Contatti e Link utili nella Provincia di Teramo - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Contatti e Link utili nella Provincia di Teramo

Link utili > Link Provincia di Teramo
 
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 

www.ingiulianova.it

Segnaliamo in questa sezione i collegamenti ad altri siti, selezionati in base alla loro appartenenza a una delle seguenti categorie: siti istituzionali della Provincia di Teramo e siti di interesse generale.

 

Regione Abruzzo. Sito Ufficiale della Regione Abruzzo. Nelle varie Aree Tematiche del sito della Regione Abruzzo sono catalogati per tipologia di argomento trattato: la classificazione rende la ricerca facile ed intuitiva. Accedendo ad un particolare Tematismo sono resi visibili tutti i siti riferiti al particolare tema indicato: tra essi si può scegliere quello in grado di soddisfare le varie esigenze informative. Ciascun Tematismo include una sezione in cui sono contenuti gli avvisi tematici di riferimento.

Provincia di Teramo. Nel sito Istituzione della Provincia di Teramo puoi trovare, oltre alle varie tematiche, gli argomenti come "Io Sono", "Eventi della vita" e tanto altro ancora. Inoltre, è possibile accedere all'interessante sezione di "Teramo Turismo" con le rubriche in "Primo piano" ultimi eventi e "Prossimi eventi".

LINK UTILI SULLA PROVINCIA DI TERAMO

La montagna teramana. Il territorio montano della nostra provincia comprende due dei più importanti massicci dell'Appennino. Il primo è il gruppo del Gran Sasso d'Italia di cui fa parte il Corno Grande (m. 2914) con alcune suggestive valle glaciali come la Val Chiarino, la Valle del Venacquaro ed il Calderone, il ghiacciaio più meridionale d'Europa. E poi i Monti della Laga, regno di torrenti e cascate - famose quelle della Morricana, delle Scalette, e della Volpara - grazie anche alla presenza di terreni argillosi. L'armonia del "Gigante che dorme". Il Gran Sasso d'Italia è la montagna d'Abruzzo per eccellenza: la maestosità delle sue vette, i ripidi pendii, la forza e la gigantesca essenza della sua natura si espandono su tutte le cime del complesso montuoso. Il massiccio di natura calcarea, quasi dolomitico nel versante teramano, domina imponente tutto il territorio circostante. Qui, ad oltre 1.400 metri d'altezza, si trovano Prati di Tivo e Prato Selva, mete preferite da turisti e sciatori del centro Italia. Gli incanti dei Monti della Laga. Una natura incontaminata, a tratti lussureggiante e selvaggia. I Monti della Laga “incantano” e affascinano con l’armonioso silenzio dei suoi mille sentieri immersi tra boschi rigogliosi e verdi altopiani, con i suoi colori unici, brillanti d’estate, caldi e avvolgenti d’autunno. La vetta più alta è il monte Gorzano a m. 2458 di altezza. Tra queste montagne si trova il più grande bacino artificiale d'Europa: il lago di Campotosto dove gli uccelli in migrazione trovano un sicuro e tranquillo approdo per la sosta durante il loro viaggio. I monti Gemelli. A nord il massiccio dei monti Gemelli, attraversato dalle Gole del Salinello, con le sue caratteristiche forme modellate dall'acqua. Grotte ed anfratti ci ricordano un passato lontano di tradizioni e riti religiosi e pagani.
Teramo. In quel grande affresco che è la provincia teramana, fitta di paesi, borghi, rocche e resti archeologici, si possono gustare prospettive diverse, ma sempre ammalianti, di distese campestri. In questa terra l’ambiente declina le regole di un vivere assai antico, testimoniato dai resti che rimandano ad arcaici riti e a forme di vita che affascinano nel silenzio assordante di una natura ancora per molti aspetti incontaminata. Teramo, adagiata su una lingua di terra lambita dal corso del fiume Tordino e del torrente Vezzola, è depositaria di una storia antica: nelle sue viscere si conservano le testimonianze dell’antico villaggio protostorico, tra i solidi muri in calcare e laterizio risuona l’eco ovattata del pulsare della vita dell’antica urbs, la romana Interamnia, al tempo stesso municipio e colonia. La città è ricca di tracce del fasto di passate stagioni: tracce ammiccanti ora dal muro curvilineo dell’anfiteatro, ora dai maestosi archi dei vomitoria del teatro, ora dal piano pavimentale della domus, entro cui troneggia la grintosa presenza di un leone azzannante la sua preda. Una ricchezza che può essere ammirata anche nella bellissima Cattedrale di Santa Maria Assunta, la cui costruzione fu iniziata nel 1158, un tempo spettatrice delle contese fra le due antiche famiglie dei Melatino e dei Mazzaclocchi. Nel territorio circostante, all’ombra del Gran Sasso, si possono ammirare altri gioielli dell’arte romanica: S. Giovanni ad Insulam, S. Maria di Ronzano, S. Maria a Vico e S. Maria di Propezzano. Come raggiungerci: In auto: da Roma autostrada A24 Roma-Teramo. Dall'autostrada A14 uscita Giulianova-Teramo e poi seguire la superstrada Teramo-mare. In autobus: usufruire delle corse dell'agenzia Arpa (www.arpaonline.com). In treno: la stazione ad alta percorrenza più vicina è quella di Giulianova, poi proseguire con l'autobus dell'agenzia Arpa (www.arpaonline.com) o proseguire con il treno.
A dirlo è l'autorevole National Geographic, il castello di Rocca Calascio è tra i 15 castelli più belli al mondo.La costruzione originaria della rocca, costituita da un torrione isolato di forma quadrangolare a pietre già squadrate, si fa risalire all'anno 1000 e serviva come torre d'avvistamento. Posta a dominio del versante meridionale del Gran Sasso, della Valle del Tirino e della Piana di Navelli ha sempre svolto un'importante funzione di sorveglianza: era, infatti, la parte più elevata di un sistema di punti di avvistamento per il controllo del territorio. Tutto l'apparato difensivo era costituito da tre elementi: la Rocca, il sottostante borgo e la sua cinta muraria. L'insediamento abitativo mantiene i caratteri originali medievali. Il tipo di abitazione ricorrente è la cosiddetta casa a torre con tre o quattro piani che aveva funzione di avvistamento e di difesa. Dalla seconda metà del secolo XIV Rocca Calascio fu posseduta dagli Acclozamora, poi in successione, dai Piccolomini e dai Medici di Toscana. Il castello è bello soprattutto per il luogo in cui è situato, a 1500 m. s.l.m., a dominio di un paesaggio mozzafiato tra cielo e terra che lo ha reso un set cinematografico per diversi films di impronta medievale, tra cui ricordiamo fra tutti, le produzioni americane "Lady Hawke" e "Il nome della rosa" e lo splendido "Il viaggio della sposa" che hanno contribuito a renderlo famoso in tutto il mondo.
La Camera di Commercio ed Arti di Teramo viene istituita con regio decreto del 31 agosto 1862 (n. 814). Nei primi anni di vita non fu realmente operativa nonostante il susseguirsi ala guida di notabili locali come Presidenti. Il vero motore dell'Ente fu rappresentato dalla presidenza di Giuseppe Cerulli Irelli che,  a oltre un decennio dall'istituzione dell'Ente, riuscì,  finalmente,  ad ottenere l'iscrizione dei commercianti e degli artigiani alla Camera di Commercio, in modo da garantire il gettito della tassa relativa e dare una forma organizzativa a questa istituzione accompagnandola fino ai nuovi anni del nuovo secolo. Il problema principale cui la Camera dedicò le proprie energie,  fu quello della rete stradale particolarmente arretrata che rallentava l'espansione agricola e commerciale della provincia, oltre alle iniziative dedicate all'industria serica e alla formazione professionale. Già a partire dalla fine dell'800 la Camera discusse anche un progetto di Traforo del Gran Sasso. Nel 1927, con l'istituzione dell'omonima provincia, il Consiglio Provinciale dell'Economia, subentrato all'ente camerale in epoca fascista, perse la competenza sui territori passati alla nuova provincia di Pescara. Con il 1945, tramontata l'epoca dei Presidenti-Prefetti, nel secondo dopo guerra la Camera di Commercio si adoperò nel rilancio economico ed industriale della provincia: da un lato intervenendo nella valorizzazione di alcuni impianti produttivi, dall'altro attirando l'attenzione sul tema con convegni di portata nazionale. Nei decenni lo sviluppo delle infrastrutture e la promozione delle numerose imprese artigiane sul territorio costituirono gli impegni principali degli organi camerali di Teramo.
La guida al comune di Teramo, aperta ai contributi degli utenti. Turismo, indicazioni stradali, storia, arte e altre informazioni utili. Teramo è situato in Abruzzo ed è capoluogo della omonima provincia. Il 19 dicembre si festeggia il Patrono, San Berardo di Teramo. La Basilica-Cattedrale di San Berardo col campanile ottagonale. Confina con i comuni di: Penna Sant'Andrea, Montorio al Vomano, Campli, Cortino, Basciano, Bellante, Castellalto, Cermignano, Canzano e Torricella Sicura. Una piccola "Mesopotamia" all'ombra delle imponenti cime dei Monti della Laga. Una metafora azzardata ma che rende appieno l'immagine che il comune abruzzese offre di sè, visto dall'alto: una distesa di palazzi e chiese ubicate su un colle, che funge da naturale spartiacque dei fiumi Tordino e Vezzola. Passata alla storia come la "città tra i due fiumi", esatta traduzione della sua antica denominazione latina Interamnia (o Interamna) citata da Plinio il Vecchio e da Polibio, Teramo gode di una felice posizione geografica, perfettamente equidistante dalla catena appenninica e dal litorale adriatico,che dona al territorio un clima mite. Un luogo ameno il cui ricordo l'astronomo Vincenzo Cerulli, massimo esponente dell' intellighenzia teramana, ha voluto immortalare nella geografia dell'Universo, battezzando con il nome di Interamnia un asteroide scoperto nel 1901 dall'Osservatorio di Collurania, fondato dallo stesso nel 1890, oggi importante punto di riferimento per la ricerca scientifica.
Presso la Biblioteca Dèlfico è possibile usufruire del servizio di prestito librario, audiovisivo e interbibliotecario, nonchè  di riproduzione di testi e scansione di materiale fotografico. I bibliotecari sono a disposizione per fornire informazioni sui servizi della biblioteca e assistere nelle ricerche bibliografiche e fimografiche. Specifici spazi sono adibiti alla lettura e alla consultazione dei testi. Le iniziative dei prossimi mesi in biblioteca. Numerosi gli appuntamenti dei prossimi mesi all’interno della biblioteca: tra novembre e dicembre si svolgerà la presentazione del libro La sposa scalza di Lucia Marcone e del numero speciale di Notizie dalla Dèlfico dedicato a Dante Cirillo, vignettista di rango e collaboratore di prestigiosi periodici nazionali. Per gennaio 2006 è previsto l’incontro con Riccardo Finocchi, autore di Arte non arte, per scoprire quali fattori, sociali ed estetici, determinano la nostra considerazione di arte e di manufatto artistico. Infine, a primavera, la biblioteca ospiterà una serie di incontri con i protagonisti del mondo della letteratura e della critica fotografica: Uliano Lucas, Silvia Ballestra, Marco Lodoli, Stefano Massaron. Biblioteca della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università degli Studi di Teramo.
Costituzione e scopi del csv. La costituzione dei centri di servizio: L'art. 15 della Legge 266/91 (Legge quadro sul volontariato) ha previsto la costituzione dei Centri di servizio sul territorio nazionale. Sono uno strumento di sostegno, promozione e valorizzazione del volontariato. Il loro funzionamento è assicurato dai finanziamenti  messi a disposizione dalle Fondazioni  bancarie. In ogni provincia dell'Abruzzo è stato istituito un Centro di servizio, la cui gestione è affidata direttamente al volontariato (Legge Regionale 37/93). Nella provincia di Teramo il Centro di servizio è gestito dall' Associazione Pro Volontariato Abruzzo. Gli scopi del centro servizi. Promozione, sostegno e qualificazione degli interventi sociali, progettazione e formazione degli operatori delle strutture di volontariato e del privato sociale. Uno spazio aperto al confronto e alla sintesi tra volontari, organizzazioni di volontariato ed altre realtà del privato sociale.
Questa sezione nasce per rendere visibile al maggior numero di persone il nostro territorio: rivolto sia a chi è lontano, sia a chi lo popola. Le due macro-sezioni hanno come obiettivo la divulgazione di immagini e notizie utili, con il preciso presupposto di svelare, con continui aggiornamenti dei contenuti, ogni angolo della provincia di Teramo. Galleria Fotografica di Teramo. Gli scorci più caratteristici e suggestivi della provincia di Teramo attraverso gli scatti di fotografi professionisti e amatoriali, che hanno messo a disposizione del pubblico di MeteoTeramo Web il frutto del tempo passato a catturare le bellezze del nostro territorio. La provincia di Teramo e i suoi 47 comuni: Sezione con tutte le informazioni principali riguardanti la provincia di Teramo e i 47 comuni presenti nel suo territorio. Ogni pagina interna è provvista di box informativi su Geografia, Demografia, Link Utili, Mappa e Foto relativa ad ogni singola località.
Informazioni sui telescopi presenti, sui seminari che si svolgono, visite guidate (diurne) per le scuole e notturne con osservazione astronomica, il museo, cartina guida. Visite al Museo dell'Osservatorio Astronomico Collurania. La conoscenza del materiale strumentale, che caratterizzava la ricerca astronomica di questo Istituto nel secolo scorso, e' di grande importanza per una ricostruzione storico-scientifica dell'attivita' osservativa e di ricerca svolta dall'O.A.C.T., per gli studi riguardanti gli aspetti tecnici e teorici di tale strumentazione, per il livello di competenze e il ruolo svolto nello sviluppo delle conoscenze dai tecnici ottici e meccanici che progettarono e realizzarono telescopi astronomici e altri strumenti di osservazione e misura di alta qualita'. Gli strumenti sono stati restaurati e catalogati, allo scopo di renderne possibile una ricerca sistematica, l'individuazione e lo studio. Il materiale storico-strumentale, disposto e illustrato opportunamente, completano il percorso didattico e testimoniano l'evolversi di astronomia e astrofisica in questo secolo, parallelamente alla storia dell'Osservatorio Astronomico "Vincenzo Cerulli" che continua a contribuire con successo allo sviluppo di questa antica scienza e all'avanzamento tecnologico che esso richiede.
Il Complesso multidisciplinare Fausto Marini di Mosciano Sant’Angelo è un’istituzione privata di orientamento scientifico dedicata alla divulgazione, didattica e ricerca nei settori dell’astronomia, astrofisica e scienze della terra. La storia dell’Osservatorio astronomico di Colle Leone ruota attorno a Fausto Marini, personaggio eclettico avvicinatosi alla tecnica della strumentazione astronomic...Informazioni generali: si prega di rivolgersi al seguente indirizzo: Dott. Alessio Marini. Mobile 340 2429851 o 340 2429851.
Emergenze, statistiche, osservatorio epidemiologico regionale. Permette di scaricare liberamente un programma per gestire i campionamenti. L'Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise "Giuseppe Caporale" è un Ente Sanitario di diritto pubblico, dotato di autonomia gestionale e amministrativa, che opera come strumento tecnico-scientifico dello Stato e delle Regioni Abruzzo e Molise, garantendo ai Servizi veterinari pubblici le prestazioni analitiche e la collaborazione tecnico-scientifica necessarie all'espletamento delle funzioni in materia di Sanità Pubblica Veterinaria. L'Istituto offre servizi ad alto valore aggiunto ed elevato contenuto di conoscenza e innovazione nei settori della Sanità animale, della Sanità Pubblica Veterinaria e della tutela dell'ambiente, per la salvaguardia della salute degli animali e dell'uomo. Rispetto al centinaio di dipendenti della fine degli anni '80, oggi può contare su circa 500 unità. Era il 1990, infatti, quando l'Istituto, a 49 anni dalla sua fondazione, decise di cimentarsi nel contesto internazionale. Nel tempo il percorso intrapreso si è rivelato vincente al punto che non ha mai smesso di esportare know-how nel campo della ricerca, della formazione, dell'analisi del rischio, della sicurezza alimentare, del benessere animale, della organizzazione, implementazione e gestione di banche dati anagrafiche degli animali. Sulla scorta dell'esperienza acquisita l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la Food and Agriculture Organization delle Nazioni Unite (FAO) e l'Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE) hanno affidato all'Istituto il ruolo di Centro di Collaborazione e Laboratorio di Referenza in specifici ambiti di attività. Il livello qualitativo raggiunto, in particolare nell'ultimo decennio, ha consentito ai professionisti dell'Istituto di divenire interlocutori credibili e affidabili, prima ancora che consulenti e sostenitori dei Servizi Veterinari di buona parte del mondo, soprattutto nei Paesi dell'area balcanica e del bacino del Mediterraneo. La sfida continua. Il futuro si giocherà sul piano dell'innovazione e delle strategie di sviluppo, mirate, soprattutto, al consolidamento di un obiettivo primario: garantire una più elevata qualità degli alimenti a tutela della salute dell'uomo, attraverso il benessere ambientale e nutrizionale dell'animale e una puntuale prevenzione delle malattie. Le ambizioni, le idee e i grandi progetti futuri dell'Istituto saranno favoriti dalla realizzazione di una nuova sede centrale: uno straordinario e innovativo centro di dimensione internazionale, commisurato alla ampiezza della politica aziendale e alla forza propulsiva della missione dell'Istituto.
Presentazione del conservatorio, corpo docente, informazioni e area download per gli studenti. Il 2 maggio 1895 il periodico democratico "La luce" annunciò la costituzione della Società "La Cetra": (...) alla quale ha fatto plauso la intera cittadinanza per lo scopo nobilissimo che essa si propone. La Direzione é venuta nella determinazione di aprire, come apre, un Scuola gratuita di strumenti ad arco, limitandola per ora ad otto allievi che siano della città,così ripartiti: quattro Violini, una Viola, una Violoncella, due Contrabbassi.Nel 1895 Presidente della Filarmonica é il Sindaco Paris, Segretario il Sig. Camillo Rodomonte e Vice-Segretario Don Ciccio Rubini.Dai primi del '900 all'inizio della prima guerra mondiale "La Cetra" , tra alterne vicende legate a difficoltà finanziarie, riuscì comunque a darsi una propria organizzazione statutaria. Dopo la prima guerra mondiale la Società fece un grande salto di qualità. Nei periodi precedenti c'era sempre stata una certa confusione nella gestione della Filarmonica che per alcuni oscillava tra un'organizzazione privata,da utilizzare nelle grandi occasioni, e un'istituzione scientifica per la preparazione dei professionisti, e nell'opinione pubblica veniva rappresentata ora come un'associazione di amici della musica e ora come una scuola per la formazione di elementi per la banda cittadina. Durante il fascismo e comunque fino al 1929, nella scuola si impartivano tre soli insegnamenti fondamentali: Pianoforte, Violino e Violoncello, e in tre diversi luoghi. La scuola di Pianoforte si trovava nel parterre della Sala Concerti, quella di Violino in un piccolo locale ricavato sotto la tribuna, e quella di Violoncello in uno dei camerini del Teatro per di più di difficile accesso. Gli amministratori trovavano in città dei locali adatti per una sede dignitosa. Con Sigismondo Savini, però, la scuola crebbe sul piano istituzionale finché nel 1924 la Filarmonica si costituì in ente morale e conseguentemente si trasformò in Istituto Musicale "La Cetra", nel 1929 si dotò di un nuovo Statuto e nel '31 cambiò definitivamente denominazione diventando Liceo Musicale "G. Braga". Nel 1931 l'Ispettore Bustini, chiamato a Teramo per la concessione del pareggiamento, consigliò al Savini di migliorare il livello culturale dei docenti, di procedere ad un consistente aumento delle cattedre e di provvedere all'adozione dei programmi ministeriali in vigore nei regi conservatori. Tre anni più tardi, quando in qualità di commissario d'esame tornò a Teramo, il Bustini notò con piacere un forte miglioramento.
Sito web ufficiale dell'Università. Ad agosto sarà possibile immatricolarsi solo online ad uno dei Corsi di laurea dell'Università degli Studi di Teramo. È possibile iscriversi ai Corsi di laurea triennale e magistrale entro il 5 novembre 2013. Per gravi e giustificati motivi è possibile iscriversi fino al 31 dicembre 2013 previo pagamento di un diritto di mora di € 26,00. Per chi intende iscriversi al Corso di laurea magistrale a numero programmato in Medicina Veterinaria è necessario consultare l'apposito bando in cui sono indicate tutte le informazioni per sostenere l'esame di ammissione e le scadenze per le iscrizioni. Per informazioni: Tel. 0861.266250 - Fax 0861.266354 - orienta@unite.it. Università degli Studi di Teramo Viale Crucioli 122, 64100 Teramo - tel. 0861.2661 Fax 0861.245350. Posta Elettronica Certificata protocollo@pec.unite.it- (riservato ai possessori di casella di posta elettronica certificata) P.I. 00898930672 - C.F. 92012890676. La Commissione Orientamento e tutorato svolge e promuove attività di orientamento, di consulenza e di informazione rivolta sia agli studenti dell'ultimo anno delle Scuole superiori che a tutti gli iscritti all'Università degli Studi di Teramo. L'attività del centro si articola in tre settori fondamentali: 1. Scelta del corso di studi; 2. Supporto allo studente nel percorso universitario; 3. Ingresso nel mondo del lavoro
E’ con grande piacere, ed un pizzico di emozione, che saluto la nascita del sito web dell’Automobile Club Teramo. Rivolgo, innanzitutto, un caloroso benvenuto a quanti vorranno visitarlo, fiducioso che esso possa rappresentare un sicuro riferimento di informazione e diffusione, non solo per i Soci ACI, ma per tutti gli automobilisti. L’ideazione di questo moderno mezzo di comunicazione prende le mosse dalla necessità di offrire agli associati uno strumento di conoscenza in linea con i tempi. Sulle pagine del sito si potranno leggere i passi che l’Automobile Club Teramo sta compiendo sulla strada della innovazione, aprendosi anche ad una dimensione informatico-tecnologica che ci rende oggi una vera e propria rete di servizi a disposizione dei cittadini. Essi potranno trovare anche indicazioni e regole di comportamento in tema di educazione e sicurezza stradale. Sul sito, inoltre, saranno dettagliatamente elencate le offerte che il nostro Ente, con il fondamentale concorso delle delegazioni territoriali, ha elaborato e sta elaborando, nella costante ricerca di quella “qualità assoluta”, nel rapporto tra Club e associato, che è il nostro scopo principale. Una ricerca che, anche grazie a questo sito, ci vedrà essere ancora più presenti sul territorio, facendoci sempre più spesso partner delle Amministrazioni Locali e delle Pubbliche Istituzioni, nella promozione di iniziative e nella realizzazione di progetti di particolare interesse per il socio.
Informazioni riservate alla Pubblica Amministrazione. L' Ordine degli Ingegneri della Provincia di Teramo, ai sensi dell' art 16 comma 7 D. Lgs. 185/2008, rende disponibili, alle Pubbliche Amministrazioni interessate, i dati identificativi dei propri iscritti con relativo indirizzo di posta elettronica certificata. La consultazione telematica da parte degli Enti pubblici è consentita previa richiesta dei parametri di accesso, da inviarsi a cura del responsabile del procedimento, all'indirizzo certificato dell'Ordine: segreteria@ingte.it. Consigli di Disciplina Territoriali degli Ingegneri della Provincia di Teramo. Insediamento del Consiglio di Disciplina Territoriale dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Teramo. In allegato la nostra nota prot. n. 108 del 14/01/2014 con oggetto “Insediamento del Consiglio di Disciplina Territoriale dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Teramo”. Tribunale di Teramo - Verbale di nomina dei componenti del Consiglio di Disciplina Territoriale dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Teramo a norma dell'art. 8, comma 3 del Decreto del Presidente della Repubblica 7 agosto 2012, n.137. In allegato il verbale del Presidente del Tribunale di Teramo relativo alla nomina dei componenti del Consiglio di Disciplina Territoriale dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Teramo.
Presenta storia e repertorio, concerti e calendario eventi, pubblicazioni del gruppo polifonico e folkloristico. L'Associazione Corale "G. Verdi" nasce a Teramo nel 1948. La passione per il canto corale spinge il Maestro Ennio Vetuschi a creare un gruppo di cantori dilettanti che, inizialmente, si dedicano alla lirica ma ben presto si accostano ad altri generi di canto corale. Gli inizi del "Coro Verdi" sono, pertanto, lirici ma il folklore abruzzese e la polifonia classica e moderna diventano preponderanti nell'attività della corale. I primi anni di vita dell'Associazione non sono stati facili ma subito ricchi, tuttavia, di affermazioni in ambito cittadino e regionale, tant'è che nel 1958 la Corale, in rappresentanza dell'Abruzzo, vince il concorso RAI "Voci e volti della fortuna", abbinato alla Lotteria di Capodanno, imponendosi a livello nazionale. Da quel momento in poi la Corale ha sempre più consolidato il suo prestigio partecipando a rassegne, concorsi, incontri di rilievo nazionale ed internazionale. Ha tenuto concerti in Italia e all'estero, molto spesso è stata invitata dalle associazioni degli italiani emigrati o chiamata a rappresentare l'Italia in manifestazioni molto qualificate. Dal 1978, oltre al folklore e alla musica polifonica, la Corale affronta composizioni di notevole livello in collaborazione con varie orchestre ed arricchisce il repertorio con esecuzioni pregevoli. Promotrice di scambi con altri gruppi nella convinzione che sia importante essere in contatto con realtà che condividano la stessa passione per il canto, nel passato ha sempre colto ogni occasione per ospitare cori ed organizzare concerti nella città di Teramo. Dal 1994 da vita alla Rassegna Polifonica Aprutina e dal 1999 a Giugno in Coro. Nel 1998, in occasione delle manifestazioni per il cinquantennale dell'Associazione Corale "G. Verdi" è stato edito il volume "In Coro" che racconta in dettaglio la storia e la vita del più antico coro d'Abruzzo ancora in attività.
Numeri online del mensile La Citta', archivio fotografico e notizie utili. castelli e le sue ceramiche scelti per i giochi del mediterraneo - Dal borgo simbolo dell’arte ceramica le anfore e le ampolle protagoniste del suggestivo Viaggio dell’Acqua organizzato in occasione dei Giochi. I maestri ceramisti di Castelli, testimoni di un’arte antica che ha portato il piccolo borgo ad essere noto in tutto il mondo per le sue ceramiche, sono stati scelti dall’organizzazione dei Giochi del Mediterraneo per realizzare l’anfora madre e le ampolle che, in un viaggio simbolo di rinascita, il 25 giugno trasporteranno l’acqua della Fontana delle 99 Cannelle di L’Aquila nei luoghi maggiormente colpiti dal sisma del 6 aprile, fino a giungere il 26 giugno allo stadio Adriatico di Pescara, luogo della cerimonia di apertura dei Giochi.
San Nicolò a Tordino. Si occupa di fisiokinesiterapia, trattamenti estetici, ortopedia. Presenta profilo, terapie e cure, informazioni utili. Terapie, Cure e Consulenze. Trattamento riabilitativo di patologie neurologiche. (Ictus cerebrali, sclerosi multipla, morbo di Parkinson, traumi spinali, paralisi cerebrali, ritardi psicomotori, patologie respiratorie). Trattamento di patologie dolorose e traumatiche. (muscolo tendinee, ossee, articolari, legamentose). Consulenze specialistiche per l'apparato motorio e neurologico. Consulenze e trattamenti estetici. Fisioterapia: Elettroanalgesia, Elettroterapia, Idromassoterapia, Ipertermia, Ionoforesi, Tecarterapia, Laserterapia, Magnetoterapia, Radarterapia, Raggi infrarossi, Trazioni vertebrali, Ultrasuonoterapia, Bacinelle galvaniche, Massoterapia. Riabilitazione: Chinesiterapia (att./pass.), Riabilitazione neuromotoria, Riabilitazione posturale, Riabilitazione respiratoria, Terapia manuale miofasciale, Rieducazione funzionale pre/post operatoria e propriecezione. (Protesi anca/ginocchio/spalla) Estetica: Elettrolipolisi, Elettroterapia tonificante, Linfodrenaggio, Massaggio estetico, Massaggio tonificante, Pressoterapia, Ultrasuono 3Mhz., Infrarossi.
Sorprendente Abruzzo. Natura intatta che regala panorami di rara bellezza e un territorio che non finisce di sorprendere. Il ghiacciaio più meridionale d’Europa e l’unico dell’Appennino si trova in Abruzzo. E’ il Calderone posto sul versante nord del Monte Corno. Un ghiacciaio ‘giovane’ che sembra avere non più di 6oo anni per essersi formato a seguito della lunga sequenza di gelidi inverni che caratterizzò il XV secolo. Sicuramente esisteva e presentava dimensioni di tutto rispetto quando il Capitano Francesco De Marchi effettuò la prima ascensione della montagna nell’agosto 1573. De Marchi lo descrisse come un "vallone lungo un miglio e largo mezzo dove sta neve perpetua". Un ghiacciaio al centro dell’Italia è una delle tante sorprese che riserva questa incredibile regione che sembra racchiudere in sé tutto quello che di bello la natura ci può dare. Accanto alle famose spiagge l’Abruzzo vanta una estesa area montuosa e collinare con paesaggi naturali di grande bellezza dove si alternano gli sconfinati piani carsici del Gran Sasso ai canyon della Majella, ai fitti boschi della Laga, ai pascoli, alle cascate, alle grotte. Un territorio che affascina proprio perché conserva ancora intatte tutte le proprie caratteristiche naturali di luoghi maestosi come il Gran Sasso o selvaggi come certi scorci rupestri. Questo immenso tesoro naturale è protetto da 3 Parchi Nazionali, un Parco Regionale e 38 tra oasi e riserve regionali e statali.
L'Agenzia delle Entrate, operativa dal 1° gennaio 2001, nasce dalla riorganizzazione dell'Amministrazione finanziaria a seguito del Decreto legislativo n°300 del 1999. Ha un proprio statuto e appositi regolamenti che regolano l'amministrazione e la contabilità. Gli organi dell'Agenzia sono costituiti dal Direttore, dal Comitato di gestione, dal Collegio dei Revisori dei conti. Dal 1° dicembre 2012 l'Agenzia dell’Entrate ha incorporato l’Agenzia del Territorio (articolo 23-quater del Dl 95/2012). Anche per il 2013 i contribuenti possono destinare una quota pari al 5 per mille dell’Irpef a finalità di interesse sociale (Dl n. 95/2012 - pdf, convertito dalla legge 7 agosto 2012, n. 135). Le categorie di enti che posso accedere al beneficio, le modalità di iscrizione e i criteri di ammissione al riparto per le diverse tipologie di soggetti sono le stesse di quelle stabilite per il 2010 (Dpcm del 23/4/2010 - pdf). Inoltre, i contribuenti possono destinare una quota pari al 5 per mille dell’Irpef al finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici (Dl n. 98/2011, convertito, con modificazioni dalla legge n. 111 del 15/7/2011). Possono partecipare (articolo 2, comma 2, del Dl 16/2012 - pdf) - circolare n.6/E del 21 marzo 2013 - pdf) al riparto delle quote del cinque per mille gli enti ritardatari che presentino le domande di iscrizione e provvedano alle successive integrazioni documentali entro il 30 settembre 2013, versando contestualmente una sanzione di importo pari a 258 euro utilizzando il modello F24 con il codice tributo 8115 (risoluzione n. 46 del 11/5/12 - pdf). I requisiti sostanziali richiesti per l’accesso al beneficio devono essere comunque posseduti alla data di scadenza della presentazione della domanda di iscrizione relativa a ogni settore.
Benvenuti nel Portale dell'Automobilista, il portale di servizi di e-government del Dipartimento Trasporti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dove Cittadini, Operatori Professionali e Imprese possono consultare informazioni e accedere ai servizi online a loro dedicati. Il Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è articolato nelle seguenti strutture: Direzione generale per la motorizzazione; Direzione generale per la sicurezza stradale; Direzione generale per il trasporto stradale e per l'intermodalità; Direzione generale per il trasporto ferroviario; Direzione generale del trasporto pubblico locale; Direzione generale del trasporto marittimo e per vie d'acqua interne; Direzione generale per i porti; Direzione generale per gli aeroporti ed il trasporto aereo; Direzione generale per i sistemi informativi, statistici e la comunicazione. La Direzione generale per la motorizzazione svolge le funzioni di competenza del Ministero nei seguenti ambiti: omologazione nazionale, CEE ed ECE/ONU dei veicoli, dispositivi ed unità tecnico indipendenti; trasporto di merci pericolose su strada: normativa, omologazione e approvazione dei veicoli e dei recipienti; disciplina del trasporto di derrate in regime di temperatura controllata; disciplina amministrativa dei veicoli e dei conducenti; archivio nazionale veicoli e conducenti; centro elaborazione dati motorizzazione; contenzioso amministrativo e giurisdizionale; normativa di settore nazionale ed internazionale in conformità  all'Unione europea; portale dell'automobilista; controlli periodici del parco circolante; attrezzature di servizio.
Il Comitato per la gestione degli Pneumatici Fuori Uso, provenienti dai veicoli fuori Uso, costituito presso l'Automobile Club d'Italia (ACI), è composto da cinque membri: uno designato dalle Associazioni dei produttori, importatori e rivenditori di autoveicoli, motoveicoli e macchine movimento terra, uno dalle Associazioni dei produttori e importatori degli pneumatici, uno dalle Associazioni dei demolitori di veicoli, uno designato dal Consiglio nazionale dei consumatori e degli utenti e uno designato dall'ACI, che ne assume la presidenza. La missione e gli obiettivi del Comitato vengono definiti chiaramente nel Decreto n.82 dell'11 aprile 2011, il Comitato: insieme ai produttori e agli importatori degli pneumatici, e le loro forme associate, valuta periodicamente e congiuntamente le attività  allo scopo di ottimizzarne efficacia, efficienza ed economicità  e per ricercare soluzioni condivise ad eventuali criticità emergenti; 	individua sulla base della documentazione fornita dai produttori e dagli importatori degli pneumatici, l'entità  del contributo per la copertura dei costi di raccolta e gestione degli pneumatici dei veicoli a fine vita e lo comunica all'autorità  competente la quale, approva l'ammontare del contributo; riceve dai produttori e gli importatori degli pneumatici, o le loro eventuali forme associate, le stime degli oneri relativi alle componenti di costo, ai fini dell'aggiornamento del contributo per l'anno solare successivo; provvede a fornire ai consumatori, attraverso adeguate forme di pubblicità, informazioni sulle componenti di costo che concorrono alla formazione del contributo e sulle finalità  dello stesso; liquida i corrispettivi fatturati al fondo, dai produttori e dagli importatori degli pneumatici o eventuali loro forme associate, ovvero dagli altri soggetti autorizzati e pagati dal fondo per i costi sostenuti per le attività  di raccolta e smaltimento.
La storia. Dalle origini della Polizia di Stato alla legge di riforma del 1981, oltre un secolo e mezzo di storia istituzionale degli uomini che hanno vestito il dovere. Dalla prima uniforme del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza del 1852, alle Guardie di Città, passando per le due guerre fino all'attuale Polizia di Stato. Storia di uomini, di lotta al crimine e di soccorso alle popolazioni, storia di dedizione ai cittadini e di silenziose rinunce. Uno spazio informativo composto da testi e immagini, diretto a quanti interessati ai valori distintivi della Polizia, si avvicinano ad essa con curiosità. E, per rendere il servizio più esaustivo, sarà presto attivo un più complesso e strutturato spazio web, in cui trovare una rassegna di immagini "ufficiali" della Polizia, luoghi della memoria, decorazioni concesse alla Bandiera ed ai suoi uomini. La Polizia apre una finestra di dialogo con tutti coloro, che a qualsiasi titolo, intendano offrire il loro contributo.
il sito d'informazione più visitato in Italia. rai uno,  autostrade per l'italia, trenitalia, enel, anas, paginegialle,  corriere della sera hanno scelto ilmeteo.it. ILMETEO SRL è la società che gestisce ilMeteo.it coordinando le attività collegate al Nuovissimo Centro di Calcolo ove si sviluppano Modelli Meteorologici di Previsione e si fa ricerca scientifica avanzata con fondi esclusivamente privati. Il nuovo supercomputer in cluster è dotato di 1000 processori, con una capacità di calcolo complessiva di ben 1000 teraflops, attestandosi come uno tra i più potenti del mondo. ilMeteo.it è oggi divenuta la prima realtà italiana nel campo delle previsioni meteo. Questo perché in campo scientifico la differenza è data dalla passione e dall'intelletto e non da una più o meno presunta istituzionalità. Il modello matematico in uso denominato zeus2013, è riconosciuto a livello internazionale. ilmeteo.it lavora in stretto contatto con il prof. mesinger dell'università di belgrado. nata nel dicembre 2000 dall'idea e per volere dell'attuale amministratore antonio sanò, conta oggi più di 20 persone tra dirigenti, collaboratori, esperti in meteorologia, nautica, agro-meteorologia, fisica, chimica, ingegneria, e si avvale della preziosa collaborazione dei più illustri scienziati europei ed americani. ilmeteo s.r.l.  fornisce servizi a siti web, giornali, radio e tv . e' stata scelta da corriere della sera, autostrade per l'italia, trenitalia, raiuno-linea verde e pagine gialle quale fornitore ufficiale. ilmeteo.it è stato visitato da 35 milioni di italiani nell'ultimo mese in un totale di ben 750 milioni di pagine rimanendo collegati mediamente 12 minuti per visita. venerdì 3 febbraio 2012, in occasione delle nevicate eccezionali anche sulla capitale, ilmeteo.it ha raggiunto il record di 4.6 milioni di utenti in 1 solo giorno. ilmeteo è oggi il sito di informazione più visitato in italia. eccezionale poi il successo in campo mobile, primi incontrastati su apple store e android market, categoria meteo, da anni.
Il sito mette a disposizione del cittadino informazioni di carattere generale sui Paesi esteri, ivi comprese quelle relative alla situazione di sicurezza. Si tratta di un servizio fornito dal Ministero Affari Esteri e gestito in collaborazione con l'ACI. Le schede e gli avvisi per i viaggiatori che si recano all'estero sono basati su informazioni ritenute affidabili e disponibili alla data della loro pubblicazione e sono curate dal Ministero degli Affari Esteri e dall'ACI nell'ambito delle rispettive competenze. Si ritiene opportuno porre in evidenza che le situazioni di sicurezza dei Paesi esteri, nonché le misure normative e amministrative in vigore in tali Paesi, possono rapidamente variare e che, nonostante la massima attenzione nel reperire e verificare le informazioni, i dati sono suscettibili di continue modifiche e aggiornamenti. I singoli viaggiatori sono ovviamente i soli responsabili della decisione di intraprendere il viaggio per turismo, lavoro o altri motivi, e delle eventuali conseguenze negative che ne dovessero derivare. Il Ministero degli Affari Esteri ed ACI non possono in nessun modo essere ritenuti responsabili per danni a persone o cose che possano derivare direttamente o indirettamente da informazioni pubblicate sul sito. Nei Paesi dove non vi sia una Rappresentanza diplomatica/consolare italiana, i cittadini possono richiedere, ai sensi dell'art. 20 (ex art. 8C) del Trattato di Amsterdam, l'assistenza delle Rappresentanze in loco degli altri Stati Membri dell'Unione Europea. Le mappe riportate non hanno rilevanza da un punto di vista politico, bensì servono unicamente per riferimento geografico. Le informazioni contenute nel sito si possono acquisire anche attraverso la Centrale Operativa Telefonica.
Benvenuto nel nuovo portale ACI-CSAI. Con la creazione di questo nuovo sito web ci siamo proposti di far sì che sia i tesserati che i non addetti ai lavori possano conoscere più approfonditamente il funzionamento e le attività della Federazione. Lo sforzo compiuto è rivolto ad avvicinare la Federazione alla sua base attraverso una informazione più completa ed accattivante e lo sviluppo futuro di una comunicazione interattiva con tutte le componenti sportive. Quello che vogliamo costruire è un punto d’incontro degli appassionati allo sport automobilistico dove chi ama e pratica questo sport possa entrare con piacere e muoversi a proprio agio certo di trovarvi le risposte ai suoi desideri e bisogni. Come accade per tutti i siti internet anche il nostro andrà incontro a modifiche e miglioramenti. L’impegno è quello di rendere visibile e trasparente il lavoro della Federazione utilizzando gli strumenti messi a disposizione dalla tecnologia per soddisfare la sempre più ampia domanda di informazione e comunicazione.
Sorprendente Abruzzo. Natura intatta che regala panorami di rara bellezza e un territorio che non finisce di sorprendere. Il ghiacciaio più meridionale d’Europa e l’unico dell’Appennino si trova in Abruzzo. E’ il Calderone posto sul versante nord del Monte Corno. Un ghiacciaio ‘giovane’ che sembra avere non più di 6oo anni per essersi formato a seguito della lunga sequenza di gelidi inverni che caratterizzò il XV secolo. Sicuramente esisteva e presentava dimensioni di tutto rispetto quando il Capitano Francesco De Marchi effettuò la prima ascensione della montagna nell’agosto 1573. De Marchi lo descrisse come un "vallone lungo un miglio e largo mezzo dove sta neve perpetua". Un ghiacciaio al centro dell’Italia è una delle tante sorprese che riserva questa incredibile regione che sembra racchiudere in sé tutto quello che di bello la natura ci può dare. Accanto alle famose spiagge l’Abruzzo vanta una estesa area montuosa e collinare con paesaggi naturali di grande bellezza dove si alternano gli sconfinati piani carsici del Gran Sasso ai canyon della Majella, ai fitti boschi della Laga, ai pascoli, alle cascate, alle grotte. Un territorio che affascina proprio perché conserva ancora intatte tutte le proprie caratteristiche naturali di luoghi maestosi come il Gran Sasso o selvaggi come certi scorci rupestri. Questo immenso tesoro naturale è protetto da 3 Parchi Nazionali, un Parco Regionale e 38 tra oasi e riserve regionali e statali.
Una lunga distesa di sabbia color oro. Impossibile resistere alle spiagge dell’Abruzzo che sono un invito alla vacanza e al realx. Con i suoi 130 chilometri di spiagge l’Abruzzo è giusta la risposta a chi vuole trascorrere le vacanze in riva al mare e godersi il meritato riposo. Gli amanti della sabbia troveranno chilometri di litorale dove distendersi al sole L’Abruzzo è una delle mete preferite del turismo balneare e con i suoi 130 km di spiagge affacciate sul Mare Adriatico accoglie ogni anno turisti da tutta Europa che cercano il bel mare e non disdegnano le bellezze di un ambiente naturale vario e incontaminato. Chi ama la spiaggia sabbiosa trova nella zona settentrionale della regione gli splendidi litorali della provincia di Teramo e di Pescara. Non è solo l’estensione e l’arenile di sabbia finissima a decretarne la bellezza, ma anche la presenza delle ampie pinete che le costeggiano per chilometri e concorrono a creare un ambiente bello e salubre, di grande fascino.Uno dei punti più caratteristici di questa parte della costa abruzzese è quello posto tra Silvi e Pineto dove si erge la Torre di Cerrano, antico torrione di avvistamento risalente al XVI sec., oggi sede del Laboratorio di Biologia Marina. E non a caso: questo tratto di mare riveste uno straordinario interesse sul piano naturalistico, tanto che proprio qui è stato istituito il quarto Parco Nazionale abruzzese, il Parco Marino Torre del Cerrano. Lo specchio d’acqua antistante la Torre conserva anche preziosi tesori: a 11 metri di profondità c’è un importante sito archeologico subacqueo, le vestigia del porto di Hatria o Hadria di epoca pre –romana, da cui ha preso il nome il Mare Adriatico.
Il Parco Nazionale d’Abruzzo. Una delle zone più belle d’Italia per una vacanza di puro piacere. Vedere l’aquila reale in volo, maestosa abitatrice delle alte vette, è uno spettacolo indimenticabile di cui potete godere visitando il Parco Nazionale. Così come è sorprendente per la sua bellezza l’intero scenario di questa vasta riserva naturale, con le immense foreste di faggio, le valli, i laghi, i fiumi. Un tesoro inestimabile che racchiude tutte le caratteristiche naturali dell’Appennino. Oltre al famoso orso marsicano, simbolo del parco, è possibile vedere il lupo, il capriolo, il camoscio, mentre dalla primavera è tutto un fiorire di giaggioli e orchidee tra cui la bella e rara ‘scarpetta di venere’ che cresce negli angoli più nascosti. Il parco non è però solo uno spettacolo meraviglioso, ma anche un luogo dove si susseguono eventi e manifestazioni, attività didattiche, escursioni e che offre un’ampia gamma di strutture e servizi così da renderlo la meta ideale per una vacanza che mette insieme la bellezza della natura con l’ottimo cibo, la possibilità di passeggiate nel verde con il più completo relax. Un vero piacere.

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera per circa 5 km e ogni anno risorge tra il Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno i tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio.
Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante appena 50 chilometri.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu