Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Villamagna - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Villamagna

Chieti
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 
La città di Villamagna. Il centro antico di Villamagna, di epoca altomedievale, si caratterizza per l’impianto urbanistico a "spina di pesce" o a "pettine". Nel sito attualmente occupato dalla chiesa parrocchiale e dal palazzo arcivescovile, era edificato il fortilizio altomedievale, la cui memoria è rimasta nei toponimi "civitella" e "castello". L’altro polo religioso di Villamagna era il convento di San Francesco collegato con la parrocchia dall’attuale Via del Popolo, asse principale al quale corrispondono delle traverse ortogonali , le “rue” o “rughe acquarie”, che delimitano lotti rettangolari. Tali rue nel medioevo non sempre erano pavimentate ed erano a servizio delle singole abitazioni di Villamagna per consentire gli accessi e il defluire delle acque meteoriche o domestiche, tramite un solco o canale di scolo tracciato in mezzeria. Di impianto medievale risultano anche Piazza Marconi e Largo mercato o Fiera, situate in prossimità della cinta muraria di Villamagna: si sviluppano attorno all’edificio parrocchiale secondo la tipica forma a “L”.
 
La Piazza Europa di Villamagna. Ex Palazzo Arcivescovile. Le “rue”. La piazza affianca la chiesa parrocchiale ed il Palazzo Vescovile. Chiesa di Santa Maria Maggiore a Villamagna. La chiesa fu costruita tra il 1730 ed il 1750, con la collaborazione dei mastro-fabbricatori Giuseppe Zannolli, milanese e residente a Miglianico, e Giovanni Battista Bossi, milanese e residente a Villamagna. Palazzo Battaglini a Villamagna. E’ l’edificio più imponente del centro di Villamagna. Le facciate sono lisce pareti di mattoni a vista con evidenziate rare piattabande ad arco ribassato sulle piccole finestre. Ex Chiesa di San Francesco a Villamagna. Fu probabilmente fondata nel sec. XIII dai Minori Conventuali. I sopportici di Villamagna. Caratteristica del centro antico, alcuni sono di origine medievale, come quelli su via Educandato. Chiesa di Santa Lucia a Villamagna. Costruita nel 1926 e danneggiata dalla guerra, fu restaurata nel 1957. Chiesa di San Rocco o della Pietà a Villamagna. Di antica origine è costituita da un locale rettangolare voltato a crociera.


Città di Villamagna

Le specialità gastronomiche di Villamagna. A Villamagna la qualità nel mangiare e nel buon bere è una vocazione naturale: Sagne e fasciul’: Riconosciuta come prodotto tradizionale della cucina abruzzese, la pasta di questa preparazione è caratterizzata da un impasto a base di soli acqua. Sagne e ceci: La pasta a striscioline viene cotta nel brodo di ceci lessati. Pallotte cac’ e ‘ove: Le Polpette, preparate con il formaggio grattugiato, la mollica di pane e le uova, vengono soffritte e saltate in un semplice sugo di pomodoro. Pizz’ e foije: "Pizz’e foje" è senz’altro la pietanza più cucinata di tanti anni fa , in special modo da coloro che coltivavano la terra ed avevano l’orto. Patan’ e baccalà: Il baccalà con patate e olive è un secondo piatto rustico. Baccalà e pepedigne arrost’: Il baccalà, ammorbidito in acqua, viene spinato e cotto sulla graticola insieme ai peperoni gialli e rossi. Condito con olio extravergine d’oliva, si serve freddo. Ove e pepedigne: Peperoni freschi a pezzi in uova strapazzate. Un piatto semplice, gustoso e colorato. La cipullat’ (cipollata): Le cipolle, prima soffritte in padella, vengono cotte a fuoco lento con il pomodoro. Le verdure ripiene: Le verdure dell’orto (zucchine, peperoni, melanzane, ecc.) vengono farcite con un trito di mollica di pane, pecorino grattugiato, uova e carne macinata).

Comune di Villamagna
Largo Municipio, 1
- 66010 Villamagna (Ch)
Tel.: 0871.300110 – Fax: 0871.300795

Altitudine: 255 mt. s.l.m.
Estensione: 12,73 kmq.

Sito web: www.comunedivillamagna.it

PEC - Posta certificata: segreteria@pec.comunedivillamagna.it
Posta ordinaria: info@comunedivillamagna.it

Le specialità gastronomiche di Villamagna. Le fave fresche: Le fave fresche raccolte nell’orto si mangiano così come sono, semplicemente accompagnate da pane con olio extravergine d’oliva, salumi e formaggi. Le ‘rrustelle (arrosticini): La carne di pecora, tagliata a tocchetti ed infilata in spiedini, viene cotta su di un braciere dalla caratteristica forma allungata (la "furnacell"). La Porchetta: Maiale intero disossato, condito all’interno con sale, pepe ed erbe aromatiche, cotto lentamente al forno e gustato tagliato a fette con pane casereccio e buon vino rosso.

La prima menzione del paese di Villamagna risale all’XI sec., il cui toponimo è la testimonianza di un insediamento romano, e conserva all’interno del nucleo abitato interessanti testimonianze della sua storia, come le due Porte che costituivano le esclusive vie di accesso al borgo medioevale di Villamagna. Si trattava di una protezione dalle scorrerie dei Turchi e dei Saraceni, come emerge da tradizioni e leggende, di cui un esempio è il miracolo di Santa Margherita, protettrice del paese di Villamagna. La leggenda si riferisce a un episodio avvenuto nel 1566, quando un’orda di Saraceni stava per abbattere la porta principale di Villamagna, ma fu respinta da un enorme tronco fiammeggiante, scagliato secondo la credenza popolare dalla stessa santa. Successivamente il paese di Villamagna appartenne a diversi feudatari fino ai Caracciolo.

 

Accoglienza turistica a Villamagna
 Alberghi a Villamagna
 Residenze turistico alberghiera a Villamagna
 Residence a Villamagna
 Case per le vacanze a Villamagna
 Appartamenti a Villamagna
 Country House a Villamagna
 Bed and breakfast a Villamagna
 Alloggi agroturistici a Villamagna
 Campeggi a Villamagna
 Villaggi turistici a Villamagna
 Ostelli della Gioventu' a Villamagna
 Case per le ferie a Villamagna
 Affittacamere a Villamagna
 Aree sosta per camper a Villamagna

Dalla vite non solo ottimo vino, ma anche marmellate… La “scrucchijate”: Passata d'uva nera di Montepulciano d'Abruzzo fatta rigorosamente in casa. Crespelle e caviciune: sono i tradizionali dolci natalizi “scrucchijate”). Le cancellate: sono dolci fatti con uova, zucchero, farina, olio e con un tipico ferro (una specie di pinza). il torrone di fichi: Una dolce ghiottoneria locale dalle origine molto antiche. Un’autentica specialità che Villamagna ha fatto conoscere nel resto d’Italia e nel mondo.


Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Chieti

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu