I Comuni della Provincia de L'Aquila: Villalago - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Comuni della Provincia de L'Aquila: Villalago

L'Aquila

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
Il Comune di Villalago - Situato sulle sponde del lago di Scanno, nello splendido e selvaggio scenario della Valle del Sagittario. Villalago confina con i Comuni di Scanno, Ortona dei Marsi, Anversa degli Abruzzi e Bisegna. Villalago, al visitatore che viene da Sulmona attraverso le aspre Gole del Sagittario, appare all’improvviso in alto, sulla sommità del Monte Argoneta, a 930 m. s.l.m. Le case, allineate, su precipizi e dirupi stupiscono il visitatore. In basso il fiume Sagittario, folti pioppeti e la ridente valle dove il paese di Villalago si adagia e dove sorgono i suoi laghi.

Città di Villalago

Comune di Villalago
Via Corrado Iafolla, 1
- 67030 Villalago (Aq)
Tel.: 0864.740134 - Fax: 0864.740154

Altitudine: 930 mt. s.l.m.
Estensione: 35,29 kmq.

Sito web: www.comune.villalago.aq.it
PEC: anagrafecomunevillalago@pec.it

Posta ordinaria: info@comune.villalago.aq.it

Il paese di Villalago è abbarbicato su uno sperone roccioso ed è situato sulle sponde del lago di Scanno, nello splendido e selvaggio scenario della Valle del Sagittario. La struttura architettonica di Villalago fanno chiaramente intendere le origini medievali del comune.

 
 

 Alberghi a Villalago
 Residenze turistico alberghiera a Villalago
 Residence a Villalago
 Case per le vacanze a Villalago
 Appartamenti a Villalago
 Country House a Villalago
 Bed and breakfast a Villalago
 Alloggi agroturistici a Villalago
 Campeggi a Villalago
 Villaggi turistici a Villalago
 Ostelli della Gioventu' a Villalago
 Case per le ferie a Villalago
 Affittacamere a Villalago
 Aree sosta per camper a Villalago

Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia de L'Aquila

Il Lago di San Domenico, dalle acque limpide e verdi, meta preferita dai pescatori di trote. Il lago di Scanno, primo per estensione e bellezza, si situato in massima parte nel territorio di Villalago. Il lago Pio, oasi naturale di uccelli acquatici e meta di bambini e di quanti amano la natura. Dalla piazza principale di Villalago, il paese si arrampica ad anfiteatro sul versante orientale del Monte Argoneta, in una suggestiva sequenza di gradinate, vicoli e piazzette, circondato da montagne con boschi di cerri e faggi, ai confini del Parco Nazionale d'Abruzzo. La storia di Villalago. Salendo su per le scalinate, s'accede al cuore del paese di Villalago.
L’Abruzzo marittimo si aftaccia sull’Adriatico fra le foci del Tronto e del Trigno, in una fascia costiera so-stanzialmente compatta, solcata da fiumi che scendono dal rilievo appenninico e subappenninico ed affiancata dalla discontinua cornice di ridenti zone collinari. Le stazioni balneari più rinomate, dotate di ogni moderno contorto, sono: Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto Lido, Giulianova Lido, Roselo degli Abruzzi, Pineto, Silvi Marina, Montesilvano, Pescara, Francavilla al Mare, Ortona, San Vito Chietino, Fossacesia e Vasto. I centri storici sparsi nelle quattro province abruzzesi sono più di 150. Di grande interesse turistico, sportivo e climatico i laghi di Campotosto, Barrea, Scanno, Villalago e Bomba. Una nota particolare merita il Parco Nazionale d’Abruzzo, compreso tra l’area del Fucino a Nord-Ovest e la catena delle Mainarde Sud-Est, delimitato a Est dai Monti Marsicani, a Sud e Sud-Ovest dallo spartiacque tra il Sangro e il Liri, con gli immensi e centenari boschi, gli ameni altipiani e le gole selvagge, ricchi di straordinaria varietà di flora e di fauna. Nel suo territorio, per una estensione di 400 Kmq a vincolo intero e 600 Kmq con speciali restrizioni, viene assicurata la tutela e il miglioramento del patrimonio arboreo e faunistico.
S'incontra subito la Chiesa Parrocchiale di Villalago, di stile Romanico-abruzzese. Vi si conservano un dipinto in tela del 1521 raffigurante la Madonna del Rosario, e l’altare di San Domenico:prezioso monumento del XII sec. scolpito in pietra, sempre a Villalago. Salendo ancora a Villalago, si giunge alla “Porticella”, dove anticamente era sita una piccola porta che dava l’accesso all’abitato quindi al vecchio Municipio di Villalago, (seconda metà del 1800, dove sorgeva la Chiesa di San Giovanni Battista. Di seguito la torre campanaria che venne trasformata in torre civica e dotata di orologio nel 1887. Da qui si arriva al Palazzo della Cancelleria (XVI sec.), sede dell’antica Università di Villalago, attualmente adibito ad abitazioni. Sempre a Villalago sono ancora visibili i resti di bifore e gli architravi in pietra.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu