Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Ortona - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Ortona

Chieti
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 
Dalla sua posizione, sul promontorio, Ortona domina il suggestivo litorale abruzzese che proprio qui muta, per arricchirsi, oltre che di spiagge finissime, di calette ed insenature celate da una lussureggiante vegetazione mediterranea. Ortona, che affonda le sue radici nel mare, antichissimo centro marinaro e celebre porto dei Frentani, oggi è il porto commerciale d’Abruzzo. Oltre al mare, l’altra grande risorsa del territorio ortonese è sicuramente l’agricoltura, in particolare la vitivinicoltura con la produzione di ottime uve da vino come di Montepulciano ed il Trebbiano e prelibate uve da tavola come il Pergolone. Nel corso degli anni i produttori locali di Ortona hanno puntato soprattutto su una produzione di qualità, affinando le metodologie legate al ciclo produttivo e raggiungendo livelli di eccellenza riconosciuti su scala mondiale proprio nel settore agroalimentare.
 
Ortona vanta un complesso industriale e artigianale ricco di aziende dall’alto contenuto tecnologico, che sfrutta appieno la creatività dei suoi imprenditori e le ricchezze del territorio, realizzando prodotti innovativi, fornendo servizi alle industrie con elevati standard qualitativi. “Ortona prodotti italiani” è un progetto di promozione del nostro territorio che, seguendo un percorso diverso, ma complementare ai tanti del suo genere, lega la propria immagine a quella delle sue aziende e delle sue produzioni più rappresentative. Ortona è una città non solo ricco scrigno di bellezze turistiche e culturali, ma terra che vede la presenza di imprese, dall’agroalimentare all’industria estrattiva, vivaci, e da sempre attente a raccogliere le sfide dei mercati.


Città di Ortona

“Ortona prodotti italiani” vuole essere un nuovo ed efficace biglietto da visita per Ortona, ma con l’obiettivo implicito di fare anche una piccola operazione di marketing per le proprie aziende, consapevole che, mai come in questo periodo, ogni Comune è chiamato ad assumere un preciso ruolo di sostegno al proprio tessuto economico. Abbiamo preparato così, grazie anche al contributo della Regione Abruzzo, diverse iniziative di comunicazione, anche in lingua straniera, tra cui questa pubblicazione, che presenta l’eccellenza dei nostri produttori ai tanti appuntamenti fieristici a cui parteciperà il Comune di Ortona.

Comune di Ortona
Via Cavour, 24
- 66026 Ortona (Ch)
Tel.: 085.90571 – Fax: 085.9066037

Altitudine: 68 mt. s.l.m.
Estensione: 70,17 kmq.

Sito web: www.comune.ortona.ch.it
PEC - Posta certificata: protocollo@pec.comuneortona.ch.it

Posta ordinaria: info@comune.ortona.ch.it

Molto probabilmente, il toponimo Ortona non è di origine indoeuropea. Esso preesisteva all’arrivo degli Italici, giunti in Abruzzo verso il X – XI sec. a C. quando la tribù dei Frentani si collocò nell’area, già abitata da popoli provenienti dalla sponda illirica, Ortona – Anxanum – Histonium – Larino. Il colle che va dall’attuale Piazza della Repubblica sino al Castello Aragonese costituiva un’ottima base su cui il villaggio illirico-frentano poteva organizzarsi, circondato per tre lati dal mare e da un fossato e solo nella parte a sud legato all’entroterra. La città romana è costruita sulla struttura del preesistente villaggio italico. La prima citazione storica è quella di Strabone, geografo greco, vissuto nel I sec. a. C. Nel V libro della "Geografia", parlando della costa adriatica, cita Ortona, come Epineion dei Frentani: il termine significa città-porto. In età italica e romana e anche in età bizantina e sveva, il porto doveva essere a nord del colle, in località denominata "lo scalo". La urbs romana è testimoniata da diversi reperti ritrovati nell’area del Castello Aragonese, da lapidi ritrovate anche in mare o nelle vicinanze del recinto dell’urbs. Vicino alla città vi sono tracce di strade romane. Ortona è anche citata nella Tabula Peutingeriana del IV sec. Per lungo tempo fu base dei Bizantini: il suo porto serviva per i contatti con l’interno, per i rifornimenti nelle lotte contro i Longobardi. Ortona è citata insieme con Giulianova come proto dell’Abruzzo (Castrion Ortonos) dal geografo bizantino Giorgio Di Cipro, nel 604. Nel XII sec. fu conquistata dai normanni. Sotto il dominio degli Svevi la città conobbe un periodo di grande floridezza, diventando centro di riferimento per il commercio con l’Oriente. Nel XIII sec. furono portate le reliquie di S. Tommaso Apostolo. Nel XV sec. Giacomo Caldora cinse la città di mura e successivamente Alfonso D’Aragona decise di costruire un castello su una preesistente fortificazione medioevale. Nel XVI sec. divenne un possedimento dei Farnese che durò fino al 1735. Nell’inverno 1943 – 44 la città fu quasi completamente distrutta a causa dei violenti combattimenti tra tedeschi e alleati.

 

Accoglienza turistica a Ortona
 Alberghi a Ortona
 Residenze turistico alberghiera a Ortona
 Residence a Ortona
 Case per le vacanze a Ortona
 Appartamenti a Ortona
 Country House a Ortona
 Bed and breakfast a Ortona
 Alloggi agroturistici a Ortona
 Campeggi a Ortona
 Villaggi turistici a Ortona
 Ostelli della Gioventu' a Ortona
 Case per le ferie a Ortona
 Affittacamere a Ortona
 Aree sosta per camper a Ortona

Un patrimonio. Quello di Ortona, pubblicitario dove il “Made in Ortona” non sarà solo una scritta sulla confezione di un vino pregiato, o il marchio temprato di utensile pregiato, ma l’espressione di un territorio ricco di risorse, di gente laboriosa e creativa, di una particolare qualità della vita, di una posizione geografica, dei tanti collegamenti marittimi, stradali e ferroviari che ne fanno un unico grande ed ambito sito produttivo. Insomma il posto ideale per vivere e lavorare ad Ortona. Questo è il messaggio che girerà per il mondo, e questa sarà la convinzione con cui ogni amministrazione dovrà sempre fare i conti.


Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Chieti

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu