Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Roccascalegna - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Roccascalegna

Chieti
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 
Cosa visitare a Roccascalegna. Chiesa di San Pancrazio: La Chiesa di San Pancrazio è sorta intorno al XII secolo, come dipendenza del monastero di S. Stefano presso Tornareccio, l’Abbazia di San Pancrazio, pur dipendente da Chieti, si costituisce nel tempo un vasto territorio di chiese e possedimenti. In una cornice posta in alto sulla facciata vi è un’iscrizione che data l’edificio al 1205. Una descrizione fatta successivamente alla visita pastorale del vescovo di Chieti nel 1568, descrive l’abbazia di Roccascalegna come una delle più importanti della zona. Del monastero rimane solo qualche traccia. La chiesa, invece, conserva molto delle sue antiche strutture. Con molta probabilità la navata laterale sinistra è stata aggiunta posteriormente alla prima fondazione. L’edificio si presenta in un buono stato di conservazione. La chiesa La cittadina sorge attigua al cimitero di Roccascalegna realizzato sul sito originariamente occupato dal convento. La cortina muraria è stata realizzata con un’apparecchiatura irregolare di bozze di calcare e ciottoli spaccati a ricorsi sub- orizzontali.
 
Cosa visitare a Roccascalegna. Chiesa di Santi Cosmo e Damiana: Santi Cosmo e Damianale prime notizie documentate di Roccascalegna risalgono al 1568, poiché la chiesa viene menzionata nei resoconti della visita pastorale del vescovo di Chieti. Il titolo ai Santi medici Cosma e Damiano fa supporre un’origine più antica dell’edificio, il quale, pur trovandosi fuori dall’antico circuito murario del primo insediamento di Roccascalegna, risale con molta probabilità all’epoca altomedievale. Le navate laterali sono illuminate da due finestre rettangolari e da due oculi in asse con le stesse, mancano, invece i portali laterali. L’interno mostra una rivisitazione barocca delle superfici. Un ordine architettonico di paraste doriche con fusto azzurro e capitelli dorati, inquadra gli archi tra le navate e sorregge un trabeazione dorica, con triglifi e metope, che segue, senza interruzione. L’abside di Roccascalegna è coperto da una calotta emisferica poggiante su pennacchi. L’ambiente interno è illuminato da aperture rettangolari realizzate sul cornicione della navata centrale al di sopra delle navate laterali.


Città di Roccascalegna

Cosa visitare a Roccascalegna. Chiesa di San Pietro. Le prime notizie che documentano l’esistenza della chiesa risalgono al 1568. L’analisi architettonica del monumento, invece, lascia ipotizzare una maggior antichità. L’abside di Roccascalegna, infatti, è leggermente ruotato rispetto all’asse della chiesa, soluzione, questa, riconducibile alla “reclinatio capitis” tipica di molte costruzioni medievali. Sull’arco che apre il presbiterio, poi, e incisa la data 1461. Tra il ‘500 e il ‘600 potrebbe essere collocata una seconda fase costruttiva. Si racconta che al di sotto del pavimento della Chiesa di San Pietro di Roccascalegna vi fossero tre stanze: una per gli uomini, una per le donne ed un’altra per i bambini.

Comune di Roccascalegna
Via Roma, 16
- 66040 Roccascalegna (Ch)
Tel.: 0872.987111 – Fax: 0872.987547

Altitudine: 430 mt. s.l.m.
Estensione: 22,63 kmq.

Sito web: www.comune.roccascalegna.ch.it
PEC - Posta certificata: protocollo@pec.provincia.chieti.it

Posta ordinaria: info@comune.roccascalegna.ch.it

La cittadina di Roccascalegna sorge a lato di un colle roccioso che domina la valle del Rio Secco, affluente di destra del fiume Aventino. Nel suo territorio si trovano numerosi reperti d’epoca romana e la presenza di toponimi dedicati a santi martirizzati nei primi secoli del cristianesimo, S. Vittoria, S. Pancrazio, Santa Giusta, SS. Cosma e Damiano, denotano un ulteriore sviluppo della continuità abitativa. Nel VIII – IX sec. il comune di Roccascalegna fu interessato alla colonizzazione monastica benedettina come testimonia la chiesa di San Pancrazio che conserva resti dell’abbazia del IX sec. Il nome dell’insediamento è di origine longobarda secondo alcuni studiosi, che propendono per un nome Ascari da cui Rocca Ascharenea; altri propongono un suffisso "–enn-ia", che significherebbe "fianco scosceso di una montagna". Dopo l’invasione normanna, nel XI – XII sec., Roccascalegna assunse un ruolo di prestigio poiché venne costruito un castello imponente con torri, valido presidio a difesa della valle. Ai margini di uno sperone roccioso, il paese di Roccascalegna è sovrastato da questo fiabesco castello su cui aleggia la leggenda dello "jus primae noctis", decretato dal barone Corvo de Corvis con un editto nel 1646, che ne avrebbe provocato l’accoltellamento da parte di un giovane sposo. Nel XV sec. Roccascalegna fu feudo dei De Anichino, poi dei Gualtieri di Manoppello, gli Orsini, i Carafa e i Corbo e nel XVIII sec. divenne possesso dei baroni Croce – Nanni.

 

Accoglienza turistica a Roccascalegna
 Alberghi a Roccascalegna
 Residenze turistico alberghiera a Roccascalegna
 Residence a Roccascalegna
 Case per le vacanze a Roccascalegna
 Appartamenti a Roccascalegna
 Country House a Roccascalegna
 Bed and breakfast a Roccascalegna
 Alloggi agroturistici a Roccascalegna
 Campeggi a Roccascalegna
 Villaggi turistici a Roccascalegna
 Ostelli della Gioventu' a Roccascalegna
 Case per le ferie a Roccascalegna
 Affittacamere a Roccascalegna
 Aree sosta per camper a Roccascalegna

Negli ultimi anni, la Chiesa di San Pietro di Roccascalegna in concomitanza con i lavori di restauro sulla vicina rocca medievale, la chiesa è stata oggetto di numerosi interventi nei quali sono state demolite le abitazioni che la chiudevano restringendo la facciata alla sola sistemazione barocca tuttora visibile. Durante questi lavori sono state consolidate le volte e restaurate tutte le superfici interne ed esterne. L’edificio, grazie ai recenti restauri, presenta un buono stato di conservazione. L’elemento esterno di maggior rilievo architettonico è il campanile di Roccascalegna, il cui ultimo blocco è delimitato da paraste a sezione rettangolare, decorate con capitelli con volute, poste alle estremità di ogni angolo smussato a sostegno di una semplice trabeazione con modanature aggettanti in corrispondenza delle paraste.


Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Chieti

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu