Musei, Chiese, Eremi, Castelli e Monumenti nella Provincia di Teramo - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Musei, Chiese, Eremi, Castelli e Monumenti nella Provincia di Teramo

Teramo

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
l Mare nella Provincia di Teramo. È il caso della spiaggia del “Cerrano”, sempre nel comune di Pineto, cui la presenza di un antico torrione conferisce un fascino unico. Il “porto antico di Cerrano” è, infatti, uno degli avamposti difensivi di un sistema più ampio di torri di avvistamento edificate dagli spagnoli nel XVI secolo, nel tratto che va dal fiume Trigno al Tronto. Se ne trovano tracce anche nella città di Martinsicuro (la Torre di Carlo V) e di Alba Adriatica (il Torrione), a testimonianza della ricchezza che la riviera teramana può offrire anche dal punto di vista archeologico e culturale.

L’Abruzzo è una terra antica che reca le tracce, anche artistiche, delle vicende storiche che l’hanno interessata e dei popoli che l’hanno abitata.
Una di queste testimonianze si trova nel Santuario di Ercole Curino, alle pendici del Morrone: affacciato sulla Valle Peligna, per secoli luogo sacro di tribù di pastori, oggi è un parco archeologico di grande suggestione, immerso in uno scenario di caratteristiche montagne. Legati alla cultura pastorale sono anche i complessi di Campovalano e Schiavi d’Abruzzo; la presenza romana emerge ad Alba Fucens (con i siti archeologici di Juvanum, Peltuinum e Amiternum), Corfinio e Chieti con musei (Campli e Chieti) e antiquari (Corfinio e Sulmona).
L’epoca d’oro dell’Abruzzo è però il Medioevo, soprattutto quello monastico con le splendide chiese, le celebri abbazie e i numerosi castelli.
Esempio eccellente di chiesa medievale è San Liberatore a Maiella (Serramonesca), senz’altro il più compiuto romanico abruzzese.
A Castiglione a Casauria San Clemente è armonica e ricca di sculture.
A L’Aquila la Basilica di Collemaggio, con facciata di pietre bianche e rosa, fu costruita nel 1288 su ordine del futuro papa Celestino V. Nel centro storico del capoluogo, ricco di importanti esempi di architettura civile, si trova il Museo Nazionale d'Abruzzo, allestito nel castello cinquecentesco.
Degne di nota sono poi la Cattedrale Valvense di Corfinio, Santa Maria Assunta e San Pellegrino Bominaco.
Nella provincia di Chieti, Fossacesia si erge l’abbazia di San Giovanni in Venere, di severe linee borgognone; nel capoluogo, San Giustino coniuga l’essenzialità delle forme alla ricchezza barocca.
A Teramo, la cattedrale di San Bernardo fronteggia il palazzo episcopale e presenta capolavori d’arte sacra tra cui il paliotto d’argento di Nicola da Guardiagrele.
Nella provincia sono da segnalare poi Santa Maria di Ronzano a Castel Castagna e San Giovanni ad Insulam a Isola del Gran Sasso, con numerosi capolavori d’arte.



Musei, Chiese, Eremi, Castelli e Monumenti nella Provincia di Teramo

Provincia di Teramo. La provincia di Teramo è una provincia italiana dell'Abruzzo, la terza più estesa della regione. Confina a nord con le Marche (provincia di Ascoli Piceno), a est con il mar Adriatico, a sud-est con la provincia di Pescara, a sud-ovest con la provincia dell'Aquila ed a ovest con il Lazio (provincia di Rieti). La peculiarità del territorio della provincia di Teramo è di essere caratterizzata dal versante orientale dell'Appennino abruzzese e da vallate che digradano dolcemente fino alla costa adriatica. Su una superficie complessiva di 1949 km², vive una popolazione di 309.059 abitanti, distribuita in 47 comuni. I centri più popolosi ed importanti della provincia, oltre al capoluogo Teramo (55 000 abitanti), sono Roseto degli Abruzzi (24 000 abitanti) e Giulianova (23 000 abitanti). Due dei più importanti rilievi dell'arco appenninico, il Gran Sasso d'Italia e il massiccio della Laga sovrastano la provincia teramana. Il primo segna il confine occidentale della provincia e culmina col Corno Grande (2912 m). Nello stesso massiccio si trova il ghiacciaio del Calderone, il più meridionale d'Europa. Alle inaccessibili pareti del Gran Sasso si contrappone la diversa morfologia della Laga, all'estremo nord della provincia, regno di boschi, splendide gole e spettacolari cascate. A est, lungo la costa del mare Adriatico sorgono le cittadine balneari della provincia, note come sette sorelle, caratterizzate da litorali sabbiosi e clima tipicamente mediterraneo, e contraddistinte da una flora di palme, pini ed oleandri. La maggior parte del territorio teramano è comunque collinare: lungo le valli scorrono diversi fiumi, tra i quali il Vomano.

Provincia di Teramo
Via Giannina Milli n°2
- 64100 Teramo (Te)
Tel. 0861.3311
- Fax 0861.331263

Sito web:
www.provincia.teramo.it


Posta certificata:
provincia.teramo@legalmail.it


Posta ordinaria: info@provincia.teramo.it


Teramo

  • Museo Archeologico

Apertura: 9.30-13.20. Chiuso domenica - Tel. 0861.247772.

Comprende reperti romani ritrovati a Teramo e dintorni.

  • Pinacoteca Civica

Tel. 0861.247772.

Una collezione di dipinti del Seicento e del Settecento.
  • Museo Artistico

Viale Bovio, 4 - Tel. 0861.247772.

  • Museo di Collurania

c/o Osservatorio Astronomico

Contrada Specola - Tel. 0861/210490.


Atri

  • Museo Archeologico

Via Luca d'Atri - Tel. 085/8797875.

  • Museo Antropologico della Civilta' Contadina

Piazza San Pietro - Tel. 085.87911 (Municipio).

  • Museo Capitolare

Cattedrale Santa Maria Assunta di Atri

Via Roma - Tel. 085.8798140.

  • Museo Archivio Antonio Di Jorio

Piazza Duomo - Tel. 085.87911.


Campli

  • Museo Archeologico

Piazza San Francesco, 45 - Tel. 0861.569158.


Castelli

  • Museo della Ceramica

Contrada Convento. Apertura:martedì-domenica 10-13, 15-19 - Tel. 0861.979398.

Nell’ex convento dei Francescani la mostra e' dedicata alla ceramica.

  • Raccolta Internazionale di Ceramica d'Arte Contemporanea

Apertura: - settembre-giugno, lunedì-sabato 8-14. Tel. 0861.979398.

Nell’Istituto Statale d’Arte, opere moderne in ceramica.


Civitella del Tronto

  • Museo Storico delle Armi

Forte Borbonico - Tel. 0861.91588.


Controguerra

  • Museo Antropologico della Civiltà Contadina

Via San Giuseppe, 20 - Tel. 0861.856630.


Giulianova

  • Casa del Pittore “Vincenzo Cermignani”

Palazzo Cerulli - Via Piave n. 10 - Tel. 085.8021215 (Biblioteca Comunale)

Si tratta di un lascito che comprende ben 446 dipinti, ancora custodito nel luogo che fu la sua ultima dimora, posta a sua disposizione nel 1967 dallo Storico giuliese Riccardo Cerulli.

  • M.A.S. - Museo d'Arte dello Splendore

Sede museale e uffici: Viale dello Splendore, 112
64021 - Giulianova (Te) Italia - Tel. e fax: 085.8007157
Museo con una collezione permanente delle opere di Giuseppe Trevisan.

Ogni anno si svolgono mostre temporanee di pittori e scultori di fama internazionale.

  • Casa - Museo "Gaetano Braga"

Corso Garibaldi, 123 - Tel. 085.8021215
La Casa-Museo “Gaetano Braga”, costruita nella seconda metà dell’800, quando il musicista decise di riedificare ex-novo sullo stesso sito fa sua casa natale, ancora più modesta. Oggi è adibita a casa-museo: vi sono conservate diverse opere d’arte (quadri, disegni, sculture) sulla figura e la vita del musicista, di P. Montegny, P. Chardin, S. Schaeppi, A. Malaspina, A. Tantardini, Alfonso Tentarelli (illustre scultore giuliese), inoltre lettere, illustrazioni, documenti, spartiti, frutto della ricerca condotta in Italia e all’estero dall’Associazione omonima che qui ha sede.

Visitando la casa-museo, è possibile, inoltre, ascoltare registrazioni e incisioni di alcune composizioni di Braga e di altra musica di quel periodo.

Corso Garibaldi n°14 - Tel. 085.8021215
Il patrimonio artistico della Pinacoteca Civica è distribuito in sei sale dell’appartamento all’ultimo piano del palazzo monumentale lasciato in eredità al Comune dallo storico giuliese Vincenzo Bindi, al quale l’istituzione è intitolata.
Altre opere sono provvisoriamente esposte in alcune stanze della Biblioteca Civica, sita al piano inferiore, che conserva pregiati testi inerenti la scuola artistica napoletana e la cultura abruzzese.
Il nucleo principale e caratterizzante della collezione è costituito da quadri (oli, acquerelli, lamp-black) della “Scuola di Posillipo”, movimento pittorico napoletano il cui massimo splendore si fa coincidere con il periodo che va dal 1820 al 1870 circa.

Di particolare significato nella collezione della Pinacoteca, la presenza di opere della famiglia Carelli: Raffaele (1795-1870) capostipite della dinastia, il figlio Consalvo (1818-1900) il più noto, e il figlio di costui Giuseppe (1858-1921).

  • Sala Gipsoteca Raffaello Pagliaccetti (Giulianova 1839-1900)

Piazza della Libertà n°18/20 - Tel. 085.8021215

Raccoglie sculture in gesso e in bronzo dello scultore giuliese Raffaello Pagliaccetti, autore del monumento a Vittorio Emanuele II.

  • Cappella De’ Bartolomei

Piazza della Libertà n°27 - Tel. 085.8021215

Conserva due medaglioni e un cenotafio in marmo di Raffaello Pagliaccetti.

  • Museo Archeologico “Il Bianco”

Via Acquaviva angolo Via del Popolo - Tel. 085.8021215

Vi sono esposti, in due sale al primo e secondo piano, reperti della colonia romana Castrum Novum (III a.C.) e di epoche successive.


Isola del Gran Sasso

  • Museo Stauros di Arte Sacra Contemporanea

C/o Santuario di San Gabriele - Tel. 0861/975727.


Morro d'Oro

  • Museo della Civiltà Contadina delle Arti e Tradizioni Popolari

Piazza Duca degli Abruzzi, 2 - Tel. 085.895145.


Notaresco

  • Museo Civico Archeologico Romualdi

Via Romualdi, 2 - Tel. 085.895230


Roseto degli Abruzzi

  • Museo Civico della Cultura Materiale e Contadina

Corso Umberto I - Tel. 085.8936033

Raccolta con la conservazione di molti attrezzi agricoli, tra cui: falcetti, zappe, misure agricole ed anche molti attrezzi da falegnameria, di fabbro, di sartoria, come macchine da cucire, ferri da stiro e molto altro compreso un telaio per tessere.

  • Civica Raccolta d'Arte

Via Nazionale, 250 - Tel. 085.8930101.


Torricella Sicura

  • Museo Etnografico e delle Tradizioni Contadine del Borgo Antico

Via Scarpone, 27 - Tel. 0861.554181.


Tortoreto

  • Museo della Cultura Marinara

Via Nazionale Adriatica Nord, 1 - Tel. 0861.789180.


Tossicia

  • Museo di Tossicia - Artigianato - Arte - Comunicazione

C/o Palazzo Marchesale, Via Salita del Castello
Orari: - luglio-agosto 10-13 e 16-20. Giorno di chiusura: lunedì
- settembre-giugno 9-13 escluso i festivi. Giorno di chiusura: lunedì.
Tel. 0861.698414 - 0861.698014

Ospitato nel Palazzo Marchesale, il Museo e' dedicato alla lavorazione del ferro, del rame e del legno.


Valle Castellana

  • Ecomuseo Terre del Castellano (TE)

Durante il 2010 è stato proposto dall' amministrazione comunale il progetto "Ecomuseo - Terre del Castellano", con l'obiettivo di avvicinare i giovani locali alla realizzazione di attività di promozione e valorizzazione del proprio territorio. La definizione sulla quale lavora L'Ecomuseo è quella di "un patto con il quale una comunità si impegna e prendersi cura di un territorio".

L'ecomuseo perciò, non è solo un territorio caratterizzato caratterizzato da ambienti di vita tradizionali e da un patrimonio naturalistico e storico degni di tutela e valorizzazione. L'Ecomuseo è un luogo che si propone come centro di formazione e progettazione di buone pratiche sostenibili di sviluppo locale; elabora azioni mirate all'ideazione di attività promozionali, didattiche e di ricerca grazia al coinvolgimento attivo della popolazione; interviene esponendo non solo oggetti, ma il saper fare, la cultura materiale e le testimonianze orali delle comunità locali; punta a restituire alle generazioni più giovani un'identità culturale, quale elemento trainante in un'efficace politica di sviluppo territoriale.

info: ecomuseo.vallecastellana@live.it

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu