Residenze nel centro urbano di Giulianova: La Villa Cerulli Irelli - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Residenze nel centro urbano di Giulianova: La Villa Cerulli Irelli

Giulianova > Cenni storici su Giulianova > Residenze e ville a Giulianova

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
Negli Stati Uniti esponente di spicco dell'Art Nouveau fu Louis Comfort Tiffany, i cui vasi e paralumi di vetro colorato restano inconfondibili per le loro fantasie iridescenti. In Germania lo stile Liberty si afferma col nome di "Jugendstil" (stile giovane). Fece la sua comparsa come ornamento di libri, con fregi, frontespizi, capilettera, cornici realizzate a motivi floreali e vegetali. In seguito, trovò spazio in ogni tipo di arredo, da tappezzerie e piastrelle, a manifesti, quadri, mobili. In Italia l'architettura Liberty vede il suo massimo esponente in Raimondo D'Aronco, a lui si devono i disegni per i padiglioni dell'Esposizione Universale di Torino del 1902, nei quali si uniscono elementi della Secessione austriaca con motivi di origine orientale. Fra le costruzioni ricordiamo la "Casa Castiglioni" a Milano, di Giuseppe Sommaruga, ritenuta la realizzazione che meglio esprime il Liberty italiano. Altro personaggio italiano di spicco in questo ambito è Adolfo Wildt. In lui il liberty non si risolve in esuberanza decorativa floreale, ma anzi, i un rigoroso stilismo. La linea sinuosa si fa acuta, le forme assottigliano e si allungano, il marmo viene levigato. In Austria il Liberty prende il nome di Secessionstil (Secessione) e raggiungere il suo apice nei dipinti di Gustav Klimt e nei mobili e progetti architettonici di Josef Hoffmann. In Spagna il Liberty assunse il nome e le caratteristiche estreme del modernismo ed ebbe il suo artista più originale in Antonio Gaudi.
 

Residenze nel centro urbano di Giulianova (Te) Abruzzo


                                                                                                                                  di Sandro Galantini

Villa Cerulli Irelli
 
Ubicazione: Lungomare Zara, 83
Epoca dell’impianto: primi del ‘900
Stato di conservazione: Buono
 
La Villa Cerulli Irelli costituisce una delle prime abitazioni di Giulianova Spiaggia. Si trova in una posizione molto privilegiata, di fronte al mare ed è immersa in un vasto parco.
L’edificio è costituito da un blocco compatto di medie dimensioni, dal quale, al piano terra, si aprono grandi avancorpi semiottagonali, verso nord e verso est. Le superfici murarie sono perlopiù intonacate, con bugnato liscio al livello inferiore e cantonali al livello superiore; la villa si contraddistingue per i colori accesi degli intonaci rosso scuro e giallo ocra con cui sono trattati il basamento, i cantonali e il bugnato piatto, le cornici attorno alle aperture e la cornice sottotetto.


Villa Cerulli Irelli, Prospetto frontale sul lungomare Zara.


Villa Cerulli Irelli, Particolare di un’apertura con terrazzo.


Villa Cerulli Irelli, cancellata esterna in ferro battuto con stipiti decorati.
Il Liberty in Italia. Ogni epoca genera uno stile che rappresenta la modernità. Nel decennio a cavallo tra Ottocento e Novecento la modernità si identifica nel Liberty, stile che, in Italia, ancor più che in architettura, si manifesta con rigoglio e straordinaria fantasia nelle arti applicate, soprattutto negli arredamenti di interni, nelle ceramiche, nella grafica e nei manifesti. 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE pubblica "Liberty in Italia" a cura di Irene Guttry e Maria Paola Maino, un volume che illustra la storia e l'evoluzione di questo stile nato nel nostro paese e accomunato con il Modern Style, l'Art Nouveau, lo Jugendstil, il Modernismo e la Secessione dallo stesso rigetto dell'imperante eclettismo e dal desiderio di liberarsi da quella disordinata imitazione di stili del passato che costringeva lo sguardo sempre all'indietro. Il termine Liberty evoca linee sinuose e ondulate, il gusto per l'asimmetria, l'uso del corpo femminile, dei fiori, delle piante e degli animali come soggetti di decorazione e rappresenta la felice conquista di singoli artisti all'avanguardia, ciascuno dei quali, con originalità e con uno stile suo proprio riconoscibilissimo, interpretò la ventata modernista. Con un riccho apparato iconografico, il box di approfondimento che prende in esame gli oggetti-icona, e la tavola sinottica che accosta le opere descritte agli eventi storici più importanti dell'epoca, il volume illustra, in maniera accurata e approfondita, la nascita e l'evoluzione del Liberty nel nostro paese.
Articolo di Sandro GalantiniSandro Galantini, storico e giornalista, e autore di oltre sessanta tra volumi, saggi e contributi apparsi in opere collettanee ed in riviste scientifiche relativi a questioni storiche abruzzesi dell’età moderna e contemporanea. Socio ordinario della Deputazione di Storia Patria negli Abruzzi, membro dell’Istituto Abruzzese di Ricerche Storiche e Socio Corrispondente dell’Istituto di Studi Abruzzesi di Pescara, ha conseguito per la saggistica storica numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali il “Filomena Carrara” nel 1996 ed il premio speciale “Lago Gerundo” nel 2006. Nel 2013 e stato insignito del titolo di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana per benemerenze culturali e chiara fama. Per l’Editore Paolo de Siena ha pubblicato nel 2001 Giulianova com’era. Storia e memoria della città attraverso le cartoline d’epoca ed ha curato nel 2004 il volume Il calcio a Giulianova dalle origini al 1960. Storia, eventi, personaggi.
Il volume Liberty in Italia è il primo della collana "Le arti applicate del XX secolo" pubblicata da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE. Il volume "Liberty in Italia" apre la collana "Le arti applicate del XX secolo". LIBERTY, stile. - Questo stile, che fu di moda per un breve periodo verso la fine del sec. XIX e il principio del XX, prese il nome dai signori Libetty e C. che in Inghilterra furono i primi ad applicarlo alla decorazione delle stoffe, dei mobili, degli oggetti di arredamento in genere. Dalla decorazione dei mobili passò poi anche nel campo dell'architettura con risultati poco felici. Le caratteristiche di questo stile consistono in motivi ispirati direttamente dal vero, specialmente dal mondo vegetale e floreale, con molta libertà di applicazione, con poco rigore stilistico, con poca solidità costruttiva e scarso senso architettonico. Di modo che il nome degli inventori divenne sinonimo di questa libertà che spesso degenerò in licenza, e la parola liberty passò in Francia, in Italia e in altri paesi di Europa a indicare una fioritura di arte decorativa, che venne qualificata anche col nome di art nouveau o stile floreale. Dai critici del tempo fu detto anche, per questa sua grande libertà, style sans style. Esso è l'esponente massimo del realismo, che aveva invaso tutta l'arte alla fine del sec. XIX, applicato alla decorazione. Il suo trionfo è segnato specialmente dalle due grandi esposizioni di Parigi del 1900 e di Torino del 1902. Questo stile fu salutato come una grande innovazione, improntato a caratteri di modernità, contro l'eclettismo archeologico ed erudito degli stili d'imitazione che lo avevano preceduto. Ben presto però questo stile decadde in una produzione di carattere puramente commerciale e di cattivo gusto; e finì col rifugiarsi in provincia, dove incontrò particolare favore, per scomparire poi completamente. Contro gli eccessi dello stile floreale reagì per prima l'arte decorativa austriaca, con la secessione viennese, che, ripudiando l'elemento naturale, si rivolse alla ricerca e alla stilizzazione rigorosa di forme astratte. E una conseguenza ultima di questa reazione è da vedersi anche nel movimento odierno contro le forme d'arte decorativa fiorite e sovraccariche, e nell'avvento di quello stile che va sotto il nome di funzionale o razionale.

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera del Medio Adriatico per circa 5 km di spiaggia e ogni anno risorge tra il fiume Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno di tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio. Da non perdere il centro storico di Giulianova Alta (GPS: Latitudine: 42.750797 / Longitudine: 13.958527 - Piazza Belvedere).

Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova Lido (GPS: Latitudine: 42.753486 / Longitudine: 13.966701 - Piazza Fosse Ardeatine) è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante solo 50 chilometri.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu