Residenze nel centro urbano di Giulianova: La Villa Brigiotti - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Residenze nel centro urbano di Giulianova: La Villa Brigiotti

Giulianova > Cenni storici su Giulianova > Residenze e ville a Giulianova

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
Il mobile in stile Liberty. I mobili antichi in stile Liberty sono lavorati ad intarsio in diversi tipi di legno in cui i colori sono accostati con gusto ed armonia a comporre decorazioni floreali e scene figurate di gusto simbolista. Molti mobili in stile Liberty, anche se con dimensioni ridotte, appaiono ispirati a modelli classici ed associano la raffinatezza delle applicazioni in bronzo con piccoli nudi femminili e motivi floreali è caratteristica dell'Art Nouveau. Spesso le gambe delle sedie, console o dei tavoli in stile Liberty richiamano motivi floreali con curve sinuose e delicate. Utilizzatissime sono le specchiere con intarsi e accostamenti legno-vetri colorati. Un mobile famosissimo di stile Liberty e ritenuto un capolavoro dei critici più stimati del nostro tempo è una credenza di EUGENE VALLI' conservata nella città di Nacy, centro tra i più importanti dell'Art Nouveau europea NEL MUSEE DE L'ECOLE DE NACY.
 

Residenze nel centro urbano di Giulianova (Te) Abruzzo


                                                                                                                                  di Sandro Galantini

Villa Brigiotti
 
Ubicazione: Lungomare Zara, 109
Epoca dell’impianto: primi del ‘900
Stato di conservazione: Buono
 
La villa, dal robusto corpo a tre piani, si affaccia sul lungomare nord di Giulianova.
Presenta una pianta poligonale, con gli avancorpi dai cantonali bugnati ed una fisionomia essenziale, ma elegante. All’ingresso principale, tripartito da colonnine a capitello composito e sormontato da un architrave leggermente aggettante decorato da festoni, si accede da una breve scalinata di travertino. L’avancorpo maggiore, che funge da torretta, ripete molti degli stilemi dell’epoca. Una grande finestra al primo piano, riquadrata da una cornice aggettante che termina in una cimasa elaborata e decorata a festoni, si divide in tre luci con colonnine che riprendono il motivo dell’ingresso. Il cornicione a sbalzo ed una fila di beccatelli aggettanti costituiscono il marcapiano della torretta.


Villa Brigiotti: particolare della finestra trifora al pian terreno.


Villa Brigiotti: particolare dell’ingresso.

I paramenti murali esterni sono realizzati a mattoni a vista, la copertura è a padiglioni multipli con manto a tegole. La pavimentazione interna è realizzata in cotto e ceramica. L’ampia corte che circonda l’edificio lascia supporre il progetto di realizzare un giardino , ma l’arredo botanico si limita a qualche arbusto ornamentale e due palme sul fronte (1).


Villa Brigiotti: particolare d’insieme dell’edificio torretta.


Villa Brigiotti: particolare della torretta dell'edificio. 
 
NOTE
(1) Ivi, p.79
Gli oggetti in stile Liberty. I gioielli in Stile Liberty potevano essere drammatici, simbolici, appariscenti; alcuni ebbero un aspetto imponente per le dimensioni e peso. I tipi di gioielli variavano dai diamanti ai pettini, dalle fibbie per scarpe agli spilli per cravatta. Estremamente vario fu l'impiego di colori, di materiali e tecniche: vennero usate pietre preziose, semi preziose e di poco pregio, metalli, materiali di origine animale come il corno e la tartaruga, e tutte le più elaborate e ingegnose lavorazioni con lo smalto nelle varietà trasparente, opalescente, ecc. Senza dubbio, Renè Lalique fu il più grande orafo della corrente artistica dello stile Liberty. I suoi pezzi erano vere e proprie opere d'arte, ammirate ovunque ed esposte in tutta Europa ed oltreoceano, imitate a diversi livelli di qualità. Oltreoceano parecchie sono le ditte americane specializzate nella produzione di Nouveau; però più tendente al Revival, a tratti con influssi bizantineggianti. Tiffany & Co., fondata a New York nel 1834, produsse una quantità illimitata di gioielli in stile Liberty.
Articolo di Sandro GalantiniSandro Galantini, storico e giornalista, e autore di oltre sessanta tra volumi, saggi e contributi apparsi in opere collettanee ed in riviste scientifiche relativi a questioni storiche abruzzesi dell’età moderna e contemporanea. Socio ordinario della Deputazione di Storia Patria negli Abruzzi, membro dell’Istituto Abruzzese di Ricerche Storiche e Socio Corrispondente dell’Istituto di Studi Abruzzesi di Pescara, ha conseguito per la saggistica storica numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali il “Filomena Carrara” nel 1996 ed il premio speciale “Lago Gerundo” nel 2006. Nel 2013 e stato insignito del titolo di Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana per benemerenze culturali e chiara fama. Per l’Editore Paolo de Siena ha pubblicato nel 2001 Giulianova com’era. Storia e memoria della città attraverso le cartoline d’epoca ed ha curato nel 2004 il volume Il calcio a Giulianova dalle origini al 1960. Storia, eventi, personaggi.
Come arredare casa in Stile Liberty. I mobili in stile Liberty non dovrebbero in realtà essere considerati mobili antichi in quanto con questo termine si intendono mobili che hanno almeno un secolo di età. Nonostante questo, si tratta di mobili che ancora oggi vengono presi in considerazione nel mondo dell'antiquariato e che anzi vengono trattati come mobili antichi di eccezionale prestigio. Secondo i canoni dello Stile Liberty, un primo fondamentale elemento che occorre tenere in considerazione è sicuramente la luce solare, la quale dovrà non soltanto filtrare abbondantemente attraverso le finestre, ma anche giungere nell'ambiente circostante leggermente alterata. Perciò, è caldamente consigliato l'utilizzo di vetrate colorate o multicolore. Nella scelta delle finestre, è bene evitare di accentuare e forzare eccessivamente lo stile: il bagno o solo una zona di un ampio ambiente si prestano perfettamente a questi giochi di luce e colori. Invece, sempre in accordo con i principi dello Stile Liberty secondo cui non si dovesse lasciare neanche un centimetro di muro visibile, sarà necessario ricoprire completamente le pareti con della carta da parati beige o color panna, dotata di fantasie floreali oppure orientali. Anche i pavimenti, per la medesima ragione, dovranno essere decorati tramite l'utilizzo di ampi tappeti scuri che contrasteranno con l'accentuata luminosità dell'ambiente. È consigliabile optare per complementi (per tutti gli ambienti: cucina, soggiorno, bagno e camere) che siano sontuosi e allo stesso tempo classici. Le linee devono essere morbide e con dettagli dorati, i mobili slanciati e, preferibilmente di colore chiaro e realizzati in legno di quercia oppure di frassino.

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera del Medio Adriatico per circa 5 km di spiaggia e ogni anno risorge tra il fiume Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno di tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio. Da non perdere il centro storico di Giulianova Alta (GPS: Latitudine: 42.750797 / Longitudine: 13.958527 - Piazza Belvedere).

Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova Lido (GPS: Latitudine: 42.753486 / Longitudine: 13.966701 - Piazza Fosse Ardeatine) è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante solo 50 chilometri.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu