Residenze nel centro urbano di Giulianova: La Villa Samì - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Residenze nel centro urbano di Giulianova: La Villa Samì

Giulianova > Cenni storici su Giulianova > Residenze e ville a Giulianova

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
L'Art Nouveau negli Stati Uniti: Nell’ambito dell’art nouveau si collocano gli esordi di Louis Sullivan, la personalità più innovativa del gruppo di architetti operanti a Chicago. Lo scopo di Sullivan è mantenere un perfetto equilibrio tra ornamento e semplificazione della struttura. Prima grande realizzazione di questo artista è il teatro dell’Auditorium Building a Chicago (1886), in cui gli elementi portanti in metallo assumono forme evocative del mondo vegetale. A partire dagli anni Novanta la struttura architettonica degli edifici di Sullivan si semplifica e si alleggerisce, mentre la vitalità esplode nelle ornamentazioni, spesso in metallo. Emblematica in questo senso è la facciata dei Magazzini Carson, Pirie& Scott di Chicago (1899-1904): nei piani superiori il razionale allineamento delle finestre sembra preludere agli indirizzi architettonici di pieno XX secolo, mentre nei due piani inferiori il rigoglio della decorazione in ferro, formata da elementi astratti intrecciati con altri dichiaratamente naturalistici, risulta ancora pienamente art nouveau. Il grande “artigiano” dell’art nouveau americano è Louis Comfort Tiffany, discendente di una famiglia di orafi, fondatore della Tiffany Glass&Decoration Company, incaricata di arredare e decorare le residenze più esclusive d’America, tra cui la Casa Bianca. La ricerca di Tiffany è rivolta alla decorazione della superficie del vetro mediante procedimenti chimici: il risultato più felice sono i raffinati favrile glasses che, a differenza dei vetri della Scuola di Nancy, rifiutano la forma organica privilegiando il modellato plastico con il decoro astratto e stilizzato.
 

Residenze nel centro urbano di Giulianova (Te) Abruzzo


                                                                                                                                  di Sandro Galantini

Villa Samì
 
Ubicazione: Via Nazario Sauro, 148
Epoca dell’impianto: primi del ‘900
Stato di conservazione: Buono
 
La villa si presenta su due livelli, interrotti, a destra, da una torre angolare alleggerita al terzo livello da aperture trifore alla sommità. Le superfici murarie sono perlopiù intonacate, tranne per alcune finte tracce di mattoni a vista che interrompono la monotonia delle facciate. Allo stesso modo sono trattate le aree vicino alle finestre, fasce e cornici di mattoni, infatti ne marcano la presenza in modo evidente. Le decorazioni della villa, abbastanza semplici, rievocano uno stile e forme medievaleggianti. Da notare il bell’ingresso ad apertura circolare sormontata da un terrazzino, del piano superiore, che fa da piccola loggia.


Villa Samì. Visione d’insieme, documento originale, Archivio storico Comune Giulianova.


 Villa Samì. Prospetto su Via Nazario Sauro.

  
Villa Samì. Da sinistra: particolare della loggetta e dei capitelli.

 


Giulianova lì II Novembre 1933 (XII°)


Illustrissimo Podestà
di Giulianova.


Per incarico del Sig. Samì Vincenzo,
proprietario del villino che dovrà
sorgere in Via Nazario Sauro, prego
S.V. Illustrissima di voler disporre
perché mi venga reso il progetto
presentato in data 22 Agosto. In pari
tempo ho l'onore di presentare alla
S.V. Illustrissima altro progetto in
luogo di quello ritirato, colla
preghiera di volerlo sottoporre al
giudizio della Commissione edilizia
nel più breve tempo possibile.
Del che la ringrazio e le porgo distinti
ossequi.

Dottor Ing. Alessandro De Annibale
 
 

Villa Samì: concessione edilizia, documento originale Archivio Storico Comunale Giulianova.


Villa Samì: prospetto laterale, documento originale Archivio Storico Comunale Giulianova.


Villa Samì: prospetto laterale, documento originale Archivio Storico Comunale Giulianova.


Villa Samì: prospetto laterale, documenti originali A.S. Comune Giulianova.


Villa Samì: sezioni longitudinale e trasversale, documenti originali A.S. Comune Giulianova.


Villa Samì: pianta piano terra, documenti originali A.S. Comune Giulianova.


Villa Samì: sezioni longitudinale e trasversale, documenti originali A.S. Comune Giulianova.
Il Liberty in Italia. Il Divisionismo, di derivazione del Simbolismo è una tendenza artistica sviluppatasi in Italia tra il 1885 e il 1915. I pittori divisionisti adottarono un procedimento molto simile a quello del neo-impressionismo francese. Scomponevano il colore con una separazione metodica delle tinte complementari. Ciò che li differenziava dai neo-impressionisti è che, invece di adottare il punto come elemento di base, utilizzavano un tratto molto più lungo e filamentoso. Ne derivavano delle immagini dalla illuminazione molto diffusa e antinaturalistica, dove le forme perdono peso e consistenza per fondersi in un’unica indistinta ondulazione luminosa. Gaetano Previati e Giovanni Segantini, già nel penultimo decennio dell'ottocento, dimostrano l'elaborazione del gusto estetico nuovo. Con gli anni novanta il gusto Liberty si diffonde presso gli artisti italiani come Boldini, Casorati, Vittorio Zecchin. Galileo Chini pubblica illustrazioni in puro stile Arte Nuova e con lui molti altri artisti di matrice simbolista, i divisionisti toscani e liguri come Plinio Nomellini, Giorgio Kierniek, Benvenuto Benvenuti, Giuseppe Cominetti ai quali fanno presto seguito esponenti del futurismo quali Boccioni e Balla.
Articolo di Sandro GalantiniSandro Galantini, storico e giornalista, e autore di oltre sessanta tra volumi, saggi e contributi apparsi in opere collettanee ed in riviste scientifiche relativi a questioni storiche abruzzesi dell’età moderna e contemporanea. Socio ordinario della Deputazione di Storia Patria negli Abruzzi, membro dell’Istituto Abruzzese di Ricerche Storiche e Socio Corrispondente dell’Istituto di Studi Abruzzesi di Pescara, ha conseguito per la saggistica storica numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali il “Filomena Carrara” nel 1996 ed il premio speciale “Lago Gerundo” nel 2006. Nel 2013 e stato insignito del titolo di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana per benemerenze culturali e chiara fama. Per l’Editore Paolo de Siena ha pubblicato nel 2001 Giulianova com’era. Storia e memoria della città attraverso le cartoline d’epoca ed ha curato nel 2004 il volume Il calcio a Giulianova dalle origini al 1960. Storia, eventi, personaggi.
L'Art Nouveau o Stile Liberty in Italia e in Europa. Che si chiami Liberty, Art Noveau» in Francia , «Jugendstil» in Germania, «Secessione» in Austria,«Modernismo» in Spagna o Modern Style in Gran Bretagna è chiaro che il riconoscimento di un nuovo movimento artistico fra la fine dell'Ottocento e l'inizio del novecento fu di portata internazionale. Nato inizialmente in Belgio, grazie all'architetto Victor Horta, il Liberty si diffuse presto in tutta Europa divenendo in breve lo stile della nuova borghesia in ascesa. In Italia ebbe inizialmente il nome di «Floreale», dove così si definiva lo stile nuovo e bizzarro lanciato dalle stoffe e dagli oggetti disegnati per i magazzini LIBERTY & CO. LTD. Lo stile Liberty rappresentò il primo modo in cui la società industriale cercò di darsi un'estetica, cercando ispirazione nella natura e nelle forme vegetali, per creare uno stile nuovo, totalmente originale rispetto a quelli allora in voga. I centri più importanti dello "Stile liberty del '900" furono Torino, Palermo, Firenze, Lucca, Viareggio, Milano, Roma, Emilia Romagna anche se c'è da sottolineare che la diffusione dello stile Liberty pone le sue radice in un'Italia relativamente “pigra” quasi dimentica della unità finalmente raggiunta e dei moti che nel Risorgimento l'avevano così caratterizzata. In questo clima di stasi, tuttavia, va generandosi nel campo artistico, una "minoranza modernista" desiderosa di affacciarsi sul resto d'Europa e che vuole opporsi concretamente alla trita e ritrita mescolanza di stili storici dell'arte "ufficiale".

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera del Medio Adriatico per circa 5 km di spiaggia e ogni anno risorge tra il fiume Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno di tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio. Da non perdere il centro storico di Giulianova Alta (GPS: Latitudine: 42.750797 / Longitudine: 13.958527 - Piazza Belvedere).

Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova Lido (GPS: Latitudine: 42.753486 / Longitudine: 13.966701 - Piazza Fosse Ardeatine) è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante solo 50 chilometri.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu