Guida turistico-culturale di Giulianova. Tradizioni popolari a Giulianova: La Madonna del Porto Salvo a Giulianova - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Guida turistico-culturale di Giulianova. Tradizioni popolari a Giulianova: La Madonna del Porto Salvo a Giulianova

Giulianova > Guida turistica
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 
Processione a mare per la Madonna del Portosalvo a Giulianova. Nella 2ª settimana del mese di agosto si tiene questa processione alquanto inusuale, che vede decine di imbarcazioni, addobbate a festa e stracolme di fedeli a bordo, solcare le acque antistanti la cittadina rivierasca. E sulla prima della flotta c’è la statua della Madonna del Portosalvo, protettrice dei pescatori. Qual che piu' colpisce i turisti, poco usi alle tradizioni della nostra terra, e’ l’osservare gli uomini di mare, rudi e cupi nell’immaginario collettivo, mentre con grande gusto e delicatezza infiorano di nastri e bandierine colorate i loro battelli. Il contrasto e’ netto, ma l’occasione lo merita: questo sfugge al turista. Il mare potra’ anche plasmare a sua immagine l’aspetto di quelli che lo sfidano ogni giorno, per una vita, per poter campare, ma tira anche fuori il meglio dall’ animo umano. Oltre l'apparenza, il cuore degli uomini di mare e’ grande come quel blu senza fine che essi affrontano. Cosi’ pure grandi sono la loro fede e la loro riconoscenza verso Colei che li protegge, sempre vigile attimo dopo attimo, nel loro duro lavoro. Come in tutti i mestieri rischiosi, la religiosita’ profonda degli uomini semplici aiuta a vivere il pericolo giorno per giorno. Alla Madonna del Portosalvo, a Colei cioe’ che protegge gli uomini del mare, a Giulianova e’ dedicata una festa, una grande festa che ravviva di mille colori il bianco e la ruggine delle barche e il grigio delle banchine. Il legame della cittadina col mare e’ vecchio di cent’anni almeno. Al Lido tutto parla del mare: i pescatori che rammendano le infinite reti rosso mattone stese sul lungomare, le donne che vendono il pesce fresco sui loro curiosi carrettini, i vecchi marinai che hanno tante storie da raccontare quante sono le loro rughe, e ogni volta e’ un’ avventura diversa. E’ il porto il cuore vero della citta’. Ed e’ alle porte del ferragosto che il esso si anima di un fervore diverso, solo diverso, attenzione, non maggiore, perche’ sulle banchine i passi corrono veloci in ogni momento, notte e giorno, e con ogni tempo. E’ il fervore della gente di mare che prepara la sua festa. Processione a mare per la Madonna del Portosalvo a Giulianova. Si cuocera’ il pesce per offrirlo ai turisti e agli amici, si versera’ il vino per brindare ai mille pericoli scampati e scacciare le ielle del domani, si suonera’ la musica per gioire della gioia di tutti. E si giochera’, correndo come novelli cavalieri sul viscido palo di una cuccagna un po’ fuori dalle regole, proteso com’e dalla barca verso il mare e non verso il cielo.

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera del Medio Adriatico per circa 5 km e ogni anno risorge tra il fiume Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno di tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio.

Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante solo 50 chilometri.

 
Processione a mare per la Madonna del Portosalvo a Giulianova. E si cadra’ in mare mentre si corre verso il premio, cosi’ come si cade nella vita, e dal gran tuffo si tornera’ sulla barca e di nuovo a sfidare il viscido che e’ sul cammino verso il traguardo. A decine ogni anno si sfidano i novelli cavalieri, a migliaia ridono dei loro folli voli in mare. Ma la festa non e’ solo questo. Certo si gioca, si mangia, si ride, ma se il turista gode la sagra paesana con spensieratezza, la gente di mare ha l’animo agitato di chi vive la vigilia. Solo un pensiero occupa la mente: la processione. E sara’ la Domenica. E’ gia’ dal mattino che tutta la gente di mare si affanna attorno al proprio battello per farlo piu’ bello, piu’ colorato, piu' festoso di tutti. Ma non e’ una gara tra barche, e’ una sfida a se stessi in onore di Colei che si va festeggiare. Tutti lo sanno. Lei li guardera' tutti mentre usciranno in mare per renderle omaggio e nessuno di loro vuol essere da meno quanto a colori e festoni. Quando il sole picchia ancora dritto sulla banchina d’asfalto infuocato, saranno neppure le tre del pomeriggio, l’ animo della gente di mare si accende dell’emozione per l’ ora cruciale che si avvicina. Non c’e’ caldo che tenga, si suda, si fatica, magari s’impreca, ma quando arrivera' la processione tutto dovra’ essere perfetto. Man mano che il sole scivola verso le colline, sale la tensione e sulle banchine cresce la folla: tutti vorrebbero salire sulle barche che stanno per uscire per rendere omaggio a Colei che protegge la gente di mare. Man mano che dalle vie della citta' sale il canto della processione, di pari passo cresce l’ emozione. Sulle barche ferve l’attivita’. Si formano gli equipaggi; mani dure di fatica aiutano le nere vecchine nel trasbordo, il dubbio inchioda per lunghi istanti i timorosi mentre osservano quanto siano terribilmente lunghi quei 3 palmi che separano, dal molo, la barca sulla quale vorrebbero salire. E se cado? Ma chi me l’ha fatto fare? Ma e’ un attimo. Solo un piccolo balzo, ed il morbido tonfo sul legno del ponte li accoglie a bordo. Nuvole nere fuggono veloci dai fumaioli, si mollano gli ormeggi, passeggeri dell’ ultim’ora guadagnano il loro posto in barca con balzi coraggiosi, infinite sono le tinte del blu che il cielo riflette nelle scie. Si va. Pian piano le acque del porto cominciano cosi’ a sorridere del riflesso di mille festoni colorati che sventolano sulle barche in festa. Come la folla che segue la Madonna, cosi’ le barche escono in fila indiana verso il mare aperto. Le grandi e le piccole, perche’ non sono solo i grandi pescherecci a prendere parte alla festa; chiunque abbia un legno galleggiante si mette in scia. Tutti vogliono essere partecipi della festa che si va a cominciare. Fuori dal porto le scie si incrociano ormai a decine, motore al minimo, tensione al massimo. Ci sono tutti, manca solo la Barca, quella con la B maiuscola, quella che avra’ quest’ anno l’ onore di portare a mare la statua. Esce? Perche’ ancora non esce? I chierichetti hanno appena iniziato a calpestare la banchina. Nella processione l’ attesa allunga i metri man mano che i passi dei fedeli avanzano. A mo’ di novelle guide indiane, dalle barche ciascuno cerca di leggere nei movimenti della folla sul porto i segnali che lascino intuire dov’e’ arrivata la statua. Il vento porta lontano le note del pregare, ma qualcuno dal mare le ode, o lo crede, ed indica e grida: sono a meta’! Sono alla curva! L’ alto muro della banchina copre la vista dal mare, solo gli alberi dei pescherecci emergono. Si muove, si muove! Allora ci siamo. E’ un segno inconfondibile, l’albero della Barca muove verso sud. Sta uscendo. Si va. E dietro di lei tutte le altre che la scortano. Tutti i motori assieme lanciano un ruggito fumoso, i solchi delle scie si fanno profondi, la brezza si alza per carezzare i passeggeri. All’apparire della Barca oltre la punta del porto la tensione ha un esplosione: applausi e grida. La folla galleggiante in attesa inizia a disporsi quasi secondo un copione.

Tradizioni popolari a Giulianova: Festa della Madonna del Porto Salvo

Se il culto riservato alla Madonna dello Splendore rimanda ad un contesto agricolo, quello dedicato a Maria Santissima del Porto Salvo indica il profondo legame tra la città e il mare.

Processione a mare della Madonna del Porto Salvo.


Questa festa popolare, che negli anni è andata progressivamente ampliandosi sino ad includere simposi di scultura e gare veliche oltre alla più che ventennale Sagra del pesce, si tiene tradizionalmente nella prima decade di agosto al Lido e nella giornata di chiusura decine di imbarcazioni in gran pavese seguono la motonave che trasporta il simulacro della Madonna, protettrice dei marinai e dei pescatori, percorrendo un ampio giro sul mare che copre l’intero litorale di Giulianova per fare poi ritorno al porto, dopo la celebrazione della messa all’aperto.

Madonna del Porto Salvo, protettrice dei marinai e dei pescatori.


Di questa festa esiste un vero e proprio atto di nascita, risalendo la sua prima celebrazione all’estate del 1912. Essa seguì la solenne consacrazione, avutasi il 30 luglio 1911, della chiesa della natività di Maria Vergine, realizzata nell’allora Borgata Marina come punto di riferimento spirituale per la comunità locale. All’indomani della solenne consacrazione, un comitato locale, sentendo il bisogno di dotare la nuova chiesa di una statua mariana, scelse quella appunto della Madonna del Porto Salvo, perché la denominazione ben si addiceva alla realtà sociale del luogo, in buona parte costituita dalle famiglie dei 380 pescatori allora residenti.

Processione a mare per la Madonna del Portosalvo a Giulianova. La Barca fugge veloce dal porto facendosi largo tra le altre barche festanti. E loro si fanno da parte, e poi la scortano. Il grande gruppo e’ compatto, solo i veloci motoscafi sfrecciano facendo girotondo attorno ai piu’ lenti pescherecci. Saranno cento, o forse di piu’. La confusione piu’ ordinata che si possa immaginare. Si naviga fianco a fianco, pochi metri tra le fiancate. Gli agili barchini si divincolano tra i grandi con manovre da brivido, saltando di scia in scia. Il mare si infiamma verso terra del riflesso accecante di un sole ormai al tramonto. Saranno venti minuti che si naviga, trenta al massimo, ma a molti sembra di essere in mare da ore. Il turista che ha dimenticato di soffrire di mal di mare c’e’ sempre, ma la curiosita’ e’ tale che si stringono i denti e si tace. Ora il battere dei pistoni cala di intensita’, il ponte vibra piu’ leggero, solo un fil di fumo esce ormai dai fumaioli, la Barca vira leggera, le altre la imitano, ci siamo. E’ il momento piu’ forte di una giornata che si ripete, unica, ogni anno. Giorni di preparazione, ore ed ore di tensione, tutto per dare vita ad un solo attimo di grande commozione. D’improvviso ci si stupisce come siano rimasti solo il battere dell’ onda sulle chiglie e il fruscio del vento tra le cime a rompere il silenzio. L’eco di una preghiera giunge lontana. E’ una corona verde d’alloro quella che vola verso il blu profondo. Dalla mano del parroco, dal cuore della gente di mare. E’ quello il loro modesto, semplice, vero omaggio ai compagni, agli amici, ai parenti che il grande blu ha voluto con se. Ma state certi, non c’e’ rabbia verso quel mare che li ha privati di tanto affetto, non risentimento verso quella distesa d’acqua che da si’ loro da vivere, ma in cambio chiede tanto sacrificio. L’ animo della gente di mare e’ semplice. In loro c’e’ solo quel rispetto quasi religioso che l’uomo sente di dover portare alle cose piu’ grandi di se. L’ urlo festoso delle sirene copre un grande applauso liberatorio. La tensione accumulata vola in un attimo al cielo come i gabbiani che fuggono alti, spaventati dalle scie dei razzi. Il rito e’ compiuto, la gente di mare ha reso omaggio ai suoi caduti, al mare e a Colei che li protegge. Si torna. Ora che la cerimonia e’ compiuta i motori sembrano andare piu’ veloci, l’atmosfera e’ davvero quella della festa, stasera si ballera' e si cantera’. I volti della gente di mare finalmente si distendono. La Barca non ha ancora finito di stringere gli ormeggi che gia’ mani veloci sollevano la statua e, con mille attenzioni, la portano in trionfo. Sono questi uomini speciali: indosso la loro divisa bianca e blu, sul volto le rughe di mille e mille giorni in mare, nel cuore l’ orgoglio di essere Marinai, per sempre. Ora essi non calcano piu’ i ponti delle navi da guerra, ma le loro emozioni tornano a navigare ogni volta che ai loro occhi appare il blu. Un tuono improvviso. I volti di tutti scattano al cielo mentre l’ aria esplode nella miriade di nuvole di fumo colorato di una grande batteria di fuochi d’artificio. Minuti che sembrano ore scandite dal ritmo crescente degli spari. Torna il silenzio. Le anime sulla banchina passano rapide dal tumulto del rombo al raccoglimento che la messa richiede. Una grande chiesa all’aperto. Il palco come altare, il molo come pavimento, le barche come pareti, le bici e gli scooter come banchi. Le grandi nuvole che avevano atteso finora pazienti, prendono veloci possesso del cielo, qualche barca sta ancora attraccando, ma le prime gocce di pioggia mirano gia’ impietose i volti dei fedeli accalcati sulla banchina. Il tempo, si sa’, non garantisce il sole neppure alla gente di mare nel giorno della loro festa. Ma la pioggia spaventa il turista, che corre sotto l’ombrello alla prima goccia; non loro. Non ci saranno nuvole, rovesci o marosi che li fermeranno.

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera per circa 5 km e ogni anno risorge tra il Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno i tantissimi turisti che visitano il territorio.
>>>>>>>>>>>>> Scrica la Guida turistico-culturale in PDF di Giulianova (Te)
>>>>>>>>>>>>> Per ulteriori informazioni visitare il sito: Giulianova sul Web

Guida turistica-culturale realizzata dall'Amministrazione Comunale di Giulianova (Te) Abruzzo - Italy.
Fotografia Giovanni Lattanzi - Testi: Sandro Galantini - Contributi di Gabriella Magazzeni, Laura Ripani, Francesco Tentarelli - Grafica ed impaginazione Andreas Waibl (Waibl & Di Luzio).

 
Torna ai contenuti | Torna al menu