Le vestigia del passato dell’Abruzzo - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Le vestigia del passato dell’Abruzzo

Abruzzo > Arte e Culto in Abruzzo

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
         
 
Le vestigia del passato

Il solenne Guerriero di Capestrano, l’enigmatica statua funeraria di un principe italico vissuto 2500 anni fa (e oggi conservata nel Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo di Chieti) è il vero simbolo dell'Abruzzo antico. Ma non è certo la sola testimonianza degli oltre 500.000 anni di stabile e ininterrotta presenza dell'uomo in questa regione. Dai primi gruppi di cacciatori, che nell'età della pietra più antica già vivevano su queste terre, alle grandi tribù italiche e poi alla grande stagione di Roma, l'Abruzzo antico è stato crocevia di popoli, genti e culture diverse. Questa continua commistione umana ha lasciato tracce importanti, che oggi l'archeologia studia con attenzione e offre al visitatore grazie a ricchi musei e decine di suggestivi siti all'aperto. Le testimonianze più antiche provengono da giacimenti e scavi i cui reperti sono essenzialmente conservati nei numerosi Musei archeologici della regione, il più importante dei quali è il Museo Archeologico Nazionale d’Abruzzo, a Chieti. Un sito ancor oggi di particolare fascino è la valle Giumentina, sulla Majella, un antico lago che nel Paleolitico ospitò uno dei primi insediamenti dell’uomo in Abruzzo. Numerose sono poi le grotte usate dagli uomini preistorici sia come rifugio sia come luoghi di sepoltura e cerimonie sacre, come quelle della Majella (bellissime e visitabili la Grotta dei Piccioni, nelle gole dell’Orta vicino Bolognano, e la Grotta del Colle, presso Rapino), le grotte del Fucino, fra le quali la più bella è quella di Ortucchio, e la Grotta a Male di Assergi. Ma è nell’età dei metalli (età del Bronzo e del Ferro), nel fatidico snodo fra preistoria e protostoria, che si possono individuare le matrici etnico-culturali dell’Abruzzo; con l’arrivo di genti indoeuropee nasce quel gruppo di pastori-agricoltori di indole guerriera da cui discenderanno le tribù Italiche che si distribuiranno nel territorio abruzzese. Si afferma quindi un’economia mista agro-pastorale, che si consoliderà nei secoli successivi, condizionata dalla natura montuosa del territorio e caratterizzata dalla pastorizia transumante. Se il Guerriero di Capestrano è il simbolo più spettacolare e significativo del loro orgoglio di tribù indomabili che tennero testa a Roma, le testimonianze più straordinarie e interessanti vengono dalle loro numerose necropoli, che hanno restituito corredi funerari magnifici e di grande importanza. Ieri la necropoli protostorica di Campovalano ci restituiva gli oggetti straordinari che possiamo ancora ammirare nel museo di Campli; oggi nuovi scavi stanno portando alla luce siti straordinariamente conservati come il villaggio su palafitte e annessa necropoli preistorica di Paludi di Celano, o la necropoli di Fossa (AQ): qui le tombe a camera di età ellenistica custodivano preziosi, intatti letti funerari rivestiti in osso, ma le sepolture più antiche, delimitate ancora perfettamente da circoli e segnalati da file di pietre, risalgono al IX secolo a.C.! Campovalano, Fossa, Amplero, Comino, Celano (per citarne solo alcune) costituiscono ormai dei capisaldi per lo studio e la comprensione dei costumi di questi nostri orgogliosi e bellicosi progenitori, e i loro magnifici reperti fanno magnifica mostra nei rispettivi musei.

Sul territorio sono invece da visitare i loro villaggi murati, cinti da mura impressionanti composte di massi enormi: il più spettacolare è Pallanum, nella media Val di Sangro presso Tornareccio, ma assai suggestive sono pure i recinti italici di Colle Mitra, Alfedena, Castel di Sangro, Colle del Vento. Gli Italici furono fra i primi, più fieri e pericolosi antagonisti dei Romani, cui si opposero strenuamente, costituendo la Lega Italica che aveva la loro capitale a Corfinio (vicino Sulmona).

Proprio qui in Abruzzo gettarono le prime basi dell’identità nazionale coniando il nome stesso Italia, ma l’astro crescente di Roma risultò anche per loro inarrestabile. Con il pieno dominio di Roma si svilupperanno superbe città, spesso sovrapposte ai preesistenti centri italici, con i monumentali fori, le terme, i templi, teatri e anfiteatri, di cui si possono ammirare ancora le vestigia. Fra le rovine più suggestive vanno annoverate Alba Fucens, presso Avezzano, Juvanum, nel comune di Montenerodomo, Peltuinum e Amiternum nei dintorni dell’Aquila. Molte di queste città, con la fine dell’Impero, saranno distrutte e abbandonate, ma su alcune delle più importanti strutture urbane romane si stratificheranno i futuri insediamenti medievali, per giungere sino a noi vive e importanti: città come Chieti, Lanciano, Atri, Penne, Teramo, Sulmona, Vasto.
Vacanze in Italia. Mille sono i motivi per trascorrere uno splendido weekend nelle città d'arte italiane. Non programmate la vostra vacanza “soltanto” alla scoperta dei musei più noti come il Vaticano e il Colosseo a Roma, gli Uffizi e il David di Michelangelo a Firenze, il Palazzo Ducale di Venezia e l'Ultima Cena di Leonardo a Milano, imperdibili nel vostro itinerario (prenotate l'ingresso per saltare la lunga coda!). Provate anche qualche esperienza più particolare. Vi presentiamo alcune nuove ed esclusive visite, con aperture straordinarie e limitate, alla scoperta di mestieri antichi e degustazioni esclusive che renderanno indimenticabile la vostra vacanza.
Gli Uffici IAT - Informazione Accoglienza Turistica della Regione Abruzzo

Regione della biodiversità, l’Abruzzo testimonia con la propria realtà e con le proprie scelte a favore dell’ambiente come sia possibile far coesistere uno straordinario patrimonio naturalistico con la presenza costante, dinamica, non distruttiva dell’uomo.
Tre Parchi Nazionali: Lo storico Parco Nazionale d’Abruzzo, quelli del Gran Sasso-Monti della Laga e il Parco Nazionale della Majella istituiti di recente; un Parco regionale, il Sirente-Velino, oltre 30 riserve e oasi naturalistiche gestite direttamente sia dai Comuni o dal Corpo Forestale dello Stato che dalle Associazioni ambientaliste; tutto questo fa dell’Abruzzo la Regione dei Parchi, con circa il 30% del proprio territorio sottoposto a tutela.

 
Terme e benessere in Abruzzo. Vacanze per curarsi, per conservare la salute, per ritrovare e mantenere quell'equilibrio tra il corpo e la mente che aiuta a restare giovani a lungo. Terra di grandi orizzonti verdi, di spazi di natura incontaminati e di spiagge adatte a un turismo tranquillo, l’Abruzzo offre interessanti possibilita' anche a chi preferisce soggiornare in collina. Molte tra le localita' ai piedi della montagna sorgono tra i 400 e i 900 metri, e possono quindi ospitare senza problemi chi avrebbe delle difficolta' a salire eccessivamente di quota. Per chi ha bisogno di cure termali, infine, l'Abruzzo offre l'attrezzatissima stazione di Caramanico Terme, ai piedi della natura selvaggia della Majella, e i centri di cura di Popoli e Raiano. Meritano una citazione anche le salutari acque minerali di Canistro.
Turismo in Abruzzo, tra natura e turismo rurale: Il turismo in Abruzzo offre i più vari e meravigliosi panorami, dalla catena alpina (la catena montuosa più importante d'Europa ) alle spiagge di corallo, dai parchi nazionali e dalle foreste incontaminate alle più belle isole del Mediterraneo. L’Abruzzo, nazione , con la sua biodiversità, con le sue regioni, presenta: montagne, colline, fiumi, laghi, coste e mari incontaminati. L’Abruzzo è un grande paese da godere con monumenti ed opere d’arti di indubbio valore, che accoglie visitatori da tutte le parti del mondo. Sito dedicato al turismo sulla Regione Abruzzo con informazioni turistiche sulla Abruzzo, dove passare il tempo libero in Abruzzo, con itinerari di enogastronomia nella Regione Abruzzo. Qui troverete l’elenco completo delle strutture ricettive nella Regione Abruzzo: alberghi in Abruzzo, Residence in Abruzzo, bed & breakfast in Abruzzo, campeggi in Abruzzo, Villaggi turistici in Abruzzo, case per le ferie in Abruzzo, Alloggi agroturistici in Abruzzo, In più, gli IAT - Informazione Accoglienza Turistica in Abruzzo, IAT in Abruzzo, Pro-loco in Abruzzo, Informazioni turistiche sulla Regione Abruzzo, Agenzie per il turismo in Abruzzo con informazioni, utili sulle guide di viaggio, e offerte hotel in Abruzzo. Informazioni sui servizi in Abruzzo, Informazioni di interesse generale sulla Regione Abruzzo, Informazioni turistiche sulla Regione Abruzzo, Meteo in Abruzzo, Proloco in Abruzzo. Tourism in Abruzzo, nature and rural tourism: Tourism in Abruzzo offers the most diverse and beautiful landscapes, from the Alps (the most important mountain range in Europe) to the coral beaches, national parks and pristine forests to the most beautiful Mediterranean islands. Abruzzo, nation, with its biodiversity, its regions, has mountains, hills, rivers, lakes, coasts and seas pristine. Abruzzo is a great country to enjoy with monuments and works of art of great value, which welcomes visitors from all over the world. Site dedicated to tourism on the region of Abruzzo Abruzzo tourist information about where to spend leisure time in Abruzzo, with food and wine tours in Abruzzo. Here you will find the complete list of accommodation in Abruzzo: Abruzzo Hotels, Apartments in Abruzzo, Bed & Breakfast in Abruzzo, Abruzzo campsites, holiday villages in Abruzzo, holiday homes in Abruzzo Accommodation Agro-tourism in Abruzzo Plus , the IAT - Tourist Information in Abruzzo Abruzzo IAT, Pro-loco in Abruzzo Tourist Information on Region Abruzzo Abruzzi tourism agencies with information on useful travel guides, and hotel deals in Abruzzo. Information about services in Abruzzo, information of general interest on the Abruzzo Region, Tourist Information on Region Abruzzo Weather in Abruzzo Abruzzo Proloco. Tourisme dans les Abruzzes, la nature et le tourisme rural: tourisme dans les Abruzzes offre les paysages les plus variés et magnifiques, des Alpes (la chaîne de montagnes la plus importante en Europe) sur les plages de corail, des parcs nationaux et forêts vierges les plus belles îles de la Méditerranée. Abruzzes, une nation, de sa biodiversité, ses régions, a des montagnes, collines, rivières, lacs, mers et côtes vierges. Abruzzes est un grand pays à déguster avec des monuments et des œuvres d'art d'une valeur inestimable, qui accueille les visiteurs de partout dans le monde. Site dédié au tourisme sur la région des informations touristiques Abruzzes Abruzzes pour savoir où passer son temps libre dans les Abruzzes, avec de la nourriture et des visites de vignobles dans les Abruzzes. Ici vous trouverez la liste complète des hébergements dans les Abruzzes: Hôtels Abruzzes, dans les Abruzzes Appartements, Bed & Breakfast dans les Abruzzes, campings Abruzzes, villages de vacances dans les Abruzzes, maisons de vacances dans les Abruzzes Hébergement Agro-tourisme dans les Abruzzes Plus , l'IAT - Office du Tourisme dans les Abruzzes Abruzzes IAT, Pro-loco dans les Abruzzes d'information touristique sur les agences de la région des Abruzzes Abruzzes tourisme des informations sur les Guides de Voyage utiles et des offres hôtel dans les Abruzzes. Information sur les services dans les Abruzzes, des informations d'intérêt général sur la région des Abruzzes, des informations touristiques sur la région des Abruzzes Météo dans les Abruzzes Abruzzes Proloco.

L’Abruzzo si trova all’incirca al centro della penisola italiana, ad una latitudine corrispondente a quella del medio e basso Lazio, con il quale confina ad occidente. A Nord i confini della Regione toccano le Marche, ad Est il mare Adriatico, a Sud e Sud-Est il Molise. Copre una superficie di 10.794 Kmq ripartita in quattro province: L’Aquila, Chieti, Pescara e Teramo, con una popolazione vicina al milione e trecentomila.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu