I Comuni della Provincia di Teramo: Tossicia - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Comuni della Provincia di Teramo: Tossicia

Teramo

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
Nel borgo di Tossicia, poi, oltre alle case medievali con bifore e stemmi degli Orsini, si segnalano la graziosa Cona rinascimentale di Santa Teresa e l’imponente Palazzo marchesale, adesso restaurato e sede del Municipio di Tossicia. E proprio il Palazzo Marchesale ospita il Museo della cultura materiale delle genti del Gran Sasso, un luogo nel quale storia, tradizione e folklore di Tossicia si fondono in un mix suggestivo ed irripetibile. Al suo interno, è esposta la mostra permanente di Annunziata Scipione, pittrice naif le cui opere offrono un vivace affresco dell’immaginario popolare tossiciano e della sua “cultura materiale”.
 

Città di Tossicia

Tossicia (Provincia di Teramo)
Distanza dal capoluogo di provincia (Km): 19
Abitanti: 1.515
Altitudine: 409 mt. s.l.m.
Frazioni: Azzinano, Castelmaidetto, Colledonico.

Comune di Tossicia
Salita del Castello - 64049 Tossicia (Te)
Tel.: 0861.698014 - Fax:  0861.698170
Sito web:
www.comune.tossicia.te.it
Posta certificata:  sindaco@comunetossicia.gov.it
Posta ordinaria: info@comune.tossicia.te.it

I.A.T.: Informazione Accoglienza Turistica
Telefono:   - Fax:

Storia:
Il rinvenimento di Tombe neolitiche in zona fa presupporre la presenza di insediamenti fin dai tempi antichi. Incerta è l'origine del toponimo, come quella del paese; per alcuni deriva da Turris in Valle Siciliana, in cui si trova il paese; per altri da toxicum (veleno), in riferimento alle serpi che infestatavano la zona, alle quali rimanda anche lo stemma del Comune, sul quale campeggia un serpente, oltre al fatto che gli abitanti sono tuttora chiamati serpari.
Per altri ancora la fondazione del primo nucleo risalirebbe al secolo nono, quando un barone, Tosia, vi edificò una villa, a cui diede il proprio nome.
La prima menzione, come Tusciciam, si ha nel Catalogo dei Baroni (1150-1168), come possedimento di Oderisio di Collepietro. Con il toponimo "Tussicia" compare poi in un documento del 1262.
Dopo essere appartenuto ai discendenti di Oderisio, i "di Pagliara", conti di Manoppello, fu degli Orsini. In seguito alla ribellione di Camillo Pardo Orsini, nel 1526, fu concesso dall'imperatore Carlo V al capitano spagnolo Ferrante de Alarcon y Mendoza, alla cui dinastia appartenne fino alla dissoluzione della feudalità.
Dopo l'Unità d'Italia fu teatro di violenti scontri tra la Guardia Nazionale e i briganti locali, fedeli ai Borboni.

Arte e cultura:
Nel parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, al centro della Valle Siciliana, sulla strada che conduce al Santuario di S.Gabriele, è frequentato attualmente da pellegrini di passaggio, ma non manca di attrattive per consigliare una sosta più lunga: percorsi naturalistici, religiosi, storico-artistici, inoltre un centro ippico, aperto di recente, che comprende anche campi da tennis e aree pic nic.
Il centro storico del paese, frutto di successivi ampliamenti e ristrutturazioni di un edificio fortificato di epoca medievale è caratterizzato da un'edilizia che data in prevalenza dal XVIII secolo.
Numerose sono tuttavia le testimonianze architettoniche risalenti ai secoli XV e XVI: il palazzo marchesale, i resti del castello e di case medievali , ma soprattutto alcune chiese. Tra queste la chiesa di S.Antonio, con un bellissimo portale tra il gotico e il rinascimentale, ricco di ornati e raffinate sculture, recante la data del 1471 e il nome dell'autore, Andreas Lombardus, a conferma del fatto che, tra l'undicesimo e il quindicesimo secolo, lavoravano in Abruzzo molti artisti lombardi, i quali trasmettevano la propria arte ad allievi locali.
All'interno della Chiesa è conservata una pregevole tela: la Circoncisione, di Rico da Montereale(1595). La chiesa di Santa Sinforosa (secc. XV-XVI), dal portale gotico, custodisce una Madonna scolpita in legno e un monumento funebre di epoca rinascimentale.
Fuori dall'abitato merita una visita la chiesetta della Madonna della Neve (o cona di S. Teresa), aperta sul davanti con un arco in stile rinascimentale, attribuita a Girolamo da Vicenza (XVI secolo).
Nel territorio circostante al paese operano numerose botteghe artigiane del legno, aperte al pubblico; si producono inoltre paliotti tessuti a mano e coperte (nella frazione di Azzimano).
Nella frazione di Chiarino continua la storica lavorazione artigianale del rame documentata nel Museo Civico delle Tecniche Tradizionali Artigiane e nel Museo del rame. In passato si producevano soprattutto utensili da lavoro e da cucina, tra cui le artistiche conche con cui le donne prendevano l'acqua dalle fontane e i "callari", un tempo indispensabili per la preparazione delle prelibate specialità della cucina teramana, tra cui la pasta con le pallottine, il timballo di scrippelle, le "scrippelle 'mbusse", le "mazzarelle".
Attualmente gli oggetti dell'artigianato del rame sono destinati soprattutto all'arredamento, a cui conferiscono toni di esclusiva raffinatezza, grazie alle calde tonalità cromatiche e all'artisticità delle decorazioni.

Illustri:

Musei:
Museo Civico delle Tecniche Tradizionali Artigiane, Via Salita del Castello - Palazzo Marchesale.
Orario di apertura: luglio-agosto 10.00-13.00 e 16.00-20.00 - giorno di chiusura: lunedì
settembre - giugno 9.00-13.00 escluso i festivi - giorno di chiusura: lunedì.
Info: tel. 0861.698014 fax 0861.698170.

Eventi:
24 giugno, festa di S.Giovanni Battista.
Luglio, festa di S. Sinforosa, sagra della bruschetta (Tozzanella)
Sagra del fagiolo e della costatella.
11-13 agosto, I Mendoza nella valle siciliana, rievocazione storico-teatrale e gastronomica.
6 settembre festa del patrono, S.Emidio.

 

 Alberghi a Tossicia
 Residenze turistico alberghiera a Tossicia
 Residence a Tossicia
 Case per le vacanze a Tossicia
 Appartamenti a Tossicia
 Country House a Tossicia
 Bed and breakfast a Tossicia
 Alloggi agroturistici a Tossicia
 Campeggi a Tossicia
 Villaggi turistici a Tossicia
 Ostelli della Gioventu' a Tossicia
 Case per le ferie a Tossicia
 Affittacamere a Tossicia
 Aree sosta per camper a Tossicia

 

Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Teramo

Merita una visita anche la vicina Azzinano, divenuta famosa in tutt'Italia per i murales naif che, con colori vivacissimi, dipingono sui muri delle case i giochi tradizionali del passato. A completare le attrattive storiche e naturalistiche di Tossicia, il Museo delle tecniche artigiane, la Mostra permanente sulla Storia abruzzese dal Fascismo alla Resistenza ed un grande Centro ippico ("La Sella del gigante"), con campeggio per caravan e tende, campi da calcio e tennis e sentieri attrezzati per passeggiate a cavallo nel Parco.
Una caratteristica dell’Abruzzo è la varietà morfologica del territorio che mette a confronto realtà solitamente distinte e difficilmente coniugabili, come mare e montagna, parchi nazionali, riserve naturali e centri storici, collegati con un’efficientissima rete stradale. Dalla foce del_Tronto a quella del Trigno 129 chilometri di costa, assolata e godibile dalla primavera all’autunno, fronteggiano i massicci più elevati dell’Appennino, tanto che non è raro poter scorgere dal litorale sabbioso e in piena vacanza marina le cime innevate del Gran Sasso e della Maiella. Del resto la storia antropologica e sociale della regione Abruzzo è tutta coniugata sul costante rapporto mare-montagna, vissuto dalla gente.
Tanti gli appuntamenti culturali e folkloristici a Tossicia che ogni anno si svolgono nel comune di Tossicia, ad iniziare dalla suggestiva rievocazione storiche “I Mendoza nella Valle Siciliana” , ai grandiosi falò in onore di Sant'Antonio che ogni anno, il 17 gennaio, illuminano i borghi di Tossicia e Villa Alzano. Ed infine, per i "buongustai", l'enogastronomia: la sagra del “fagiolo e della costatella” a Tossicia, nel mese di luglio, la "sagra del Timballo" di Aquilano e quella della “bruschetta” a Tozzanella a Tossicia.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu