Contatti e Link utili nella Provincia di Chieti - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Contatti e Link utili nella Provincia di Chieti

Link utili > Link Provincia di Chieti
 
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 

www.ingiulianova.it

Segnaliamo in questa sezione i collegamenti ad altri siti, selezionati in base alla loro appartenenza a una delle seguenti categorie: siti istituzionali e di pubblico interesse della Provincia di Chieti.

 

Regione Abruzzo. Sito Ufficiale della Regione Abruzzo. Nelle varie Aree Tematiche del sito della Regione Abruzzo sono catalogati per tipologia di argomento trattato: la classificazione rende la ricerca facile ed intuitiva. Accedendo ad un particolare Tematismo sono resi visibili tutti i siti riferiti al particolare tema indicato: tra essi si può scegliere quello in grado di soddisfare le varie esigenze informative. Ciascun Tematismo include una sezione in cui sono contenuti gli avvisi tematici di riferimento.

Provincia di Chieti. Un sito completo, quello della Provincia di Chieti, con informazioni su: Atti ufficiali Statuto e Regolamenti, Bandi di gara, Concorsi, Delibere, Avvisi pubblici, Bilanci ed altro ancora. Inoltre sul sito è possibile accedere all'area tematica degli atti ufficiale della Provincia di Chieti con: Statuto e Regolamenti, Bandi di gara,  Concorsi, Delibere, Avvisi pubblici e Bilanci.

LINK UTILI SULLA PROVINCIA DI CHIETI

Condividi le vacanze con il nostro car pooling: meno emissioni, meno spese, meno stress! per un mondo più pulito e giusto. Scegli una destinazione, fai click nel link a fondo pagina e vedi con chi vuoi condividere il viaggio, anche in bici. Itinerario turistico Eno gastronomico nella Provincia di Chieti: A tavola con la tradizione. L’itinerario si svolge in un periodo di 2 settimane toccando tre tappe. In ognuna di queste sarà possibile partecipare ad una manifestazione eno-gastronomica.  29-31 Luglio - Crecchio - A cena con i Bizantini; 31 Luglio - 1 Agosto - Miglianico - Le contrade del Piacere; 8-11 Agosto - Torrebruna - La sagra del Tartufo. Itinerario turistico Culturale: Le bellezze della provincia di Chieti. L’itinerario si svolge in una settimana e mezzo, toccando vari centri d’interesse nella provincia: 1-2 Luglio - Vasto; 3 Luglio - Lanciano; 4-5 Luglio - Ortona; 6-8 Luglio - Chieti; 9-10 Luglio - Vacri - Vacrum Sine Portis. Itinerario turistico Musicale: In vacanza con la musica nella Provincia di Chieti. L’itinerario si svolge in un periodo di 5 settimane, toccando tre tappe nelle quali i turisti potranno partecipare ad eventi musicali: 1-3 luglio - Lanciano - Il Folk sotto la Luna di Torre Sansone; 22-23 luglio - Torricella Peligna - Arte Musica & Gusto; 9-13 agosto - Francavilla al Mare - Blu Bar.
Indice degli eventi: dal 3 al 5 Fara San Martino. Taranta Peligna: Notte fonda. Schiavi di Abruzzo: Schiavi della Musica (Festival Musica Indipendente). Civitella M. Raimondo: Civitella Borgo Itinerante & Big Jump. San Giovanni Lipioni: Bassi di San Giovanni. Torricella Peligna: Arte Musica & Gusto. Tornareccio: Un mosaico per Tornareccio - La città delle api. Celenza sul Trigno: Tractorius. Tufillo: Attenti a quei Due - Ventricina & Vino Cotto. Montazzoli: Montazzolinfest. Gole e Sapori -Festa Nazionale Borghi Autentici d’Italia. Taranta Peligna: TarantaInStrada. Borrello: Una cascata …di stelle. Furci: Borgo in Sagra. Carunchio: Tartufo e Ventricina in Festa. Montenerodomo: Mestieri e sapori antichi a Iuvanum. Montazzoli: Sagra "Tagliarille e Fascile". Pretoro: Notti di San Lorenzo. Pennadomo: Transumanza Artistica. Palmoli: Ventricina Party. Monteferrante: Sagra di "Li Cillitt". Roccascalegna: Notti sotto le stelle. Lentella: Più Energia: per la mente, per il corpo, per l’ambiente. Palena: Sirventes. Rapino: Antichi Sapori - Sagra della Pizza Fritta. San Giovanni Lipioni: Sagra delle "Sagn’ Appzzat". Tufillo: Sagra dei Cavatelli con Salsiccia. Celenza sul Trigno: Celenza sul Trigno tra Folklore e Natura. Furci: Sagra della Pecorara. Castelguidone: Sagra dei Cavatill’. Guilmi: Sagra della Ventricina. Palombaro: Fieragosto. Roccaspinalveti: XXXVI Sagra dell’Agnello alla Brace. Fraine: Fragine Medievale. Lama dei Peligni: Adventus. Montazzoli: Sagra della "Pecora a lu Cutteur". Quadri: Mostra mercato del tartufo. Lentella: Sagra della Porchetta Lentellese. Schiavi di Abruzzo: Sagra Pallott Casc’e Ova. Torricella Peligna: Festival Letterario "Il Dio di mio padre". Schiavi di Abruzzo: Archeologia e Gastronomia. Rosello: Orti del Sangro: sapori di Settembre. Gessopalena: Buon Gusto. I formaggi d’Abruzzo. Tornareccio: Regina di miele -Mercato del miele e dei prodotti tipici. Roccascalegna: Sfilata delle conche e della conocchia. Palena: Festa Nazionale del Pleinair. Palena: Giornata Bandiere Arancioni.
Museo Musicale d'Abruzzo Archivio "F. P. Tosti". Comune di Ortona palazzo corvo, c.so matteotti, 83 Telefono 085/9066310 Informazioni Utili: orari:10-13 lunedì, mercoledì e venerdì, 10-13 e 15-18 martedì e giovedì chiuso sabato e domenica ingresso gratuito. Disponibili un archivio storico e fotografico, un "bookshop", una mediateca ed una biblioteca. Il museo e l'archivio conservano un ricco patrimonio documentario costituito principalmente dal Fondo Tosti, dalla Collezione Travaglini, dal Fondo De Luca e dal Fondo Albanese, ripercorrendo la vita del celebre musicista di Ortona.
Musei Civici di Palazzo D'Avalos: Pinacoteca e Museo del Costume Comune di Vastopalazzo d'Avalos, p.zza lucio valerio pudente Telefono 0873/367773 Informazioni Utili: orari:9.30-12.30 e 16.30-20.30 da mar. a dom. chiuso lunedì Si effettuano visite guidate ed attività didattiche. Disponibile un "bookshop". La Pinacoteca ospita una mostra temporanea sui fratelli Palizzi, figure di primo piano della scuola napoletana ottocentesca. Il Museo del Costume si articola in tre sezioni che comprendono una raccolta di dipinti raffiguranti abiti tradizionali, realizzati dal pittore Pier Canosa; una collezione di abiti abruzzesi databili dagli inizi dell'Ottocento ai primi anni del Novecento e una selezione di abiti caratteristici riprodotti da artigiani locali secondo gli antichi modelli. Musei Civici di Palazzo D'Avalos: Sezione Archeologica Comune di Vasto palazzo d'avalos, p.zza lucio valerio pudente Telefono 0873/367773 Informazioni Utili: Si effettuano visite guidate ed attività didattiche. Disponibile un "bookshop". Il museo raccoglie testimonianze archeologiche soprattutto di carattere funerario, a partire dall'ultima fase dell'età del bronzo al periodo romano. Interessante una collezione di armi in bronzo, fra cui varie cuspidi di giavellotto, armature, vari oggetti tipici del costume femminile arcaico del VI sec. a.C.; sono inoltre presenti numerosi contenitori ceramici di impasto nerastro-brunasto o d'argilla, olle di grandi dimensioni e corredi femminili e maschili provenienti da varie sepolture.
Museo Nazionale Archeologico di Chieti Villa Comunale, 3-Chieti Per informazioni numero di Telefono: 0871331668 Orario: 09.00-19.30 Chiuso lunedì Si effettuano attività didattiche. Disponibili un archivio fotografico e storico ed una biblioteca. Il Museo Nazionale Archeologico di Chieti, ha sede nella Villa Frigerij, edificio neoclassico del 1830. Nelle sale sono esposti corredi tombali, armi, vasellame, (provenienti da necropoli preromane del IX-IV secolo. a.C.) e sculture risalenti  tra il VI e V secolo a.C. Interessante il rilievo il "Guerriero di Capestrano" e le collezioni numismatica, (con circa 15000 monete) e la collezione Pansa (con bronzetti, gioielli, avori e vetri  legati alla vita quotidiana).
Museo della Civitella. Comune di Chieti via G. Pianelli Telefono 0871/63137 Informazioni Utili: orario: 9-1.30 da lunedì a domenica, previsto accesso disabili. Si effettuano visite guidate ed attività didattiche. Il museo della Civitella espone reperti in argilla e bronzo, monete, resti di statue e fregi architettonici relativi alla fase repubblicana della città di Chieti: Altre sezioni mettono in mostra reperti relativi alla città romana, con i ritratti di Augusto e Tito, e svariati frammenti di epigrafi e di statue marmoree mentre armi in bronzo e in ferro sono invece risalenti al periodo paleolitico e al neolitico.
Museo Archeologico dell'Abruzzo Bizantino ed Alto Medievale. Comune di Crecchio nel castello ducale, p.zza castello Telefono 0871/941392(cast.) 0338/9941538 (resp.) Informazioni Utili: orari: 10-12 e 16-20 tutti i giorni (da lug. a set.); 10-12 e 15-19 sab. e dom., altri giorni a richiesta (da ott. a giu.). ingresso gratuito, previsto accesso disabili. Il museo raccoglie una ricca documentazione sul periodo bizantino e alto medievale con numerosissimi reperti databili al VI e VII secolo d. C.. Una sezione del museo è dedicata al periodo etrusco e comprende la collezione "Fraracci" con circa mille reperti rinvenuti nella zona del viterbese. Sono esposti corredi funebri, statuine votive, anfore biconiche e altro materiale. Si effettuano visite guidate ed attività didattiche. Disponibile un "bookshop".
Museo Civico Comune di Guardiagrele. Chiostro di San Francesco, p.zza San Francesco Telefono 0871/80861-800460 (comune) Informazioni Utili: in allestimento Si tratta di una raccolta di reperti rinvenuti nella necropoli di Comino dove sono state riportate alla luce 31 sepolture databili tra il VIII e il III sec. a.C. Alcune vetrine conservano corredi funerari, oggetti in ceramica, anelli in bronzo e fibule.
Museo Naturalistico Archeologico "M. Locati". Comune di Lama dei Peligni loc. colle Madonna Telefono 0872/916067 (centro visita) Informazioni Utili: orari:9-13 e 16-19 sab., dom.e festivi, 10-12.30 mar., mer.e gio., altri giorni a richiesta,previsto accesso disabili. Disponibili un archivio storico e fotografico, un "bookshop", una mediateca ed una biblioteca. Si effettuano visite guidate ed attività didattiche.
Museo di Archeologia Urbana e dei Commerci antichi in Abruzzo. Comune di lanciano  via cavour Telefono 0872/7071 (comune) 717445 (archivio storico) Informazioni Utili: in allestimento. Museo di Archeologia Urbana e dei Commerci Antichi In Abruzzo con sede in Strada Cavour nel comune di Lanciano (CH) non risulta avere un sito internet di riferimento.  Museo di Archeologia Urbana e dei Commerci Antichi In Abruzzo al momento è stata classificata da webrica.it nella categoria Lanciano.
Museo Diocesano Comune di Lanciano. via finamore, 32 Telefono 0872/712648 Informazioni Utili: in allestimento. Il Museo diocesano di Lanciano  è uno dei musei di arte sacra più importanti della regione Abruzzo. Aperto al pubblico nel 2002 da Mons. Carlo Ghidelli, il museo è stato frutto di una minuziosa ricerca di opere antiche, a cura di Mons. Enzio D'Antonio, presso la sede arcivescovile e le varie chiese di Lanciano, alcune delle quali sconsacrate da secoli. Il museo si trova all'interno del palazzo del Seminario , edificio del XVII sec. sede dell'Arcidiocesi. È diviso in sei sale secondo un preciso ordine tematico e raccoglie una serie eterogenea di oggetti, frutto di un certosino lavoro di restauro, legati al culto cristiano e datati dal XIII sec. al XIX sec.
Museo Capitolare Comune di Ortona cattedrale, p.zza San Tommaso Telefono 085/9062977 attualmente in fase di restauro. Il Museo diocesano di Ortona, allestito nelle ex cappelle della Cattedrale, è stato inaugurato il 3 maggio 1988, in occasione della festa patronale di San Tommaso, e raccoglie le opere scampate ai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Il primo nucleo della collezione fu raccolto da Mons. Tommaso de Luca e aperto al pubblico nel secondo dopoguerra.
Raccolta "O. Recchione". Comune di Palena via San Francesco, 7 Telefono 0871/347424 0872/918873 (privato) Informazioni Utili: aperto a richiesta. ingresso gratuito. Si effettuano visite guidate. La raccolta espone 50 dipinti del pittore Oreste Recchione (1841-1904), nativo di Palena ed esponente della pittura napoletana dell'800.
Casa Museo "C. De Titta". Comune di s.Eusanio del Sangrovia roma, 1 Telefono 0872/757126 (privato) Informazioni Utili: in restauro.
Manifestazioni sportive su strada nella Provincia di Chieti. Il servizio è rivolto a Società Sportive, Gruppi Sportivi e Associazioni. La richiesta volta ad ottenere l'atto autorizzatorio deve essere presentata almeno 30 giorni prima che la manifestazione abbia luogo. Per svolgere una gara sportiva su strade o aree pubbliche occorre l'autorizzazione prevista dall'art. 9 del Codice della Strada (D.Lgs. 285/92). Se non si tratta di gara ossia non è una competizione che prevede un vincitore ma una semplice manifestazione sportiva non agonistica, non occorre autorizzazione ma va effettuata una comunicazione all'autorità locale di pubblica sicurezza (Questore o, in assenza, Sindaco). In ogni caso si reputa opportuno l'invio di tale comunicazione, per conoscenza, anche agli enti proprietari delle strade onde evitare sovrapposizioni di manifestazioni o presenza di  lavori stradali nella stessa giornata. Non rientrano nell'art. 9 nemmeno le gare che si svolgono fuori strada. Le richieste per il rilascio delle autorizzazioni e nulla osta devono essere inoltrate con gli allegati, preferibilmente, in formato digitale all'indirizzo serviziogare.viabilita@provincia.chieti.it o in mancanza di posta elettronica in formato cartaceo presso l'ufficio protocollo del Settore VI Viabilità e Trasporti della Provincia di Chieti in via Discesa delle Carceri n.1 a Chieti per mezzo di posta ordinaria o a mano. La Provincia di Chieti si è dotata di in Regolamento che norma il rilascio delle autorizzazioni. A chiunque intenda ottenere l'autorizzazione è fatto obbligo di leggere il Regolamento in ogni sua parte perché quest'ultimo contiene tutte le informazioni utili al richiedente al fine di presentare la domanda in modo corretto ed accompagnata da tutta la documentazione necessaria all'ottenimento della necessaria autorizzazione. Inoltre il Regolamento prescrive i comportamenti e le norme che gli organizzatori dovranno rispettare nelle varie fasi della manifestazione ossia  preparazione, realizzazione, smantellamento delle strutture. Si rammenta a tutti gli utenti che non verranno istruite pratiche presentate con moduli diversi da quelli presenti nel sito e inviati con modalità diverse da quelle descritte dettagliatamente nel Regolamento.
Museo d'Arte C. Barbella di Chieti. Palazzo martinetti bianchi, via c. de lollis, 10 Telefono 0871/330873 Informazioni Utili: orari: 9-13 mer., ven. e sab., 9-13 e 16-18.45 mar. e gio., 9-12 la i dom. del mese chiuso lunedì e le altre domeniche. ingresso gratuito, previsto accesso disabili. Conta un notevole patrimonio di dipinti, sculture e ceramiche datate tra il 1400 al 1900. Particolarmente interessante la sezione dedicata al secolo XIX, con opere di Costantino Barbella e Francesco Paolo Michetti.
Il progetto di Sostenibilità ambientale "Green4Young". Dall’ultimo rapporto sulle ecomafie, che indaga il livello di criminalità legato ai reati ambientali (pubblicato nei primi giorni del Giugno 2011) emerge che in Italia è ancora molto praticato il traffico illegale dei rifiuti. Da ciò deriva l’evidente necessità, per le amministrazioni pubbliche, di creare una cultura caratterizzata dalla sensibilità dei cittadini nei confronti dei temi ambientali che crei un cambiamento del comportamento dei cittadini stessi, oltre che del mondo politico, orientato alla sostenibilità ambientale. Il progetto "Green 4 Young" intende sviluppare tra le giovani generazioni una sensibilità verso le materie ambientali che consenta loro di rivestire un ruolo attivo nella società come portatori di buone pratiche e comportamenti e di essere di esempio e veicoli di valori più vicini alle direttive Comunitarie in tema di rispetto dell’ambiente. Capofila: Provincia di Teramo. Partner: Provincia di Chieti, Provincia di Alessandria. Associati: Arco Adriatico Ionico, Università degli Studi di Teramo e l'Università Telematica Leonardo Da Vinci.
Museo Geopaleontologico Alto Aventino a Palena presso il Castello Ducale Telefono 0871/930028(privato) Informazioni Utili: orari: 9-12.30 e 15-20, previsto accesso disabili. Si effettuano visite guidate. Il museo "Geopaleontologico Alto Aventino" conserva fossili di diverse ere geologiche, dal paleozoico al Quaternario. Di particolare rilievo storico e scientifico  i fossili di Palena che grazie ai resti di migliaia di organismi ricostruiscono l'antico ambiente marino della Majella di 7 milioni di anni fa. Interessante anche la sezione dove sono esposti alcuni fossili di organismi del periodo Cretaceo (risalenti a circa 80 milioni di anni fa): si tratta di rudiste e gasteropodi.
Cosa sono i PIT. I PIT (Progetti Integrati Territoriali) sono un complesso di azioni intersettoriali, collegate tra di loro che convergono verso un comune obiettivo di sviluppo del territorio. L'idea guida dei pit è quella di consolidare lo sviluppo del tessuto produttivo creando un ambiente competitivo ed adeguato agli standard europei in tema di :sicurezza, qualità ambientale, turismo, ricerca, innovazione tecnologica, servizi al cittadino nonché di sviluppare l'esercizio in comune di servizi e forme di accordo, cooperazione e associazionismo. Con i nuovi PIT la Provincia di Chieti intende sostenere progetti per sviluppare l'attuale sistema dell'accoglienza turistica e migliorare l'attrattività del territorio, valorizzando l'autenticità e l'unicità delle risorse di identità, cultura, ambiente. elevando la qualità dei servizi offerti e adeguando le professionalità degli operatori addetti. Gli interventi dei PIT si attuano in 3 ambiti territoriali: - Ambito Lanciano - PIT SANGRO AVENTINO, - Ambito Vasto - PIT TRIGNO SINELLO, - Ambito Chieti - PIT CHIETINO - ORTONESE. Sulla base delle linee guida dei PIT e delle indicazioni contenute nei bandi che la Provincia di Chieti pubblicherà è possibile presentare dei progetti che rispondano agli obiettivi generali e specifici definiti. I progetti vengono finanziati dalle risorse del POR Fesr 2007/2013 della Regione Abruzzo.
Politiche attive del lavoro. po fse abruzzo 2007/2013 ob. c.r.o. competitivita' regionale occupazione. La Provincia di Chieti, nell'ambito del "Progetto speciale multiasse ad attuazione provinciale" del PO FSE ABRUZZO 2007/2013, gestisce i seguenti interventi: cluster b - asse 2 occupabilita': azioni integrate finalizzate all'inserimento lavorativo dei giovani in uscita dai percorsi di assolvimento dell'obbligo di istruzione; percorsi integrati finalizzati a favorire l'inserimento lavorativo per soggetti di eta' compresa tra 18 e 29 anni; percorsi integrati finalizzati al conseguimento di qualifica professionale o di una riqualificazione / riconversione per soggetti adulti inoccupati o disoccupati; misure finalizzate al prolungamento della vita lavorativa. Cluster c - asse 3 inclusione sociale: percorsi integrati per favorire la permanenza nel mercato del lavoro di soggetti di eta' pari o superiore a 45 anni; voucher formativi e di servizio per donne appartenenti a nuclei familiari in condizione di poverta'; tirocini post diploma; voucher formativi per giovani capaci e meritevoli; percorsi integrati finalizzati a favorire l'accesso al mercato del lavoro per giovani fuoriusciti dal sistema scolastico o formativo. Cluster d - asse 4 adattabilita': formazione continua per lavoratori dipendenti delle piccole imprese della provincia di chieti; formazione continua per imprenditori emanagement aziendale delle piccole imprese; voucher per lavoratori e management aziendale delle piccole imprese.
Tematica Sport e Salute. Promuoviamo il concetto di salute come bene collettivo favorendo la pratica sportiva come elemento che influisce sul benessere fisico e mentale, la crescita personale, la prevenzione. Nel trimestre Gennaio - Marzo nella Provincia di Chieti si terrà un Seminario tenuto da esperti e professionisti del mondo dello sport che illustreranno quali sono i benefici favoriti da uno stile di vita sano sia nella pratica sportiva che nella vita quotidiana. L'evento sarà rivolto a tutti gli interessati: giovani,famiglie e istituzioni e rappresenta un momento di approfondimento per gli allievi delle Scuole Partner che contemporaneamente parteciperanno ai Laboratori editoriali finalizzati alla realizzazione di una campagna di comunicazione attraverso l'uso a scelta di uno tra i seguenti strumenti multimediali: video, web, magazine. Tematica Sport e Fair Play. Puntiamo al rafforzamento di una coscienza civile per la promozione della cittadinanza attiva attraverso l’assunzione di una responsabilità personale nei confronti della propria e dell’altrui salute. Nel trimestre Aprile - Giugno nella Provincia di Pescara si terrà un Seminario tenuto da esperti e professionisti che illustreranno come lo sport favorisce la disciplina e quindi lo spirito di squadra e l'autocontrollo anche nella vita sociale. L'evento sarà rivolto a tutti gli interessati: giovani,famiglie e istituzioni e rappresenta un momento di approfondimento per gli allievi delle Scuole Partner che contemporaneamente parteciperanno ai Laboratori editoriali finalizzati alla realizzazione di una campagna di comunicazione attraverso l'uso a scelta di uno tra i seguenti strumenti multimediali: video, web, magazine. Tematica Sport e Coesione Sociale. Promuoviamo i valori civici impliciti nel mondo sportivo quali lo spirito di gruppo, la solidarietà, il rispetto delle regole, la correttezza, la realizzazione personale. Nel trimestre Settembre - Novembre nella Provincia di Teramo si terrà un Seminario tenuto da esperti che illustreranno come il "sistema sport" racchiuda un sistema etico molto significativo che riesce a trasmettere passione e valori come l’amicizia,la tolleranza e il rispetto dell'altro. L'evento sarà rivolto a tutti gli interessati: giovani,famiglie e istituzioni e rappresenta un momento di approfondimento per gli allievi delle Scuole Partner che contemporaneamente parteciperanno ai Laboratori editoriali finalizzati alla realizzazione di una campagna di comunicazione attraverso l'uso a scelta di uno tra i seguenti strumenti  multimediali: video, web, magazine.
Il Cammino dell’Apostolo Tommaso, le cui sacre spoglie sono custodite dal 1258 nella Cattedrale di Ortona, si caratterizza per la spiritualità dei luoghi e dei personaggi che s’incontrano lungo il percorso e trova il suo fondamento nel ruolo storico che le terre d’Abruzzo assunsero nei secoli, quale collegamento e passaggio obbligato tra i percorsi nord-sud (traiana-frentana), da Santiago de Compostela alla Terra Santa, ed est-ovest (tiburtina-valeria), da Roma alla Terra Santa.  Un itinerario religioso-culturale, di oltre 450km, che coniuga la fede con la cultura, l’arte, le bellezze naturali, le tradizioni popolari e la gastronomia, riproponendo il valore del pellegrinaggio nel terzo millennio. Il primo Cammino prende il via da Pescara, in cui non si può non restare affascinati dal Tempio della Conciliazione, la  grande e imponente Cattedrale di San Cetteo, la cui fondazione risale al 1933. Cetteo è santo, martire e pellegrino. La leggenda, infatti narra che dopo il martirio il suo corpo, viaggiando sul fiume Pescara, giunse alla foce dove il popolo lo raccolse devotamente, riconoscendo alle spoglie un segno di fede cristiana. Da allora, questo Santo, vescovo di Amiterno è il patrono di Pescara. All’interno della grande chiesa a tre navate vi sono due cappelle: a destra quella dedicata al Santo patrono, a sinistra quella funeraria di Luisa D’Annunzio, madre del Poeta.
Eurodesk è la struttura del programma comunitario Gioventù in Azione dedicata all'informazione e all'orientamento sui programmi in favore dei giovani promossi dall'Unione Europea e dal Consiglio d'Europa. Eurodesk opera con il supporto della Commissione Europea e del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il settore giovanile è un campo molto ampio. Questa sezione del sito Eurodesk si propone di dare una visione chiara della situazione a livello europeo. Esso riguarda principalmente gli aspetti del settore giovanile, che riguardano i giovani e le informazioni Europea. Le informazioni qui riportate si propone di informare il lettore di questi sviluppi e fornire fonti, che consentono al lettore di seguire i dibattiti su questi temi chiave a livello europeo. Il Libro bianco della Commissione Un nuovo impulso per la gioventù europea e dei processi di consultazione che la circondano hanno, infatti, dato un nuovo impulso al settore, anche attraverso le informazioni di identificazione, come una delle priorità politiche fondamentali. Per poter lavorare con i giovani e le informazioni europeo in un momento in cui ci sono tali sviluppi significativi in atto nel campo delle informazioni a livello europeo è eccitante. Questa sezione comprende tre temi principali, che sono rivolte in particolare dal punto di vista informazioni: il Portale europeo per i giovani : una nuova iniziativa per consentire l'accesso alle informazioni europee e nazionali per i giovani; l' informazione dei giovani campo: una nuova attenzione per l'importanza delle informazioni per i giovani a livello europeo; politiche giovanili e la ricerca : il contesto politico attuale del settore della gioventù a livello europeo.
Dirigente Responsabile dell' U.S.P. dott. Sandro LIBERATORE. Vicario del Dirigente dott. Roberto RICCIARDI. L'U.S.P. realizza la presenza dell'Amministrazione a livello provinciale e facilita l'accesso ai procedimenti amministrativi in relazione alle competenze dell'Amministrazione. Secondo quanto previsto dall'art. 8, comma 6 del D.P.R. 319/2003, l'Ufficio Scolastico Provinciale di Chieti svolge le funzioni appresso indicate, oltre ai compiti delegati con provvedimenti appositi del Direttore Generale dell'Ufficio Scolastico Regionale: Presenza dell'Amministrazione sul territorio provinciale, portando a compimento le iniziative avviate dall'Amministrazione scolastica di livello nazionale e regionale e afferenti al territorio medesimo ( progetti, accordi, intese, programmi, contatti, eventi, etc.); distribuzione fondi agli istituti scolastici autonomi e assistenza agli stessi per le procedure amministrative e amministrativo-contabili; formulazione di proposte al Direttore Generale ai fini dell'assegnazione delle risorse umane ai singoli istituti scolastici autonomi; aggiornamento e compilazione graduatorie permanenti con i relativi atti di reclutamento consequenziali; supporto agli istituti scolastici per la progettazione e innovazione dell'offerta formativa, per l'istruttoria dei provvedimenti di ricostruzione di carriera e pensionistici; sviluppo delle reti di scuole; procedure di composizione delle Consulte provinciali degli studenti e gestione delle medesime, nonchè; di tutti gli adempimenti connessi alla composizione degli organi collegiali.
Turismo nella Provincia di Chieti. Ospitalità a Chieti. Di seguito gli elenchi dedicati alla ricettività alberghiera ed extralberghiera della provincia di Chieti. Musei nella Provincia di Chieti: Museo Archeologico Nazionale d'Abruzzo, Museo Archeologico della Civitella, Museo d'Arte Costantino Barbella, Museo Diocesano Teatino - attualmente chiuso Museo Etnografico, Museo Archeologico dell'Abruzzo Bizantino ed Altomedievale, Museo Archeologico di Guardiagrele. Scavi, Siti e Complessi Archeologici nella Provincia di Chieti: Complesso Termale Romano - Località Fonte Grande - Chieti, Teatro romano - Via Asinio Herio - Chieti. Parchi e Riserve naturali nella Provincia di Chieti: Parco Nazionale della Majella, Riserva Naturale Statale Fara San Martino Palombaro, Riserva Naturale Statale Feudo Ugni, Riserva Naturale Statale Quarto Santa Chiara, Riserva Naturale Regionale Abetina di Rosello, Riserva Naturale Regionale Lago di Serranella. I Musei nella Provincia di Chieti: Museo del Costume e delle Tradizioni della Nostra Gente, Museo Naturalistico Archeologico M. Locati, Museo Archeologico di Lanciano, Museo Civico Archeologico di Ortona,  Museo Musicale d'Abruzzo - Istituto Nazionale Tostiano, Museo Civico d'Arte Contemporanea - Pinacoteca Cascella, Museo Geopaleontologico Alto Aventino, Casa Museo Cesare De Titta, Museo Civico Archeologico di Vasto, Parco Archeologico di Juvanum, Archeologica Santuario Italico, Riserva Naturale Statale Quarto Santa Chiara, Riserva Naturale guidata Cascate del Verde, Riserva Naturale guidata Bosco di Don Venanzio, Riserva Naturale guidata Lecceta di Torino di Sangro, Riserva Naturale guidata Punta Aderci, Oasi Naturale Abetina di Selva Grande, Parco Territoriale attrezzato dell'Annunziata.
Turismo e Cultura nella Valle Val Frentana. Chiesa di S. Stefano. La chiesa arcipresbiteriale di Santo Stefano Protomartire è la chiesa madre di Castel Frentano. Venne ricostruita nella seconda metà del 1700 su una chiesa edificata probabilmente tra la fine del XIII secolo e gli inizi del XIV secolo, divenuta troppo piccola per contenere il numeroso popolo ed ormai, malridotta. Fin dal XVI secolo, la chiesa è Arcipretura, di cui fu primo arciprete don Camillo Savino. Chiesa della Madonna dell' Assunta. La chiesa di Santa Maria dell' Assunta è anche conosciuta anche come chiesa della Madonna dell'Assunta. La prima costruzione risale al XV secolo, ma oggi se ne ha traccia solo nelle fondamenta in laterizio, nel portale laterale in pietra, e in una statua lignea della Vergine Maria. Agli inizi del XVIII secolo, la chiesa fu completamente ricostruita in stile barocco. Nel 1822, al santuario fu concessa l'Indulgenza plenaria il giorno dell'Assunzione di Maria. Chiesa di San Rocco. La chiesa di San Rocco fà risalire la sua edificazione alla seconda metà del XVII secolo. Nella prima metà del XX secolo il tempio fu oggetto di importanti lavori di restauro. Nel 1977, con la munificenza di Amerigo Di Donato, detto Mirrichino, venne costruita la fontana sita di fianco. Fu restaurata dal comitato Feste nel 2005-2006. Palazzo Cavacini. Il Palazzo Cavacini è un palazzo signorile composto da due corpi di fabbrica disposti a forma di "L". È sito nel centro storico tra Corso Garibaldi e Corso Torrione. La costruzione risale al XVIII secolo; fu ristrutturato dopo la frana del 1881. Agli inizi del 1900 fu realizzato il corpo di fabbrica su Corso Torrione
Zona Val Sangro. Gestione Ambientale Integrata territoriale del Sangro Aventino. Cosa si è fatto: Il progetto ha previsto campagne di campionamento dei rifiuti prodotti in tre comuni dell’area, chiedendo per la prima volta la collaborazione attiva di famiglie scelte a campione. Verranno effettuate 3 campagne stagionali (primaverile, estiva ed autunnale/invernale). L’obiettivo: produrre dati per alimentare un database "anagrafe dei rifiuti" informatizzato, che integrato al sistema informativo territoriale (già operante presso il Patto Sangro Aventino) consente una conoscenza puntuale della produzione dei rifiuti del Comprensorio. I Partner: alla sperimentazione pilota partecipano tre comuni del comprensorio che già attuano la raccolta differenziata di tipo domiciliare: Fara San Martino comune interno con un campione formato da 65 famiglie; Casoli comune collinare con un campione formato da 126 famiglie; San Vito Chietino comune costiero con un campione formato da 170 famiglie. Il progetto è stato promosso e finanziato dalla Soc. Cons Sangro Aventino e realizzato con la collaborazione scientifica del Centro di Scienze Ambientali. Cosa si è fatto: Il progetto prevede una Individuazione quali-quantitativa dei flussi degli scarti/residui prodotti dalle aziende del Comprensorio tramite l’analisi dei MUD, ed una relativa valutazione. L’obiettivo: elaborare uno studio di fattibilità per eventuali opportunità di business della materia "seconda" e/o contestuale attivazione di servizi associati per la raccolta e smaltimento secondo i principi dell’Ecologia Industriale. I Partner: Il progetto è promosso e finanziato dalla Soc Cons Sangro Aventino e realizzato con la collaborazione scientifica dell’Università G. D’Annunzio, Facoltà di Economia,e di un campione di aziende che operano principalmente nella Val di Sangro.
In virtù della Legge 580/93, la Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura è ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell'ambito della circoscrizione territoriale di competenza (coincidente con la provincia), funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese curandone lo sviluppo nell'ambito dell'economia locale. Alla Camera di Commercio di Chieti è riconosciuta potestà statutaria e autonomia regolamentare, finanziaria e amministrativa. L'autonomia riconosciuta agli Enti camerali dalla Legge 580/93 è stata ampliata dal Decreto legislativo 112/98 che ha abrogato i controlli ministeriali nei confronti della Camera di Commercio per quanto riguarda gli statuti, i bilanci, la determinazione delle piante organiche e l'istituzione di aziende speciali, affidando invece alla Regione il controllo sugli organi camerali, in particolare relativamente al mancato funzionamento o costituzione. La recente normativa in materia di riforma amministrativa ha inserito la Camera di Commercio tra le autonomie funzionali, concetto nuovo per il nostro ordinamento, che indica quei soggetti che non sono autonomi in virtù di una definizione costituzionale (come le Regioni, le Province e i Comuni), ma sono autonomi in virtù della funzione che svolgono.
Un po’ di storia dell’Abruzzo. In età paleolitica l’Abruzzo era già abitato e l’afflusso di popolazione di stirpe mediterranea continuò nel Neolitico e nei corso del primo millennio a. C. In età storica la popolazione era di ceppo indoeuropeo (Sabini, Marsi, Peligni, Frentani). La vittoriosa politica di espansione perseguita da Roma portò, nel corso dei sec. IV e III a. C., all’assoggettamento delle popo-lazione indigene ed alla loro associazione al dominio romano, salvo la breve parentesi di indi-pendenza durata dal 91 all’88 a C., in conseguenza della guerra sociale. Con la suddivisione della penisola italica operata da Augusto, l’Abruzzo formò la IV regione. L’invasione longobarda non risparmiò l’Abruzzo dalle devastazioni e nel 572 il suo territorio venne Incorporato nel ducato di Spoleto con il nome di provincia dei Marsi o Marsia. In seguito fu diviso In diversi contadi tra i quali la Sabina, che venne annessa al dominio del Papa intorno al 939. Verso la metà del sec. XII, i Normanni occuparono tutto il territorio abruzzese. annullando qualsiasi autonomia locale. Fu successivamente conquistato dall’imperatore Enrico IV e seguì quindi le sorti del regno di Napoli nelle lotte tra gli Svevi e la Chiesa. Nei secoli che seguirono, Durazzeschi, Angioini e Aragonesi che si disputarono il possesso della regione che lasciarono in preda a lotte intestine e al banditismo. Terremoti devastatori colpirono l’Abruzzo nei primi anni del sec. XVIII, durante la guerra tra Spagnoli ed Austriaci. Nel 1838 passò ai Borboni di Napoli, sotto il cui dominio rimase fino all’annessione ai Regno d’Italia avvenuta nel 1860.
Con poco meno di 54.000 abitanti, Chieti è il meno popoloso tra i quattro capoluoghi abruzzesi. La cittadina, adagiata su un colle a 330 m s.l.m., è facilmente raggiungibile grazie al vicino aeroporto d'Abruzzo nonché alle autostrade A25 e A14-Adriatica. Con oltre 397.000 abitanti, la provincia teatina vede la presenza del massiccio della Majella e allo stesso tempo di un tratto di costa adriatica, detta Costa dei Trabocchi, su cui affacciano località come Francavilla al mare e Vasto. Fatti guidare alla scoperta di Chieti e della sua provincia.

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera per circa 5 km e ogni anno risorge tra il Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno i tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio.
Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante appena 50 chilometri.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu