Camping e villaggi turistici a Giulianova (Te) Abruzzo - Italy: Camping Village Adriatico / Via Lungomare Zara, 127 - Giulianova Lido - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Camping e villaggi turistici a Giulianova (Te) Abruzzo - Italy: Camping Village Adriatico / Via Lungomare Zara, 127 - Giulianova Lido

Giulianova > Strutture ricettive > Villaggi Turistici
DOVE DORMIRE NELLA LOCALITA' TURISTICO/BALNEARE DI GIULIANOVA (TE)
 
HOTEL a Giulianova (Te) Abruzzo - Italy: Gli Hotel e gli alberghi a Giulianova per le tue vacanze estive o durante la stagione invernale per lavoro. Gli alberghi, residence e gli hotel di Giulianova ti propongono le loro migliori offerte last minute per prenotare un soggiorno da sogno all'insegna del relax e del divertimento sulla riviera adriatica. Giulianovaweb.it seleziona i principali eventi e manifestazioni a Giulianova e li propone contestualmente all'interno delle offerte speciali degli Hotels. In questo modo potrai sapere quali manifestazioni si svolgeranno a Giulianova. Potrai visitare attrazioni nei dintorni di Giulianova e potrai visitare durante la tua permanenza Giulianova, che tu sia in un hotel, in una residenza turistico alberghiera, residence, case ed appartamenti, country house, bed and breakfast, alloggi agrituristici, campeggi, villaggi turistici, aree sosta, ostelli della gioventù, casa per le ferie, affittacamere a Giulianova. Negli Hotel di Giulianova potrai trovare le migliori offerte last minute per il tuo soggiorno di lavoro durante la stagione invernale o per la tua vacanza estiva in alberghi ed hotel di Giulianova. Tantissimi hotel e residence di Giulianova della riviera adriatica pubblicano i propri last minute e le promozioni per le tue vacanze più vantaggiose. Troverai offerte all inclusive, offerte con sconti per le famiglie, ed ancora promozioni hotel con ingresso ai parchi divertimento della riviera adriatica.
 

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera del Medio Adriatico per circa 5 km e ogni anno risorge tra il fiume Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno di tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio.
Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante solo 50 chilometri.


VILLAGGI TURISTICI 3 STELLE A GIULIANOVA

Cosa sono i parchi di vacanza Sono denominati parchi di vacanza i campeggi, a gestione unitaria, in cui è praticato l'affitto della piazzola a un unico equipaggio per l'intera durata del periodo di apertura della struttura. Nei parchi di vacanza è consentito, per non più del quaranta per cento delle piazzole, l'affitto delle piazzole stesse per periodi inferiori a quelli di apertura della struttura. Cosa sono gli affittacamere: Sono esercizi di affittacamere le strutture composte da non più di sei camere, con una capacità ricettiva non superiore a dodici posti letto, ubicate nello stesso appartamento ammobiliato, nel quale sono forniti alloggio ed eventualmente servizi complementari ai clienti. L’attività di affittacamere può essere svolta anche in maniera non professionale, cioè con carattere saltuario, da privati che utilizzano parte dell’ abitazione in cui hanno la propria residenza e domicilio. Cosa sono i bed & breakfast: la denominazione di “bed & breakfast” può essere usata solo da coloro che, oltre all’alloggio, forniscono il servizio di prima colazione. Cosa sono gli ostelli per la gioventù: Sono ostelli per la gioventù le strutture ricettive attrezzate per il soggiorno e il pernottamento dei giovani e dei loro accompagnatori. Cosa sono i residence: i residence sono strutture ricettive costituite da almeno sette unità abitative mono o plurilocali, con i requisiti igienico-edilizi previsti per le case di civile abitazione. Ogni unità è arredata, corredata e dotata di servizi igienici e di cucina e gestita unitariamente in forma imprenditoriale per fornire alloggio e servizi, anche centralizzati. Cosa sono le residenze d’epoca: Sono residenze d'epoca le strutture ricettive ubicate in complessi immobiliari di particolare pregio storico-architettonico assoggettati ai vincoli previsti dal decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42 (codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della L. 6 luglio 2002, n. 137), che offrono alloggio in camere e unità abitative, con o senza servizio autonomo di cucina, con il limite di venticinque posti letto. Nelle residenze d'epoca possono essere somministrati alimenti e bevande nel rispetto delle normative statali vigenti. Cosa sono gli alloggi agrituristici: L’agriturismo è l’ultima attività di ricezione turistica nata, essa svolge attività agrituristiche e si intendono le attività di ricezione e ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli di cui all'articolo 2135 del codice civile, anche nella forma di società di capitali o di persone, oppure associati fra loro, attraverso l'utilizzazione della propria azienda in rapporto di connessione con le attività di coltivazione del fondo, di silvicoltura e di allevamento di animali; gli ospiti non acquistano solo il soggiorno, ma anche la condivisione della quotidiana vita agricola e la conoscenza del patrimonio ambientale e culturale locali.
Villaggi Turistici a Giulianova (Te) AbruzzoItaly - Servizi:  Uscita Giulianova Km. 5
  IAT Giulianova tel. 085.8003013    Aeroporto d'Abruzzo (Pe)        
*** ADRIATICO VILLAGGIO TURISTICO
Lungomare Zara / Via Padova - Giulianova (Teramo)
Come raggiungere il Villaggio turistico “Adriatico” a Giulianova (Te) Abruzzo
Coordinate geografiche (GPS): Latitudine:  42.778734 | Longitudine: 13.949997
Servizi offerti dalla struttura 







Camping Village Adriatico
IL CAMPING ADRIATICO SI TROVA DIRETTAMENTE SUL MARE. All'uscita del camping, attraversati una pittoresca pista pedonale/ciclabile ci si trova direttamente in spiaggia. La spiaggia attrezzata di cui dispone è sabbiosa con mare pulito dal fondale che degrada man mano che ci si allontana verso il largo.  Il camping è completamente ombreggiato, è dotato di 60 piazzole attrezzate e di 40 strutture tra bungalow, villini e case mobili confortevoli e accoglienti. I bungalow ed i villini sono in muratura, le case mobili sono dotate di aria condizionata. Dotato di piscina con ingresso gratuito. Su richiesta, noleggi di biancheria da letto e da bagno. Dispone di locale lavanderia a gettoni, docce, lava piedi, noleggio biciclette. All'interno si trova il bar ed il minimarket, e vanta di un buon ristorante/pizzeria. Intrattenimenti serali e baby club. Ben collegato con il centro della città mediante bus navetta o bici.

INDICAZIONI STRADALI
Autostrada A14
• Da nord: Uscita Val Vibrata, Alba Adriatica; proseguimento verso sud sulla SS16, per Km. 8, a Giulianova prendere il primo sottopassaggio a sinistra, e subito a sinistra per via Padova.
• Da sud: Uscita Giulianova proseguimento sulla SS80 direzione Giulianova.

I DINTORNI
ASCOLI PICENO. Ascoli Piceno è una delle più interessanti città d'Italia, per lo straordinario tessuto urbanistico nel quale si fondono opere architettoniche di epoche diverse. Unico denominatore comune il pregiatissimo travertino locale. Ad Ascoli convivono medioevo e rinascimento, accanto a vestigia di epoca romana. Piazza del Popolo rappresenta il "cuore" della città, un vero e proprio salotto indicato come una tra le più belle piazze italiane. Vi si affacciano: il Palazzo dei Capitani del Popolo, con all'interno un percorso archeologico; la gotica chiesa di San Francesco; alcuni palazzetti in stile rinascimentale, con portici e merlatura. Tra le chiese, si segnalano: SS. Vincenzo e Anastasio, S. Pietro Martire, il Battistero, il Duomo, San Vittore, San Gregorio, Santa Maria inter Vineas, Sant'Angelo Magno. Notevoli i resti di epoca romana: Ponte di Solestà; i resti del ponte di Cecco; Porta Gemina; ruderi del teatro. Del periodo medievale restano numerosi edifici, porte e torri che spuntano ovunque. Dello stesso periodo è il palazzetto Longobardo. Tra gli altri monumenti, si segnalano: il palazzo dell'Arengo, il Forte Malatesta, la Fortezza Pia, la Loggia dei Mercanti, il Palazzo Vescovile. La Pinacoteca Civica custodisce opere di Carlo Crivelli, Alemanno, Cola dell'Amatrice, Tiziano, Guercino, Guido Reni. Ascoli Piceno offre una cucina tipica che riserva, tra l'altro, l'esclusiva specialità delle olive fritte ascolane. La prima domenica di agosto la città riprende l'aspetto di un tempo: infatti, in occasione dello svolgimento della Giostra della Quintana le sue vie sono percorse da oltre 700 figuranti in costume rinascimentale, i quali accompagnano i cavalieri al Campo dei giochi per il torneo cavalleresco.
 
CIVITELLA DEL TRONTO. Civitella del Tronto, fortezza di primaria importanza, ultimo baluardo borbonico a cadere, nel 1861, sotto la spinta unificatrice delle truppe piemontesi, nella sua lunga vita ha vissuto contingenze di ogni sorta. Fu fondata intorno al X secolo. Nel 1557 la storia segnala il primo grande assedio: cinque mesi passati invano sotto le sue mura da parte del duca di Guisa e delle truppe di papa Paolo IV. Tra le sue tante storie si ricorda una resa, onorevole, ma sempre resa, che nessuno degli assediati voleva materialmente, consegnando la bandiera al nemico francese. Il comandante Matteo Wade, dopo aver resistito quattro mesi all'assedio, non se la sentiva di offrire la bandiera, così pure i suoi ufficiali, allora il compito venne affidato ad un soldato divenuto cieco durante un combattimento, così nessuno avrebbe visto la bandiera in mano al nemico. Nella cittadina sottostante, di impronta gotica e tardo-rinascimentale, si trova la romanica Chiesa di San Francesco, con un ricco rosone. All'interno c'è uno splendido coro in legno del '400. La Chiesa di San Lorenzo, del '200, conserva una cripta della Beata Angiolina di Corbara e la croce in argento e rame di Sant'Ubaldo. Nei pressi, a est del centro abitato, è possibile ammirare la Porta duecentesca. Le centralissime via Mazzini e via Roma sono costellate da signorili abitazioni medievali e rinascimentali che rendono quanto mai pittoresco il cuore del centro abitato. Su piazza Rosati si erge il Palazzo del Conte de' Termes, del secolo XIV. Vi consigliamo, poi, una sosta refrigerante alla Fontana degli Amanti. Da vedere, inoltre, il Santuario di Santa Maria dei Lumi, di origine romanica, e l'Abbazia di Montesanato. Poco distante dal centro l'Eremo di San Michele Arcangelo con grotte ricche di stalattiti e stalagmiti e, più oltre, le Gole del Salinello, e i ruderi di Castel Manfrino, fatto costruire da re Manfredi.
 
ATRI. Atri ha radici antichissime e la città è databile fra il VII e il V secolo a.C. Nel 290 a.C. divenne colonia romana e, quando Roma dovette affrontare Annibale, trovò un sicuro alleato in Hatria che, successivamente, rifiutò persino di entrare nella Lega italica, scegliendo di combattere, ancora una volta, a fianco di Roma. Da Hatria veniva la famiglia dell'imperatore Adriano e alcuni storici attribuiscono ad Hatria l'origine del nome del mare Adriatico, origine contesa con l'Adria veneta e con la Andria pugliese. Caduto l'Impero romano Hatria subì le incursioni e il potere dei barbari. Sotto i Longobardi, come Teramo, fece parte del Ducato di Spoleto. Divenne poi dominio dei Franchi e dei Normanni. Nel secolo XII passò al Papa e poi agli Svevi, agli Angioini e, infine, alla potente famiglia degli Acquaviva che vi regnò fino al secolo XVIII. Nel 1775 la città fu data al Demanio e Ferdinando I concesse il titolo di Duca d'Atri al Conte di Conversano Carlo Acquaviva d'Aragona. La ricca storia di cui la città è stata protagonista è testimoniata ancora oggi dai numerosi monumenti e dalle particolari caratteristiche architettoniche che fanno di Atri una vera e proprio città d'arte e di storia, oltre che una meta turistica alla quale non si può sicuramente rinunciare. Da vedere: Basta raggiungere Piazza Duomo per ammirare un vero e proprio compendio della storia della città di Atri, le cui testimonianze maggiori si allineano proprio in questa piazza. A oriente si erge la Cattedrale di Santa Maria Assunta, innalzata nel 1285 su un'altra chiesa del IX-X secolo. Splendidi i suoi quattro portali, risalenti agli ultimi anni del Duecento. La facciata presenta un portale di Rainaldo e un rosone sormontato da una piccola nicchia che contiene una statua della Madonna con Bambino. L'interno, a tre navate, presenta un'abside quadrata con pareti affrescate da Andrea de Litio nella seconda metà del Quattrocento. Il museo annesso conserva preziose reliquie: maioliche dipinte, croci e pastorali di avorio e di argento, codici miniati, reliquiari, intagli di legno, statue e centinaia di frammenti e mosaici delle costruzioni più antiche. Splendidi anche il chiostro, a due ordini, e il campanile con coronamento ottagonale, terminato nel sec. XV da Antonio da Lodi. Del Settecento è, invece, la Chiesa da Santa Reparata, unita al fianco meridionale della basilica e ricca di testimonianze barocche. Sempre a piazza Duomo, nella parte settentrionale, si estende il porticato ad archi tondi di Palazzo Mambelli e, a meridione, il Palazzo vescovile e il Seminario appartenenti al Tardo Cinquecento. In questo spiazzo si trova anche l'ottocentesco Teatro comunale, ancora oggi perfettamente conservato e utilizzato per le stagioni teatrali e musicali. Uscendo poi, a sinistra del Teatro, su Corso Adriano, sempre a sinistra si incontra la Chiesa di Sant'Agostino, dei primi del Trecento, con un portale eseguito nel 1420 circa da Matteo da Napoli. Poco dopo, sulla destra si apre la fantastica facciata della Chiesa di San Francesco, riedificata, ai primi del Settecento, su una costruzione duecentesca. Al termine di Corso Adriano si giunge a Piazza Marconi, dove si erge, maestoso, il Palazzo Ducale degli Acquaviva, attuale sede comunale. È una sorta di fortezza, tutta in pietra che, edificata nella prima metà del Trecento, subì diverse trasformazioni nel '700. La sua facciata nasconde un cortile rinascimentale circondato da un loggiato che custodisce iscrizioni e resti romani. Dalla piazza, attraverso un arco, si accede al Larghetto San Nicola, con la chiesa omonima, fondata dopo il Mille e ricostruita nel sec. XIII. Da qui, attraversando via Picena si giunge a Largo Santo Spirito, dove c'è una Chiesa settecentesca, riedificata su una costruzione del sec. XII, che da il nome alla piazza. Quindi, percorrendo la circonvallazione che affianca le mura cinquecentesche e rientrando nella piazzetta San Nicola, riuscendone subito si incontra via Acquaviva al cui termine si trova la Chiesa di Santa Chiara, costruita nel Duecento ma riedificata nel Cinquecento. Proseguendo per via Santa Chiara, lungo il convento delle Clarisse, girando a sinistra si torna sulla circonvallazione, dove si trova la Chiesa di San Domenico risalente ai primi del Trecento. La chiesa, nella parte inferiore, conserva una struttura rivestita a fasce alterne in pietra e cotto. Il portale ricorda quello della Cattedrale, mentre la parte superiore e l'interno sono rifacimenti settecenteschi. Oltre che per i monumenti citati, per le antiche fontane, le grotte e per quelle vere architetture della natura che sono i calanchi, Atri merita sicuramente una visita per tutte le bellezze che conserva, testimonianza di una storia civile e artistica quanto mai ricca.


Giulianova, amore a prima vista

Cosa sono i parchi di vacanza Sono denominati parchi di vacanza i campeggi, a gestione unitaria, in cui è praticato l'affitto della piazzola a un unico equipaggio per l'intera durata del periodo di apertura della struttura. Nei parchi di vacanza è consentito, per non più del quaranta per cento delle piazzole, l'affitto delle piazzole stesse per periodi inferiori a quelli di apertura della struttura. Cosa sono gli affittacamere: Sono esercizi di affittacamere le strutture composte da non più di sei camere, con una capacità ricettiva non superiore a dodici posti letto, ubicate nello stesso appartamento ammobiliato, nel quale sono forniti alloggio ed eventualmente servizi complementari ai clienti. L’attività di affittacamere può essere svolta anche in maniera non professionale, cioè con carattere saltuario, da privati che utilizzano parte dell’ abitazione in cui hanno la propria residenza e domicilio. Cosa sono i bed & breakfast: la denominazione di “bed & breakfast” può essere usata solo da coloro che, oltre all’alloggio, forniscono il servizio di prima colazione. Cosa sono gli ostelli per la gioventù: Sono ostelli per la gioventù le strutture ricettive attrezzate per il soggiorno e il pernottamento dei giovani e dei loro accompagnatori. Cosa sono i residence: i residence sono strutture ricettive costituite da almeno sette unità abitative mono o plurilocali, con i requisiti igienico-edilizi previsti per le case di civile abitazione. Ogni unità è arredata, corredata e dotata di servizi igienici e di cucina e gestita unitariamente in forma imprenditoriale per fornire alloggio e servizi, anche centralizzati. Cosa sono le residenze d’epoca: Sono residenze d'epoca le strutture ricettive ubicate in complessi immobiliari di particolare pregio storico-architettonico assoggettati ai vincoli previsti dal decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42 (codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della L. 6 luglio 2002, n. 137), che offrono alloggio in camere e unità abitative, con o senza servizio autonomo di cucina, con il limite di venticinque posti letto. Nelle residenze d'epoca possono essere somministrati alimenti e bevande nel rispetto delle normative statali vigenti. Cosa sono gli alloggi agrituristici: L’agriturismo è l’ultima attività di ricezione turistica nata, essa svolge attività agrituristiche e si intendono le attività di ricezione e ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli di cui all'articolo 2135 del codice civile, anche nella forma di società di capitali o di persone, oppure associati fra loro, attraverso l'utilizzazione della propria azienda in rapporto di connessione con le attività di coltivazione del fondo, di silvicoltura e di allevamento di animali; gli ospiti non acquistano solo il soggiorno, ma anche la condivisione della quotidiana vita agricola e la conoscenza del patrimonio ambientale e culturale locali.

AMORE A PRIMA VISTA - Giulianova lascia un segno profondo al primo incontro, col suo fascino sottile di città di mare, quieta e solare per natura, vivace e spensierata all’occorrenza. Seguiteci: la vostra palpitante vacanza non può aspettare.


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu