L’enogastronomia in Abruzzo: Turismo per gusto - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

L’enogastronomia in Abruzzo: Turismo per gusto

Abruzzo > L'Enogastromia in Abruzzo

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
         
 
L’enogastronomia in Abruzzo: Turismo per gusto
 
“Abruzzo, nuova frontiera del cibo e del vino italiani di qualità. Il vino sta diventando maggiorenne: sulla scia di nomi che brillano fra le stelle dell’enologia mondiale ci sono solide realtà e tante scoppiettanti promesse che esaltano il Montepulciano e il Trebbiano. La cucina vede il fiorire di ristoranti che arricchiscono una generosa tradizione di cibi semplici costruiti con meravigliosi prodotti di terra e di mare…”
Enzo Vizzari, giornalista, responsabile “Guide l’Espresso”.
 
“Sono gli anni dell’Abruzzo questi: del suo bel territorio, vario ed eterogeneo, dei suoi prodotti rurali rimasti intatti, della scoperta della sua cucina gagliarda e complessa, dei suoi vigneti tradizionali e della riscoperta dei vitigni autoctoni. Insomma la regione è un laboratorio d’intelligente e bella sintesi tra modernità e tradizione che è lo specchio più attuale e felice della modernità enogastronomica”.
Alessandro Bocchetti, giornalista, Guide del Gambero Rosso.
 
“Da sempre ho amato e apprezzato i prodotti di questa splendida regione. Con le sue colline verdeggianti piene di pascoli in contrasto all’impressionante e maestoso Gran Sasso. L’Abruzzo racchiude bellezze e valori autentici, non ancora pienamente valorizzati e conosciuti (…). Credo che l’Abruzzo, con le sue bellezze e la sua ospitalità diventerà una delle mete preferite dai turisti di tutto il mondo”.
Heinz Beck, chef del ristorante La Pergola dell’Hotel Hilton.
 
“All’ultima edizione di Identità Golose, a fine gennaio a Milano, un paio di chef inglesi, al momento di seguire le lezioni di alcuni loro colleghi abruzzesi, si sono chiesti «Abruzzo? Where is it?», un dov’è l’Abruzzo? La cui risposta è arrivata a stretto giro di posta, seguendo le varie relazioni, con gli abruzzesi gongolanti perché tra Giulianova a nord e Vasto a sud, tra L’Aquila e Teramo e i monti a ovest e Pescara e l’Adriatico a est gli inglesi sono i turisti più numerosi, fedeli e felici di una Regione che ha tante belle facce, quasi tutte in fondo ancora da scoprire in pieno”.
Paolo Marchi, giornalista, ideatore e curatore di Identità Golose, congresso internazionale di cucina d’autore.
 
“Conosciuto più per il suo interno montuoso e le sue splendide aree protette, l'Abruzzo esprime in realtà anche una forte identità marinara: la sua gastronomia di costa e di bordo è nel segno di una gioiosa semplicità che, come le tradizioni culinarie legate alla pastorizia, alla civiltà rurale, alla festa, sa valorizzare materie prime diversificate ed eccellenti”.
Antonio Attorre, giornalista, redattore di Slow Food editore, docente di turismo eno-gastronomico.
 
Perchè l' Abruzzo per un italiano? perché evoca quella natura, quell' ambiente, quel mondo che troppa Italia ha ormai irrimediabilmente compromesso. Perché l' Abruzzo per un gastronomo? per quella facilità di ritrovarsi a stretto contatto con tante cose buone, con tanti sapori che ti fanno subito sentire il carattere e la fibra di questa regione. Grandi materie prime, come i formaggi, pensiamo a Scanno, come gli agnelli e i salumi, pensiamo a Paganica, come il pane acido a lievito madre, pensiamo a Pacentro. La novità è che ora questi prodotti vengono interpretati in maniera assai interessante e moderna. Segno che nell' Abruzzo le giovani leve della ristorazione avvertono l' importanza di coniugare le radici con i nuovi canoni alimentari. E' una regione bella e felice. Sarà, crediamo, sempre di più affascinante per noi che andiamo alla scoperta della cucina vera.
Luigi Cremona, giornalista, Touring Club, curatore e ideatore di Cooking for Wine.
 

 
Gastronomia
Una cucina, quella abruzzese, che ha molte anime, per la varietà del territorio e delle culture che in essa convivono. C’è l’evoluzione della cucina agropastorale, quella dei contadini e dei pastori “poveri” delle zone montane e pedemontane, fatta di piatti semplici e saporiti, di carni ovine, zuppe e minestre, formaggi ed erbe aromatiche e quella “colta e borghese” di Teramo, capace di valorizzare sapori primari con preparazioni più complesse: timballo di scrippelle; “mazzarelle”; “virtù”. Meno evocativa dell’Abruzzo -percepita come regione di montagne e aree protette- ma non per questo meno importante, la cucina marinara, che lungo i centotrenta chilometri di costa declina la varietà del pescato con semplicità e sapore, sposando il patrimonio di ortaggi e verdure delle colline a ridosso della costa. Una cucina, quella abruzzese, in costante evoluzione, che percorre con prudenza e misura la strada della modernità -per cotture, elaborazioni, presentazione dei piatti- senza snaturare la sua vera identità, la “verità” dei suoi sapori e della sua tradizione. Una nuova consapevolezza ed un orgoglio profondo della propria identità, accanto alla voglia di confronto e positiva emulazione, spingono “mostri sacri” e nuove leve della ristorazione verso traguardi sempre più importanti. La parola d’ordine? Qualità: nelle materie prime di un territorio generoso e vario; qualità degli ambienti e dell’accoglienza al cliente e al turista. E, infine, prezzi che sono davvero “a misura d’uomo” sia nella ristorazione che nell’accoglienza alberghiera.



Vino e Olio
Da clandestino a bordo, prezioso ospite non dichiarato in cantine prestigiose di molte aree rinomate d'Italia (e non solo...), a best seller nazionale: 13 milioni di bottiglie vendute nel 2006, primo vino con riferimento al vitigno in etichetta, e (dato recentissimo) vino sul podio, con Chianti e Nero d'Avola, come più venduto nella nuova grande distribuzione organizzata, quella con i banchi da vino lunghi decine di metri e gli armadi climatizzati per serbare e proporre al meglio i migliori, i top nazionali: quella, insomma, dove non manca più nessuna, o quasi, delle etichette-leggenda di Toscana e Piemonte. Un bel lavoro (“well done”, ben fatto, direbbero oltreoceano, dove pure i dati di export sono assolutamente rilevanti) quello del Montepulciano d'Abruzzo, uva bandiera di queste terre, e già uva-risorsa di altre. Oggi il vino che se ne ricava gioca in casa, non più esule, a carte ed etichette scoperte. E lo seguono in trenino, pur se non con pari impeto, il Trebbiano e, soprattutto, le nuove nicchie: il Cerasuolo, in spolvero evidente e il Pecorino, riscoperta e insieme new entry di successo. Quanto all'olio, “compare” di collina della vigna di qualità, trova nei tanti olivicoltori appassionati (45.000 gli ettari olivetati) la piena valorizzazione delle varietà locali: dritta, gentile di Chieti e più rare cultivar locali come tortiglione, nebbio, intosso con le arciclassiche leccino (soprattutto) e frantoio (a distanza). Gli extravergine abruzzesi non vanno di certo più sdoganati, semmai ancor più valorizzati sul mercato italiano dopo i tanti successi sul mercato mondiale. A braccetto con le eccellenze della gastronomia (e la nuova visione dei migliori operatori della ristorazione) anche gli extravergine danno l'assalto al cielo. Che il vigneto Abruzzo, in buona parte, da qualche lustro già sfiora o tocca con un dito.

Vacanze in Italia. Mille sono i motivi per trascorrere uno splendido weekend nelle città d'arte italiane. Non programmate la vostra vacanza “soltanto” alla scoperta dei musei più noti come il Vaticano e il Colosseo a Roma, gli Uffizi e il David di Michelangelo a Firenze, il Palazzo Ducale di Venezia e l'Ultima Cena di Leonardo a Milano, imperdibili nel vostro itinerario (prenotate l'ingresso per saltare la lunga coda!). Provate anche qualche esperienza più particolare. Vi presentiamo alcune nuove ed esclusive visite, con aperture straordinarie e limitate, alla scoperta di mestieri antichi e degustazioni esclusive che renderanno indimenticabile la vostra vacanza.
GLI UFFICI D’INFORMAZIONE ED ASSISTENZA TURISTICA PRESENTI NELLA REGIONE ABRUZZO.
LOCALITÀ
TELEFONO
TELEFONO
EMAIL
0861.112426
0861.71187
085.922202
085.9290209
CHIETI (Ch)
0871.63640

085.817169
085.816649
085.8003013

0872.717810

0862.410808
0862.410340
0862.223 06

0861.762336

0873.944072

08S.44S88S9

NAVELLI (Ch)
0862.959158

ORTONA (Ch)
085.9063841

0863.706079

PESCARA (Pe)
085.4219981

085.4225462

005.4322120

0863.910461
0863.910097
0864.641440

PINETO (Te)
085.9491745
085.9491341
0864.69351

085.852614

0864.62210

085.8991157
0873.345550

085.930343

SULMONA (Aq)
0864.53216

0863.610318

TERAMO (Te)
0861.244222

VASTO (Ch)
0873.367312
Denominazione di Origine Controllata “Cerasuolo D’abruzzo”: Approvata come tipologia della DOC “Montepulciano d’Abruzzo” con DPR 24.05.1968, G.U. n.178 - 15.07.1968 Riconosciuta DOC con DM 05.10.2010 G.U. 242 - 15.10.2010 Modificato con DM 07.12.2010 G.U. 298 - 22.12.2010 Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP Modificato con D.M. 3.10.2012 G.U. 245 - 19.10.2012 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf Prodotti DOP e IGP - Sezione Vini DOP e IGP Modificato con D.M. 7.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf Prodotti DOP e IGP - Sezione Vini DOP e IGP Modificato con D.M. 22.12.2014 G.U. 10 - 14.01.2015 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf Prodotti DOP e IGP - Sezione Vini DOP e IGP. La Denominazione di Origine Controllata “Cerasuolo d’Abruzzo” è riservata ai vini ottenuti dalle uve provenienti da vigneti che nell’ambito aziendale risultano composti dal vitigno Montepulciano almeno all’85%. Possono concorrere le uve di altri vitigni a bacca rossa non aromatici idonei alla coltivazione nella regione Abruzzo, da sole o congiuntamente fino ad un massimo del 15%. La zona di produzione dei vini comprende i terreni nei comuni in provincia di Chieti, dell’Aquila, Pescara e Teramo. I vigneti devono trovarsi su terreni ritenuti idonei per la produzione della denominazione di origine di cui si tratta. Le operazioni di vinificazione, conservazione ed affinamento devono essere effettuate all’interno della zona di produzione delimitata nel disciplinare. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata per il “Cerasuolo d’Abruzzo” è di 14 ton/ha mentre per il “Cerasuolo d’Abruzzo” superiore è di 12 ton/ha. La resa massima dell’uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore al 70%. Questo vino DOC ha un caratteristico colore rosa ciliegia più o meno carico, odore gradevole finemente vinoso, fruttato, fine e intenso. Il sapore è secco, morbido, armonico, delicato con retrogusto gradevolmente mandorlato. Il titolo alcolometrico volumico totale minimo è il 12% vol. per il “Cerasuolo d’Abruzzo” e 12,5% vol. per il “Cerasuolo d’Abruzzo” superiore.

Regione della biodiversità, l’Abruzzo testimonia con la propria realtà e con le proprie scelte a favore dell’ambiente come sia possibile far coesistere uno straordinario patrimonio naturalistico con la presenza costante, dinamica, non distruttiva dell’uomo.
Tre Parchi Nazionali: Lo storico Parco Nazionale d’Abruzzo, quelli del Gran Sasso-Monti della Laga e il Parco Nazionale della Majella istituiti di recente; un Parco regionale, il Sirente-Velino, oltre 30 riserve e oasi naturalistiche gestite direttamente sia dai Comuni o dal Corpo Forestale dello Stato che dalle Associazioni ambientaliste; tutto questo fa dell’Abruzzo la Regione dei Parchi, con circa il 30% del proprio territorio sottoposto a tutela.

 
Terme e benessere in Abruzzo. Vacanze per curarsi, per conservare la salute, per ritrovare e mantenere quell'equilibrio tra il corpo e la mente che aiuta a restare giovani a lungo. Terra di grandi orizzonti verdi, di spazi di natura incontaminati e di spiagge adatte a un turismo tranquillo, l’Abruzzo offre interessanti possibilita' anche a chi preferisce soggiornare in collina. Molte tra le localita' ai piedi della montagna sorgono tra i 400 e i 900 metri, e possono quindi ospitare senza problemi chi avrebbe delle difficolta' a salire eccessivamente di quota. Per chi ha bisogno di cure termali, infine, l'Abruzzo offre l'attrezzatissima stazione di Caramanico Terme, ai piedi della natura selvaggia della Majella, e i centri di cura di Popoli e Raiano. Meritano una citazione anche le salutari acque minerali di Canistro.
Turismo in Abruzzo, tra natura e turismo rurale: Il turismo in Abruzzo offre i più vari e meravigliosi panorami, dalla catena alpina (la catena montuosa più importante d'Europa ) alle spiagge di corallo, dai parchi nazionali e dalle foreste incontaminate alle più belle isole del Mediterraneo. L’Abruzzo, nazione , con la sua biodiversità, con le sue regioni, presenta: montagne, colline, fiumi, laghi, coste e mari incontaminati. L’Abruzzo è un grande paese da godere con monumenti ed opere d’arti di indubbio valore, che accoglie visitatori da tutte le parti del mondo. Sito dedicato al turismo sulla Regione Abruzzo con informazioni turistiche sulla Abruzzo, dove passare il tempo libero in Abruzzo, con itinerari di enogastronomia nella Regione Abruzzo. Qui troverete l’elenco completo delle strutture ricettive nella Regione Abruzzo: alberghi in Abruzzo, Residence in Abruzzo, bed & breakfast in Abruzzo, campeggi in Abruzzo, Villaggi turistici in Abruzzo, case per le ferie in Abruzzo, Alloggi agroturistici in Abruzzo, In più, gli IAT - Informazione Accoglienza Turistica in Abruzzo, IAT in Abruzzo, Pro-loco in Abruzzo, Informazioni turistiche sulla Regione Abruzzo, Agenzie per il turismo in Abruzzo con informazioni, utili sulle guide di viaggio, e offerte hotel in Abruzzo. Informazioni sui servizi in Abruzzo, Informazioni di interesse generale sulla Regione Abruzzo, Informazioni turistiche sulla Regione Abruzzo, Meteo in Abruzzo, Proloco in Abruzzo. Tourism in Abruzzo, nature and rural tourism: Tourism in Abruzzo offers the most diverse and beautiful landscapes, from the Alps (the most important mountain range in Europe) to the coral beaches, national parks and pristine forests to the most beautiful Mediterranean islands. Abruzzo, nation, with its biodiversity, its regions, has mountains, hills, rivers, lakes, coasts and seas pristine. Abruzzo is a great country to enjoy with monuments and works of art of great value, which welcomes visitors from all over the world. Site dedicated to tourism on the region of Abruzzo Abruzzo tourist information about where to spend leisure time in Abruzzo, with food and wine tours in Abruzzo. Here you will find the complete list of accommodation in Abruzzo: Abruzzo Hotels, Apartments in Abruzzo, Bed & Breakfast in Abruzzo, Abruzzo campsites, holiday villages in Abruzzo, holiday homes in Abruzzo Accommodation Agro-tourism in Abruzzo Plus , the IAT - Tourist Information in Abruzzo Abruzzo IAT, Pro-loco in Abruzzo Tourist Information on Region Abruzzo Abruzzi tourism agencies with information on useful travel guides, and hotel deals in Abruzzo. Information about services in Abruzzo, information of general interest on the Abruzzo Region, Tourist Information on Region Abruzzo Weather in Abruzzo Abruzzo Proloco. Tourisme dans les Abruzzes, la nature et le tourisme rural: tourisme dans les Abruzzes offre les paysages les plus variés et magnifiques, des Alpes (la chaîne de montagnes la plus importante en Europe) sur les plages de corail, des parcs nationaux et forêts vierges les plus belles îles de la Méditerranée. Abruzzes, une nation, de sa biodiversité, ses régions, a des montagnes, collines, rivières, lacs, mers et côtes vierges. Abruzzes est un grand pays à déguster avec des monuments et des œuvres d'art d'une valeur inestimable, qui accueille les visiteurs de partout dans le monde. Site dédié au tourisme sur la région des informations touristiques Abruzzes Abruzzes pour savoir où passer son temps libre dans les Abruzzes, avec de la nourriture et des visites de vignobles dans les Abruzzes. Ici vous trouverez la liste complète des hébergements dans les Abruzzes: Hôtels Abruzzes, dans les Abruzzes Appartements, Bed & Breakfast dans les Abruzzes, campings Abruzzes, villages de vacances dans les Abruzzes, maisons de vacances dans les Abruzzes Hébergement Agro-tourisme dans les Abruzzes Plus , l'IAT - Office du Tourisme dans les Abruzzes Abruzzes IAT, Pro-loco dans les Abruzzes d'information touristique sur les agences de la région des Abruzzes Abruzzes tourisme des informations sur les Guides de Voyage utiles et des offres hôtel dans les Abruzzes. Information sur les services dans les Abruzzes, des informations d'intérêt général sur la région des Abruzzes, des informations touristiques sur la région des Abruzzes Météo dans les Abruzzes Abruzzes Proloco.

L’Abruzzo si trova all’incirca al centro della penisola italiana, ad una latitudine corrispondente a quella del medio e basso Lazio, con il quale confina ad occidente. A Nord i confini della Regione toccano le Marche, ad Est il mare Adriatico, a Sud e Sud-Est il Molise. Copre una superficie di 10.794 Kmq ripartita in quattro province: L’Aquila, Chieti, Pescara e Teramo, con una popolazione vicina al milione e trecentomila.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu