Residenze nel centro urbano di Giulianova: La Villa Castelli Montano - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Residenze nel centro urbano di Giulianova: La Villa Castelli Montano

Giulianova > Cenni storici su Giulianova > Residenze e ville a Giulianova

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
Italian Liberty - Il sogno europeo della grande bellezza: Domenica 23 luglio, alle ore 21, inaugurazione della mostra fotografica Italian Liberty. Il sogno europeo della grande bellezza, allestita al Palazzo del Turismo con le suggestive fotografie di autori internazionali che hanno vinto il premio foto e video Italian Liberty. A curare la rassegna è il giovane Andrea Speziali, esperto d'arte Liberty e autore di importanti scoperte nel campo dell'Art Nouveau, come gli affreschi di É. Hurtré e J. Wielhorski realizzati in un casolare di Correggio, oggi in stato di abbandono. Un felice ritrovamento avvenuto grazie alla ricezione di una foto di un concorrente urbex al premio. La mostra espone al pubblico stampe d'autore delle 33 immagini vincitrici nelle tre edizioni del premio svoltesi dal 2013 al 2015 ed è accompagnata dalla proiezione di quattro importanti video che raccontano l’Art Nouveau a Milano, Viareggio, a Livorno con le Terme del Corallo, a Cervia con villa Righini e in Lombardia con diversi edifici storici.
 

Residenze nel centro urbano di Giulianova (Te) Abruzzo


                                                                                                                                  di Sandro Galantini

Villa Castelli Montano
 
Ubicazione: Viale dello Splendore, 4
Epoca dell’impianto: tra il 1909 ed il 1918
Stato di conservazione: Discreto
 
La villa Castelli-Montano, posta all'inizio di viale dello Splendore ed edificata tra il 1910 e il 1918, è caratterizzata da una torre d'angolo che, con le sue ampie vetrate decorate, conferisce all'architettura della casa carattere di pregio e singolarità per il richiamo di queste strutture con gli elementi a torre dei castelli, riproponendo una tipologia di chiara derivazione toscana diffusa anche lungo il litorale adriatico. Oltre a caratterizzarsi come il primo edificio della zona in cui vengono realizzati solai in cemento armato, costituisce un’ottima espressione di quella tipologia di chiara derivazione toscana, dato l’impiego della torretta che conferisce particolare signorilità alla costruzione. Di impianto asimmetrico, sia nella pianta che nella composizione dei prospetti, la villa si sviluppa su un piano seminterrato più due livelli, in cui si distribuiscono varie aperture di altrettanto varia tipologia: loggiati con colonnine, finestre bipartite e tripartite e, nella esclusiva torretta, finestroni circolari. Il tutto è ornato con i più variegati e raffinati decori: a stucco e dipinti con temi di natura floreale e a strisce.
Ottima espressione di quella tipologia architettonica di chiara derivazione toscana, dato l'impiego della torretta che conferisce particolare signorilità alla costruzione. L'uso delle bifore sormontate da archetti ad ogiva, arricchite da capitelli decorati a stucco con fogliame originale sorreggenti una balaustra con fioriture in aggetto; la decorazione geometrica a strisce oblique e la decorazione a fresco sotto la linea del tetto raffigurante fiori e fogliame, conferiscono all'edificio quelle caratteristiche peculiari dell'Art Nouveau che in Abruzzo si manifesta in modo insicuro e non completo (1).
Fu costruita nel 1909 ed è inserita in una zona di ville signorili sviluppatesi all'inizio del secolo. La pianta è rettangolare a più corpi. Il fronte principale est, compositivamente più complesso, definisce l'intero organismo architettonico. Una scala marmorea laterale porta al piccolo portico d'ingresso sorretto da colonnine con capitello corinzio ed archetti a tutto sesto.
Al primo piano si osservano grandi finestre a sviluppo verticale, con archi ogivali e decorazioni a bande oblique fortemente colorate. La torretta laterale ha corpo in mattoni faccia a vista al piano terra. finestre ogivali al primo piano e grandi finestrature complesse ed originali al secondo piano. La torretta è adorna di decorazioni vegetali e di un sottotetto ligneo.
Nella parte posteriore il fabbricato presenta una loggia con colonne a bulbo e capitelli decorati con fogliame originale, sorreggenti una balaustra massiccia in marmo con fioritura ad altorilievo.
La copertura è a padiglioni impostati su più quote. Una grande lesena con capitello originale con motivi floreali media il passaggio con la parete laterale est, che per il resto ripete i caratteri generali del fabbricato. L'armoniosità tra gli elementi decorativi e quelli più propriamente architettonici è molto evidente in questo edificio grazie anche al fatto che l'elemento ornamentale acquista un ruolo funzionale. L'equilibrio e la proporzione delle espressioni architettoniche sono spezzati dall'uso degli archi e delle decorazioni sinuose e dall'uso di tinte sfumate e trasparenti (2).


Villa Castelli Montano, cartolina d’epoca, Collezione Pierino Santomo.


Villa Castelli Montano, particolare dei decori maiolicati delle torretta.

  
Villa Castelli Montano. Da sinistra vista dell'intero edificio e dell'ingresso.

  
Villa Castelli Montano: due particolari delle aperture al primo livello.

  
Villa Castelli Montano: vista dell’ingresso con scalinata.

  
Villa Castelli Montano: vista dell’intero edificio, ingresso; due particolari delle aperture al primo livello.

  
Villa Castelli Montano: vista delle decorazioni del cornicione con mensole e  propspetto su Viale dello Splendore.
 
-------------------------------
NOTE
(1) L. B. SALIMBENI, Eclettismo, Liberty, déco nell’architettura residenziale dell’Abruzzo Adriatico, Ediars, Pescara 2004.
 
(2) A.A.V.V., op. cit, 73
Il Liberty del Novecento. Un emozionante viaggio a ritroso nel tempo nel quale il fruitore potrà rivivere il fascino della Belle Époque, attraverso l’occhio dei fotografi vincitori che hanno saputo raccontare grazie alla tecnica della fotografia e del video uno tra gli stili più seducenti del Novecento: l’Art Nouveau. Il percorso espositivo è ampio e rappresenta tutto il Paese: i villini storici di Riccione in stile Liberty e Art Déco come villa Antolini, Pensione Florence, villa Turri e il Casinò di San Pellegrino Terme, il chiosco Ribaudo a Palermo, Villa Ruggeri sul lungomare di Pesaro, le scalinate Liberty dei palazzi milanesi realizzate da Giuseppe Sommaruga (ricordato quest'anno nel centocinquantesimo dalla nascita assieme a Hector Guimard), il teatro Ambra Jovinelli di Roma (tra i pochi edifici Liberty della città eterna), Villa Masini a Montevarchi (location del film ‘‘La vita è bella’’ di Roberto Benigni), Villa Zanelli a Savona, vari palazzi dell’Emilia-Romagna ed altro ancora. La mostra Italian Liberty. Il sogno europeo della grande bellezza prende il nome dall’omonima monografia edita da Cartacanta Editore ed è curata dal Direttore Artistico del premio, Andrea Speziali con la partecipazione di Cecilia Casadei per la critica fotografica.
Articolo di Sandro GalantiniSandro Galantini, storico e giornalista, e autore di oltre sessanta tra volumi, saggi e contributi apparsi in opere collettanee ed in riviste scientifiche relativi a questioni storiche abruzzesi dell’età moderna e contemporanea. Socio ordinario della Deputazione di Storia Patria negli Abruzzi, membro dell’Istituto Abruzzese di Ricerche Storiche e Socio Corrispondente dell’Istituto di Studi Abruzzesi di Pescara, ha conseguito per la saggistica storica numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali il “Filomena Carrara” nel 1996 ed il premio speciale “Lago Gerundo” nel 2006. Nel 2013 e stato insignito del titolo di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana per benemerenze culturali e chiara fama. Per l’Editore Paolo de Siena ha pubblicato nel 2001 Giulianova com’era. Storia e memoria della città attraverso le cartoline d’epoca ed ha curato nel 2004 il volume Il calcio a Giulianova dalle origini al 1960. Storia, eventi, personaggi.
Il Liberty in Italia. Cosa vuol dire Liberty italiano del Novecento, Pittura dell'ottocento, Scultura dell'ottocento Abbattere le frontiere tra arti nobili e arti minori e, quindi, la consapevolezza da parte degli artisti che fare un vaso richiede lo stesso impegno che dipingere un quadro, e che entrambi sono oggetti d’arte. E, soprattutto, c’è la consapevolezza del mondo moderno che avanza con le sue strutture e, quindi, con il sistema industriale, e il “dovere” che questi artisti sentono di capire come inserirsi nel sistema, progettando oggetti destinati ad essere prodotti industrialmente e ad avere un’enorme diffusione. Argomento dell`unità, trattato con l`ausilio di una completa scheda storica, è quello delle arti decorative e industriali strettamente legate ai modelli dell`art nouveau, che in Italia prende il nome di Liberty. Una sequenza del capolavoro di Luchino Visconti "Morte a Venezia" introduce le atmosfere suggestive del periodo. Ospite di Ugo Grgoretti è l`architetto Paolo Portoghesi, docente universitario e designer, uno dei massimi esperti italiani della materia. Gianna Piantoni, sovrintendente ai beni culturali, parla del museo Boncompagni Ludovisi, inaugurato di recente a Roma e dedicato esclusivamente al Liberty, del quale si vedono immagini molto significative. Fabio Benzi in qualità di Direttore artistico del Chiostro del Bramante a Roma, curò la mostra “Il Liberty in Italia”. La intervistammo con l’intento di portare in luce gli elementi strutturali del fenomeno.

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera del Medio Adriatico per circa 5 km di spiaggia e ogni anno risorge tra il fiume Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno di tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio. Da non perdere il centro storico di Giulianova Alta (GPS: Latitudine: 42.750797 / Longitudine: 13.958527 - Piazza Belvedere).

Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova Lido (GPS: Latitudine: 42.753486 / Longitudine: 13.966701 - Piazza Fosse Ardeatine) è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante solo 50 chilometri.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu