Sala - Museo " Raffaello Pagliaccetti " - Giulianova alta - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Sala - Museo " Raffaello Pagliaccetti " - Giulianova alta

Giulianova > I Musei

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
L’ampia spiaggia a nord del porto, dotata di ogni tipo di struttura turistica. Giulianova - Una limpida distesa blu che incontra il cielo all’orizzonte, la natura dirompente della Regione Verde d’Europa alle spalle, il profumo intenso di fiori, e ancora palme, pini e oleandri a incorniciare un quadro di rara bellezza. Così si mostra agli occhi di un turista ammaliato il litorale giuliese, lungo e ben attrezzato, con un eccellente porto turistico.

A spasso tra i Musei e le Pinacoteche di Giulianova



Sala della scultore Raffaello Pagliaccetti (Piazza della Libertà)

Dello scultore Pagliaccetti è stato inaugurato pochi anni fa, nella rinnovata Piazza della Libertà, il busto in bronzo, opera di Ulderico Ulizio. Ora, per la prima volta, vengono esposte a Giulianova, in una sala dell’edificio scolastico appositamente allestita, 15 delle sue opere che, sparse in vari musei fiorentini, furono acquistate nel 1914 da Pasquale Ventili e donate in seguito agli Ospedali ed Istituti Riuniti di Teramo. Dopo varie vicissitudini dunque un altro consistente patrimonio artistico giuliese viene recuperato per opera della Civica Amministrazione e offerto alla diretta fruizione dei cittadini.
E’ stato Pagliaccetti un caposcuola del Verismo nella seconda metà dell’ottocento. A Giulianova era nato da famiglia piccolo-borghese nel 1838 e presto era stato avviato dal padre alla mercatura. « Il merito d’averne scoperto il talento artistico e d’averlo incoraggiato ed avviato agli studi spetta al pittore Flaviano Bucci, dal quale apprese i primi elementi di disegno, e all’ingegnere Gaetano De Bartolomei, due delle figure più rappresentative dell’Ottocento giuliese » [1].
Nel 1856 si trasferisce a Roma, dove, grazie al concorso degli Acquaviva, può frequentare l’Accademia di S. Luca. Tornato a Giulianova nel 1859, in seguito alla chiusura dell’Accademia, nel 1861, con il sostegno dell’Amministrazione Prov.le di Teramo, può essere inviato alla prima Esposizione Nazionale di Firenze dove resta fino al 1897 e dove coglie i suoi maggiori successi partecipando alle esposizioni annuali della stessa Firenze, di Napoli, di Parigi, alle Universali di Filadelfia e di Vienna. Sono di questi anni il « Garibaldi a Caprera ». (1866), il busto del « Generale Moltke » ed il noto « Vittorio Emanuele II », commissionato dal Comune di Giulianova per ricordare lo storico passaggio del Re (15 ottobre 1860) che, varcato il Tronto, si avviava ad incontrare Garibaldi verso Napoli. La statua era stata commissionata in un primo tempo dalla città di Teramo; fu poi donata a Giulianova che avrebbe dovuto far fronte solo alle spese. Quando il 26 Agosto del 1894 fu definitivamente inaugurata, il monumento appariva mutilato rispetto al progetto per la notevole riduzione del basamento e la mancanza di numerosi accessori che ne completavano il senso politico. Il Sindaco Francesco Ciafardoni e l’On.le Giuseppe Cerulli-Irelli erano stati costretti al ridimensionamento per la mancanza di... fondi! La sproporzione fra la monumentalità della statua e l’esiguità della base spiacque tanto allo scultore che spesso ripeteva ai suoi amici: « In una di queste notti le getterò le funi; questo monumento mi disonora, perciò voglio distruggerlo » [2].
Nel 1893 succede al Duprè nella direzione dell’Accademia di Belle Arti e nel 1897 torna definitivamente a Giulianova, dove, dopo altri anni di intenso lavoro (Garibaldi a cavallo, Il Celebrante, Busto di giovane donna etc...) muore il 10 maggio dei 1900.
di Dante Pistilli

DIREZIONE PINACOTECA E MUSEI presso BIBLIOTECA - Corso Garibaldi, 14
Tel. e Fax 085/8021215 - E-mail: bib.civica.bindi@zerotime.it
da Lunedì a Venerdì 9.00-12.00 / 15.00-18.30
Sabato e Domenica chiuso • Apertura estiva anche 21.00-23.00 tutti i giorni (Periodo estivo)


Giulianova turistica.
Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera per circa 5 km e ogni anno risorge tra il Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno i tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio.
Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A 14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante appena 50 chilometri.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu