilmente preso in giro? Per i giuliesi super critici di decenni fa sembrava esserci quasi una spaccatura tra l’andare al mare e l’andare alla spiaggia, una sorta di concetto duale rispecchiante un’idea del mare come mondo intimo, facente parte del proprio percorso storico. In parole povere il giuliese di nascita, quand’era possibile, andava al mare ma in fondo non ne aveva poi tanto bisogno. Il bagnante invece, in quanto proveniente da un posto assurdo e senza mare, era visto come una persona che, capricciosamente, ad un certo punto dell’anno affittava casa o albergo, ombrellone e sdraio a volte anche la cabina e se ne stava alla spiaggia. Un marziano a Giulianova, parafrasando Ennio Flaiano, ecco chi era il bagnante. Marte era Teramo e dintorni, per intenderci. Comunque c’è un senso magico nella parola bagnante, quasi una tradizione persasi nel tempo per testimoniare abitudini e bisogni della stagione estiva, tra irritazioni e divertimenti.

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera del Medio Adriatico per circa 5 km e ogni anno risorge tra il fiume Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno di tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio.

Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante solo 50 chilometri.

 
La tradizione balneare a Giulianova. Eppure tanta sopravvivenza invernale era legata alla consistenza degli affitti estivi anche se, chi non affittava la sua casa aveva tanto da ridire e per tutto l’anno, sui prezzi della frutta, della verdura, dei generi alimentari in generale che d’estate, appunto per l’arrivo dei famosi bagnanti, lievitavano. Secondo la tradizione di tanti decenni di questo secolo, verso l’inizio della primavera chi affittava per l’estate, i cosiddetti “ paparazzare” ma non solo loro, cominciava a ripulire la casa in cui abitava, sua o in affitto non aveva importanza. Infatti, a cominciare dalle feste di Pasqua, i teramani ed anche altri forestieri venivano a Giulianova a trovare la casa per l’estate. Casa per modo di dire, in effetti si affittava una camera e una cucina, mentre i proprietari si restringevano in una stanzetta se non nel garage o in soffitta. Eppure quei sacrifici erano necessari perché con il guadagno dell’affitto si poteva affrontare l’inverno con più sicurezza.

Ville, palazzi, architetture storiche a Giulianova

Il porticato Palazzo de’ Bartolomei, edificato su Piazza della Libertà a partire dal 1876 demolendo un tratto delle fortificazioni quattrocentesche, rappresenta una delle prime emergenze riconducibili alla espansione extramuraria dell’abitato, cui sono ricollegabili il vicino ma successivo Palazzo Montebello nonché il grande palazzo della Scuola “De Amicis”, realizzato nei primi anni dieci del Novecento, su disegno dell’architetto romano Achille Petrignani, nell’area occupata, fino al 1904, dal complesso cinquecentesco dei frati Minori Conventuali. Sul lato opposto della piazza, lungo la cosiddetta “linea Marcozzi”, dal nome della famiglia di origine teramana proprietaria dei terreni, insiste la Cappella gentilizia de’ Bartolomei, voluta dall’ingegner Gaetano de’ Bartolomei (1821-1892) per ricordare lo zio Angelo Antonio Cosmo. Fu lo scultore Raffaello Pagliaccetti ad approntare, nel novembre 1868, il relativo disegno di massima, benché l’edificio sia stato realizzato secondo il progetto esecutivo dell’architetto teramano Giuseppe Lupi, cui si deve l’armonico sviluppo in altezza della facciata.

Giulianova Alta - A sinistra il Palazzo Ciafardoni

La bella Casa Maria Immacolata su via Gramsci, svetta con la sua singolare merlatura tra gli alti alberi dell’esteso parco oltre il muro di cinta. L’edificio, dal 1599 al 1811 convento dei Cappuccini, venne poi trasformato dal chimico Vincenzo Comi in opificio. Acquistato nel 1873 da Giulio Acquaviva d’Aragona, il complesso continuò per oltre un ventennio ad essere utilizzato come fabbrica di liquirizia. Con il matrimonio tra Vittoria Acquaviva d’Aragona, figlia del duca d’Atri e senatore del Regno Luigi, e il conte Bruno Scarampi di Sangiorgio, vi fu la sua trasformazione in residenza, dotata anche di un teatro interno. Acquisito nel 1932 dalla famiglia Allisio, oggi l’immobile è di proprietà della Curia vescovile di Teramo.
Poco oltre, a segnalare i caratteri della riorganizzazione territoriale della città, sorge, circondato da un bel giardino all’italiana, uno dei palazzi storici più imponenti di Giulianova. È il monumentale Palazzo Ciafardoni, costruito nel 1885 su disegno, poi modificato, di un anonimo architetto napoletano. L’edificio, che presenta una tipologia di facciata con fondi e rilievi in mattoni a vista bicromatici (giallo e rosso), sia per la forza del blocco compatto, rialzato alle ali, che per le considerevoli proporzioni, appare concepito in modo da evidenziare l’opulenza e l’importanza dei proprietari, appartenenti ad una famiglia per secoli protagonista della vita politica e socioeconomica cittadina. Notevoli sono gli ambienti interni, decorati da affreschi di scuola napoletana, forse dal Paliotti ed allievi.

Giulianova - A sinistra la villa Castelli-Montano

Al pari dell’ex Palazzo Ducale su piazza Buozzi, più volte modificato sino a stravolgerne la originaria fisionomia, ricca di gloriose memorie è la sontuosa villa alla Montagnola in via Amendola. Storica dimora degli Acquaviva del ramo di Conversano realizzata nel primo Ottocento demolendo l’antico “casino” di caccia, qui vennero tra gli altri ospitati nel 1855 Leopoldo di Borbone e, il 15 ottobre 1860, re Vittorio Emanuele II. Acquistata negli anni Dieci del Novecento dalla famiglia Migliori, la villa ha ricevuto dai nuovi proprietari una veste più adeguata agli ideali del decoro borghese: il prospetto, inquadrato dall’ordine gigante, è sormontato da un attico, secondo uno schema caro alla tradizione classicistica. Analogo rinnovamento «in stile» è ravvisabile, sempre sulla stessa via, nella villa Cerulli-Ranzato: l’edificio, dall’articolata planimetria, mostra infatti un belvedere ed una facciata ispirati a motivi del Cinquecento romano.
Il Liberty, un’architettura novecentesca raffinata e spensierata che ebbe proprio in Giulianova una delle località dove il nuovo gusto poté trovare la sua libertà espressiva e interpretativa, ha nella villa Castelli-Montano, all’inizio di viale dello Splendore, uno degli esempi più ragguardevoli. Edificata tra il 1910 e il 1918 riproponendo una tipologia di chiara derivazione toscana, la villa, oltre a caratterizzarsi come il primo edificio della zona in cui vengono realizzati solai in cemento armato, mostra in tutta evidenza la policromia sfrenata ed altri caratteri propri dell’Art Noveau, come l’asimmetria dell’impianto ed i finestroni composti della elegante torre. Lungo la stessa via, un centinaio di metri oltre, sulla destra insiste la villa ex De Santis, realizzata dal 1923 al 1928 su progetto dell’architetto Achille Petrignani. Ci troviamo al cospetto di un edificio che, pur tra qualche ambiguità, manifesta la vocazione del progettista a mettere in risalto gli attributi emergenti della nuova cultura, nella quale la decorazione si fa essa stessa architettura. La centralità della decorazione è ulteriormente segnalata dagli elementi decorativi in ferro battuto della stupenda ringhiera, opera di Felice Scioli, che forse apre nel settore le porte dell’Art déco. Gli interessanti stucchi dell’interno vennero invece affidati allo scultore Ulderico Ulizio (1898-1987), allievo del Pagliaccetti. Tra le residenze in stile Liberty,l’esempio più interessante e significativo è però costituito dal villino Paris-Costantini, a Giulianova Lido, prospiciente il Lungomare Zara. Il piccolo edificio, realizzato con le sue forme leggere e raffinate nel 1904 su progetto del teramano Silvio Gambini, esponente tra i più importanti del modernismo italiano ed operante prevalentemente in ambiente lombardo a contatto con architetti del calibro di Sommaruga e Basile, presenta due volumi, corpo orizzontale e torre, alleggeriti da una loggia sommitale.

Giulianova Spiaggia - A sinistra Il Kursaal Lido

Questa a sua volta è delimitata da una balaustra in pietra bianca di Manoppello accuratamente lavorata. Il portico, con balaustrina perforata, è sorretto da esili colonne in pietra che creano zone d’ombra sulle superfici. A poca distanza, nella via omonima, la villa Gasbarrini, residenza estiva dell’illustre chirurgo e patologo Antonio Gasbarrini (1882-1963), archiatra pontificio di Pio XII e Giovanni XXIII, conferma la penetrazione in profondità, nel tessuto edilizio, di quella vena spensieratamente decorativa che, strettamente legata al decollo turistico-balneare della città, trova nell’eclettismo del grandioso Kursaal una parziale mitigazione. Progettato dall’ingegnere teramano Giuseppe Marcozzi e realizzato inizialmente con il primo piano nel 1913, il Kursaal, nato come club marino e tra i primi edifici in cemento armato realizzati in Italia, viene originariamente impostato su forme neo-classiche. Con la realizzazione del secondo piano e, dal 1929, sua trasformazione in hotel, il complesso viene arricchito di motivi ornamentali caratteristici del Liberty.

Giulianova Spiaggia - A sinistra la Villa Gasbarrini

Alla vocazione turistica è pure legato il Lungomare monumentale, significativa opera del periodo fascista realizzata nel 1936 in poco più di due mesi su progetto dell’architetto-ingegnere Giuseppe Meo, un professionista locale formatosi professionalmente negli ambienti romani. Sviluppato su una distanza di 675 metri, il lungomare monumentale di Giulianova, caratteristico per le sue “demilune” e per la fuga delle snelle colonne in travertino sormontate dalla triade di luminarie, risulta modellato su quello più celebre del viale della Vittoria a Bengasi, costruito su progetto del celebre Arnaldo Foschini, di cui Meo fu allievo.

Giulianova Spiaggia - A sinistra la Colonia marina “Rosa Maltoni Mussolini”

Altro cospicuo prodotto dell’architettura del Ventennio è, sul Lungomare Zara, la colonia marina “Rosa Maltoni Mussolini”, il maggiore complesso talassoterapico italiano dell’allora Istituto Nazionale di Assistenza Magistrale edificato nel 1936, ed ampliato nel 1937, su progetto di Alberto Ricci. La colonia, la cui pianta sembra segnare a terra, in modo inequivocabilmente celebrativo, la lettera M di Mussolini, come molti altri edifici di eguale destinazione realizzati negli anni del Regime appare impostata su stilemi lineari, compositivi di un linguaggio estremamente funzionale aderente alla semplicità richiesta dal ministero della Pubblica istruzione.

La tradizione balneare a Giulianova. Questo accadeva prima della seconda guerra mondiale e accadeva negli anni cinquanta e sessanta dopo la pausa del periodo bellico. Attualmente, in tono minore e senza folclorismi, questa usanza sopravvive ma non sono più solo i teramani ad affittare. Ed un tempo anche la nostra spiaggia aveva altre abitudini. Nella seconda metà dell’800 la spiaggia, e per spiaggia è da intendersi la zona attualmente chiamata Lungomare Zara, era divisa in tre parti o sezioni di cui due per le donne e una per gli uomini. Il decoro era un principio attivo per cui non si poteva stare insieme, uomini e donne, e bagnandosi nessuno poteva “involarsi i pannamenti”. Anzi la zona per gli uomini e quella per le donne bisognava tenere delle distanze di confine nella misura di 200 palmi. Certamente è difficile fare dei confronti sia essi positivi o negativi: i tempi cambiano e così le abitudini e le tradizioni, bisogna avere il coraggio di riappropriarsi culturalmente di quello che è stato e valorizzarlo alla luce del tempo che fu.

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera per circa 5 km e ogni anno risorge tra il Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno i tantissimi turisti che visitano il territorio.
>>>>>>>>>>>>> Scrica la Guida turistico-culturale in PDF di Giulianova (Te)
>>>>>>>>>>>>> Per ulteriori informazioni visitare il sito: Giulianova sul Web

Guida turistica-culturale realizzata dall'Amministrazione Comunale di Giulianova (Te) Abruzzo - Italy.
Fotografia Giovanni Lattanzi - Testi: Sandro Galantini - Contributi di Gabriella Magazzeni, Laura Ripani, Francesco Tentarelli - Grafica ed impaginazione Andreas Waibl (Waibl & Di Luzio).

 
Torna ai contenuti | Torna al menu