Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Sant'Eusanio del Sangro - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Sant'Eusanio del Sangro

Chieti
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 
Incerte risultano le origini del paese di Sant'Eusanio del Sangro, ma la conformazione stessa dell’agglomerato urbano, raccolto nelle vicinanze di una chiesa di costruzione relativamente recente, esclude la presenza di tradizioni storiche importanti, anche se i Cronisti Lancianesi riferiscono che già nell’anno 165 d.C., nella località ove La cittadina sorge ora Sant’Eusanio del Sangro, vi era un «conciliabolo» di nome Euxanum che aveva un posto assegnato nel campo delle fiere di Lanciano. Secondo il sottoscritto questa notizia trova riscontro in ruderi, cisternoni e sepolcri rinvenuti nel vicino colle di Fontepaduli, ma soprattutto nella considerazione che tale località, in epoca romana, rappresentava un passaggio obbligato sulla direttrice che da Juvanum conduceva ad Anxanum, dopo aver attraversato il fiume Aventino nelle vicinanze di Romulea; inoltre il «conciliabolo» è per definizione un villaggio romano sede di fiere e di mercati. Il nome più antico del paese di Sant'Eusanio del Sangro, storicamente certo, è senz’altro «MONTECLO» che in un antico Codice attribuito a Giuseppe Coppola: Relazione sullo scoprimento del corpo di Santo Eusanio (Roma), non databile con precisione, ma anteriore al 1198, viene definito «luogo del contado di Chieti». Qui, secondo la narrazione del Codice, il Santo Eusanio, Vescovo di Siponto, ridiede la vista alla cieca Teoconia ed alcuni anni dopo la sua morte gli fu dedicata una chiesetta, meta di numerosi pellegrini, che estesero il nome del santuario di Sant'Eusanio del Sangro al nucleo delle poche abitazioni sorte attorno ad esso.
 
L’attuale nome del paese di Sant'Eusanio del Sangro compare per la prima volta in un diploma del 1176, riferito dall’Ughelio, dove si parla dei diritti dei vescovi teatini e si nomina non solo Monteclo, ma anche « SANT’EUSANIO cum Castello suo»; invece nel Catalogus Baronum del 1204 la località figura con il nome SANCTUM EUSANIUM come «feudo di due militi posseduto dall’Abbazia di San Giovanni in Venere». E’ questo sicuramente il primo periodo storico ben documentato di Sant'Eusanio del Sangro; durante la fase della colonizzazione monastica benedettina l’attuale territorio era suddiviso in tre feudi: SANTA COLOMBA, VILLA SANT’EUSANIO e LENTESCO o BUONTALENTO, unificati tra il 1607 e il 1654, cioè dopo il 1606, anno in cui passarono in commenda alla Congregazione dell’Oratorio di San Filippo Neri di Roma. I padri filippini ne tennero il possesso fino al 1793, data del sequestro della loro temporalità; nel 1798 la Congregazione ottenne a titolo di enfiteusi il recupero dei beni dell’Abbazia dietro compenso di un canone di 2.200 ducati e li conservò fino al 1873, quando essi furono dichiarati di pubblico demanio. Si può affermare, pertanto, che le sorti del Comune di Sant'Eusanio del Sangro coincidono con quelle più generali del Regno di Napoli prima e del nuovo Regno d’Italia dopo il 1861. Infatti il paese di Sant'Eusanio del Sangro conobbe la dominazione francese, quella borbonica, i problemi conseguenti all'Unità d'Italia, il fenomeno del brigantaggio, l'occupazione tedesca, lo sfollamento; ai più tristi di questi avvenimenti sono legati i nomi di valenti politici e arditi combattenti santeusaniesi, che seppero anteporre alla incolumità personale il ben più nobile fine patriottico.


Città di Sant'Eusanio del Sangro

Per ricordarne solo alcuni di Sant'Eusanio del Sangro, in ordine cronologico, citiamo: Leonzio de Vitis e Donato Loreto, insorti durante l'occupazione francese del 1798; Federico De Vitis, protagonista nella prima guerra d'indipendenza; Alfonso e Panfilo Loreto, impegnati nella lotta contro i briganti; padre Filippo De Virgiliis, nominato da Garibaldi capitano sul campo; Antonio Sciorilli, medaglia d'oro meritata in Russia, nell'ansa del Don, dove fu colpito in combattimento agli occhi e perse irrimediabilmente la vista; Giuseppe De Francesco, perito in Tunisia; Giulio Loreto, morto in guerra durante la campagna di Grecia; Giuseppe Marsilio, uno dei martiri del 6 ottobre 1943 a Lanciano; Beniamino Rosati, che riuscì con la sua intermediazione ad evitare il bombardamento del paese da parte dei tedeschi. Molto laborioso fu il processo di popolamento del paese di Sant'Eusanio del Sangro, all’inizio del 1600 collocato nel Libretto della situazione dei fiscali sotto la «rubrica dei fondi rustici et disabitati»; in una copia per estratto dai Registri del Regio Cedolario di significatorie dei relevi (1509 - 1601) si asserisce che a Sant’Eusanio «vi abitavano sette fuochi di Schiavoni in alcune pagliare per coltivare e seminare», a dimostrazione del fatto che il popolamento avvenne per immigrazione, in virtù della fertilità delle terre e della salubrità del clima.

Comune di Sant'Eusanio del Sangro
Piazza Cesare De Titta, 7
- 66037 Sant'Eusanio del Sangro (Ch)
Tel.: 0872.757121 – Fax: 0872.757140

Altitudine: 207 mt. s.l.m.
Estensione: 23,96 kmq.

Sito web: www.comune.santeusaniodelsangro.chieti.it

PEC - Posta certificata: comune.santeusaniodelsangro@legalmailpa.it
Posta ordinaria: info@comune.santeusaniodelsangro.chieti.it

La cittadina di Sant'Eusanio del Sangro sorge su un colle alla sinistra del torrente Gogna, affluente del fiume Sangro. I resti delle strutture di un antico insediamento, forse romano, affioravano ancora agli inizi del ‘900. Le origini documentate del paese di Sant'Eusanio del Sangro sono alto-medioevali, e la prima menzione del borgo si ha nel Catalogus Baronum (1150 – 1168) come Sanctum Eusanium quando il suo territorio fu interessato alla colonizzazione monastica benedettina e fu feudo dell’abbazia di San Giovanni in Venere. Nel XVI sec. subì la giurisdizione dei padri filippini di Roma e nel 1793 tornò al regio demanio.

 

Accoglienza turistica a Sant'Eusanio del Sangro
 Alberghi a Sant'Eusanio del Sangro
 Residenze turistico alberghiera a Sant'Eusanio del Sangro
 Residence a Sant'Eusanio del Sangro
 Case per le vacanze a Sant'Eusanio del Sangro
 Appartamenti a Sant'Eusanio del Sangro
 Country House a Sant'Eusanio del Sangro
 Bed and breakfast a Sant'Eusanio del Sangro
 Alloggi agroturistici a Sant'Eusanio del Sangro
 Campeggi a Sant'Eusanio del Sangro
 Villaggi turistici a Sant'Eusanio del Sangro
 Ostelli della Gioventu' a Sant'Eusanio del Sangro
 Case per le ferie a Sant'Eusanio del Sangro
 Affittacamere a Sant'Eusanio del Sangro
 Aree sosta per camper a Sant'Eusanio del Sangro

Sant'Eusanio del Sangro è un comune italiano di 2.515 abitanti della provincia di Chieti in Abruzzo. Il territorio di Sant'Eusanio del Sangro, che si estende per complessivi 23.96 km², è compreso tra i Comuni di Castel Frentano, Casoli, Guardiagrele e Lanciano; a sud il confine è rappresentato dal corso del fiume Sangro, da cui la denominazione, che lo separa dai territori di Altino ed Atessa. L'altitudine media di Sant'Eusanio del Sangro di circa 200 metri s.l.m., l'equidistanza dal mare Adriatico e dalla falde della Majella, la presenza del fiume Sangro, la cinta di colline che ne circonda il territorio di Sant'Eusanio del Sangro e lo ripara soprattutto dai venti freddi invernali, rendono il clima particolarmente mite, anche se in pieno inverno le temperature possono scendere fino a pochi gradi sopra lo zero, soprattutto di notte.


Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Chieti

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu