Residenze nel centro urbano di Giulianova: La Villa Moruzzi - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Residenze nel centro urbano di Giulianova: La Villa Moruzzi

Giulianova > Cenni storici su Giulianova > Residenze e ville a Giulianova

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
Il Liberty in Italia. Il Liberty o Stile Floreale è una forma d'arte italiana trasversale, che deriva dall'Art Deco e che coinvolge, oltre la pittura, molte arti minori e l'artigianato, con lo scopo di opporsi alla pianificazione indotta dalla industrializzazione che ormai aveva invaso tutti gli aspetti della vita. Il termine Liberty dal nome dell’inglese Arthur Lasenby Liberty (1858-1919), commerciante londinese di oggetti d’arte e di alta qualità destinati al largo consumo. Allo Stile Liberty italiano corrispondono, nei diversi paesi europei, il Modernismo in Spagna, l’Art Nouveau in Francia ed in Belgio, lo Jugendstil in Germania, il Modern Style o Art Decore in Inghilterra e il Secession Stil in Austria. Si tratta fondamentalmente di uno stile decorativo, che trovò espressione in un'ampia gamma di forme artistiche, dall'architettura al design di interni, dalla produzione di mobili alla grafica, dall'arte della lavorazione dei metalli e del vetro alla ceramica, dai disegni delle stoffe alle illustrazioni di libri, giornali e manifesti.
 

Residenze nel centro urbano di Giulianova (Te) Abruzzo


                                                                                                                                  di Sandro Galantini

Villa Moruzzi
 
Ubicazione: Via Nazario Sauro, 145
Epoca dell’impianto: primi del ‘900
Stato di conservazione: Ottimo
 
Villa Moruzzi è un edificio dalle forme semplici e robuste, costituito da due livelli su un basamento a cui si accede con una scalinata laterale.

Villa Moruzzi su Via Nazario Sauro; particolare dello stemma leonino della famiglia all’ingresso.

La facciata, con un avancorpo laterale, è evidenziata da fasce marcapiano, cantonali e bugne piatte che ne valorizzano le linee semplici e pulite. Da una foto d’epoca è possibile notare come negli anni l’edificio non sia cambiato per nulla, tranne che per il recinto, leggermente diverso, e per le superfici murarie, che in passato erano con mattoni faccia a vista.


Villa Moruzzi, Prospetto principale su Via Nazario Sauro.


Villa Moruzzi, Prospetto principale su Via Nazario Sauro; foto d’epoca.


Villa Moruzzi, prospetto verso il giardino si Via Nazario Sauro.
Il Liberty in Italia. Lo scopo dello Stile Liberty o Stile Floreale Verso la metà dell'800 in Europa si era imposta la Rivoluzione Industriale che stava producendo oggetti costruiti prima artigianalmente, pezzo per pezzo, fatti a mano e perciò, diversi l'uno dall'altro. L'obiettivo del Liberty fu quello di migliorare, decorandoli, gli oggetti prodotti dalle industrie per evitare di banalizzare la produzione in serie, con l'automatico rifiuto dei consumatori. Le decorazioni preferite derivavano da forme stilizzate dai tipici colori pastello, ispirate al Dolce Stil Nuovo, di fiori, frutta e grappoli d’uva, anfore, corone d’alloro, uccelli del paradiso, disegni geometrici, da questo la denominazione alternativa di Stile Floreale. I tempi dello Stile Floreale o Liberty: Lo Stile Floreale, chiamato successivamente Liberty, cominciò ad affermarsi in Italia nell'ultimo ventennio del 1800 e fu lo stile più applicato fino all'inizio della prima guerra mondiale. Durante questi anni si crea un nuovo linguaggio espressivo, un nuovo gusto che spesso impronta di sé tutte le arti, che rivaluta le linee curve, ispirate alle forme sinuose del mondo vegetale e combinate a elementi di fantasia. Le immagini così ottenute producevano effetti decorativi molto suggestivi e di grande eleganza, ma che in genere tendevano all’astrazione più pura. Quando nel Liberty comparivano delle immagini, queste risentivano molto del clima Simbolista, in voga in quegli anni. La stilizzazione delle figure era sempre molto evidente, risolte tutte sul piano della bidimensionalità con l’uso della linea funzionale di contorno.
Articolo di Sandro GalantiniSandro Galantini, storico e giornalista, e autore di oltre sessanta tra volumi, saggi e contributi apparsi in opere collettanee ed in riviste scientifiche relativi a questioni storiche abruzzesi dell’età moderna e contemporanea. Socio ordinario della Deputazione di Storia Patria negli Abruzzi, membro dell’Istituto Abruzzese di Ricerche Storiche e Socio Corrispondente dell’Istituto di Studi Abruzzesi di Pescara, ha conseguito per la saggistica storica numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali il “Filomena Carrara” nel 1996 ed il premio speciale “Lago Gerundo” nel 2006. Nel 2013 e stato insignito del titolo di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana per benemerenze culturali e chiara fama. Per l’Editore Paolo de Siena ha pubblicato nel 2001 Giulianova com’era. Storia e memoria della città attraverso le cartoline d’epoca ed ha curato nel 2004 il volume Il calcio a Giulianova dalle origini al 1960. Storia, eventi, personaggi.
Il Liberty in Italia. Gli interpreti del Liberty o Stile Floreale: Lo stile Liberty in Italia interessa in modo particolare l'architettura di edifici e le decorazioni degli interni. Il primo esempio resta il Palazzo Castiglioni di Milano, ideato dall'Architetto Giuseppe Sommaruga nel 1901, che è considerato la realizzazione che meglio esprime il Liberty italiano. L'esponente che raccolse fama internazionale, fu l'Architetto Raimondo D'Aronco a cui si devono i disegni per i padiglioni dell'Esposizione Universale di Torino del 1902, nei quali si uniscono elementi ispirati dalla Secessione austriaca con motivi di origine orientale. Altri interpreti del Liberty o Stile Floreale: Adolfo Wildt fu un altro personaggio italiano di spicco in questo ambito, con le sue originali decorazioni che non si risolvono in esuberanza decorativa floreale, ma in un rigoroso stilismo, con linee acute che sostituiscono le linee curve, realizzando eleganti forme assottigliate e allungate. Altro nome famoso resta quello dell'architettoErnesto Basile che nel 1902 firma il progetto per l’Esposizione di Palermo e che, con la Manifattura Ducrot, mette in opera i famosi arredi destinati al Grand Hotel Villa Igea di Palermo.

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera del Medio Adriatico per circa 5 km di spiaggia e ogni anno risorge tra il fiume Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno di tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio. Da non perdere il centro storico di Giulianova Alta (GPS: Latitudine: 42.750797 / Longitudine: 13.958527 - Piazza Belvedere).

Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova Lido (GPS: Latitudine: 42.753486 / Longitudine: 13.966701 - Piazza Fosse Ardeatine) è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante solo 50 chilometri.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu