Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Lanciano - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Lanciano

Chieti
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 
Lanciano citta' del Miracolo, della musica, delle fiere. Tra la Maiella e il Mare Adriatico, distesa su colline dolcemente degradanti verso la valle del Sangro, Lanciano è il naturale punto di convergenza e capoluogo del Comprensorio Sangro-Aventino. Le origini di Lanciano si perdono nella notte dei tempi. I risultati delle indagini archeologiche testimoniano la presenza di un abitato Neolitico e i più recenti scavi nel Centro Antico di Lanciano hanno messo in luce i resti della Città di Anxanum: una grande struttura abitativa databile al XII sec. a.C.; un insediamento, quindi, tra i più antichi d'Abruzzo. Anxanum è individuata come stazione della Via Frentana nella carta delle strade militari dell'impero Romano d'Occidente ideata da Giulio Cesare e riprodotta da Corrado Peuntinger. Analoga ubicazione di Lanciano la troviamo nell'itinerario di Antonino Pio pubblicato nel 262. A partire dal 1154 la Città di Lanciano assume il nome di "Lanzano". Si sviluppano i Quartieri Lanciano vecchia sul Colle Erminio, Civitanova e Sacca sul colle della Selva, Borgo sul Colle Pietroso. Alla Sacca e a Lancianovecchia si insediano le comunità ebraiche riaccolte nel Regno di Napoli nel 1191.
 
Tra il XIII e il XV secolo Lanciano raggiunge il suo massimo splendore sia per la produzione architettonica che per l'economia derivante dallo sviluppo delle Fiere. Le "Nundinae" romane si svolgevano nei primi nove mesi dell'anno in onore di Apollo sul Colle della Selva dove sorgeva il Tempio dedicato alla divinità pagana di Lanciano. A partire dal III secolo le Fiere di Lanciano vengono trasferite nel pianoro demaniale all'esterno dell'abitato. Qui, dopo le tristi vicende del periodo Altomedievale, le Fiere si sviluppano sempre più raggiungendo il massimo splendore nel XV secolo. Benedetto Croce nel narrare un episodio di Storia Medievale, la rivolta contro Filippo di Fiandra del 25 Settembre 1302, così scrive di Lanciano: " operosa di industrie e di commerci, rinomata per le sue lane, sete, tele, reti e cordami, famosa per le sue Fiere antichissime dove traeva gran gente di lontano, popolosa di artigiani coi loro diritti e privilegi".


Città di Lanciano

Nelle due principali Fiere che si tenevano a Lanciano in giugno e settembre si incontravano mercanti di tutto il mondo conosciuto. Intensi gli scambi con Venezia e con i maggiori centri dell'altra sponda dell'Adriatico tra cui Ragusa. Un editto di Ferdinando di Aragona del 1515 stabiliva che «i mercanti di qualunque nazione e religione, cristiana, turca, giudea, infedele, sarebbe nelle Fiere (di Lanciano) salvi e sicuri per 15 giorni prima del loro inizio e per tutto il tempo di loro durata». Un apposito Magistrato, il "Mastrogiurato", aveva la giurisdizione amministrativa e il controllo sul regolare svolgimento delle Fiere: amministrava la giustizia e provvedeva alla "pace di Fiera" di Lanciano. Ogni anno all'inizio dei festeggiamenti del Settembre Lancianese si rinnova l'investitura del Mastrogiurato con una rievocazione storica in costume.

Comune di Lanciano
Piazza Plebiscito, 59
- 66034 Lanciano (Ch)
Tel.: 0872.7071 – Fax: 0872.40443

Altitudine: 265 mt. s.l.m.
Estensione: 66,12 kmq.

Sito web: www.comune.lanciano.chieti.it
PEC - Posta certificata: comune.lanciano.chieti@legalmail.it

Posta ordinaria: info@comune.lanciano.chieti.it

Legata al trasferimento delle Fiere dal colle della Selva al Campo della Fiera (l'attuale quartiere omonimo di impianto ottocentesco) è la costruzione del Ponte dedicato all'imperatore Diocleziano nel III secolo. La storia di questo Ponte è intimamente connessa alla costruzione della Basilica di S. Maria del Ponte a Lanciano. Un complesso monumentale unico per la sua affascinante storia civile e religiosa; una struttura realizzata con alterne vicende nell'arco di ben 15 secoli e che rappresenta un repertorio architettonico non ancora completamente svelato. La straordinarietà di Lanciano è accresciuta dalla eccellente acustica che ne fa un apprezzato e suggestivo Auditorium in cui si tengono i concerti giornalieri dell'Estate Musicale Frentana. La tradizione musicale Lancianese ha dato vita nel 1972 alla fondazione dei Corsi Musicali Internazionali Estivi, prima esperienza del genere in Italia poi ripresa da molte altre città. L'ideatore è stato il compianto Maestro Luigi Torrebruno.

Secondo ricerche degli ultimi decenni il territorio di Lanciano fu sede di insediamenti umani fin dall’era paleolitica. Dopo l’inizio dell’età del ferro sono scarse le tracce scoperte dei popoli pelasgici o illidici ed è possibile che in questa fase potrebbe risalire la fondazione di Anxa (o Anxia). La città di Lanciano fu fondata da Solima, compagno di Enea e fondatore anche di Sulmona, il quale per onorare la memoria di un suo compagno, Anxa, fondò la città chiamandola Anxanon o Anxia. Verso l’anno 1000 a. C. le popolazioni originarie di una vasta zona dell’Italia centro-meridionale furono assoggettate dagli Osco-Sabelli che originarono i popoli italici: Umbri, Sabini, Volsci e Sanniti e dai Sanniti discendono i Frentani che si stabilirono lungo il litorale abruzzese-molisano verso l’800 a. C. Erano popolazioni basate sulla tribù e la famiglia con un’economia basata sull’agricoltura e anche il commercio era fiorente grazie ai numerosi porti. La lingua dei Frentani era uno dei molti dialetti derivati dall’Osco parlato dai progenitori dei Sanniti. Ci furono diverse invasioni e i Romani la conquistarono definitivamente nel 435 a. C. Diverse testimonianze stabiliscono che Lanciano fu prima colonia romana e in seguito municipio. Da alcune lapidi si risale a una sicura presenza di monumenti tipici delle città di Lanciano di quel periodo: le terme, il teatro, il ponte sulla valle della Pietrosa (dedicato a Diocleziano), i templi dedicati a Giunone, Apollo, Marte, gli acquedotti e le fontane. L’antica Anxanum subì gravi saccheggi di orde barbariche e intorno al 571 sembra che fu rasa completamente al suolo dai Longobardi che, sulle sue rovine, eressero un forte di forma circolare situato nel punto più alto (il Colle Erminio) e attorno a questo cominciò a raccogliersi la popolazione di Lanciano. Con l’avvento dei Bizantini, Lanciano si mantenne fedele ai Longobardi combattendo i Greci, che intorno al 610 d. C. si insediarono nella Chiesa dedicata ai San Legonziano e Domiziano. Qui intorno al 700 avvenne il famoso Miracolo Eucaristico che ancor oggi si conserva e si venera nella Chiesa di San Francesco costruita successivamente. Con l’occupazione dei Franchi, la città di Lanciano vi fu una ripresa dell’agricoltura e la nascita del sistema feudale che fece sorgere il nucleo abitativo di Villanova (Civitanova). Dopo la conquista della città di Lanciano da parte dei Normanni nel 1060, la città passò sotto il dominio del Regno di Napoli e già si preparava a raggruppare in un’unica cerchia urbana i tre nuclei abitativi di Lancianovecchia, del Borgo e di Villanova. Già da prima della conquista normanna esistevano a Lanciano fiere di rilievo che dopo il 1000 andarono sviluppandosi richiamando mercanti da tutta Europa. Divenne anche un’importante residenza per molti ebrei che in quel periodo detenevano gran parte delle attività bancarie. Nel 1426 venne Fra Giovanni da Capestrano che riuscì a calmare le lotte tra lancianesi e ortonesi ma la pace durò poco perché già nel 1432 i lancianesi ripresero a rivendicare l’esclusivo utilizzo del porto di San Vito. Nel 1441 il re Alfonso D’Aragona confermò a Lanciano il libero possesso del porto, attribuì alla città la proprietà di molti castelli e feudi, proibì che si potessero celebrare fiere nel raggio di venti miglia da Lanciano quando erano in corso le fiere della città stessa.

 

Accoglienza turistica a Lanciano
 Alberghi a Lanciano
 Residenze turistico alberghiera a Lanciano
 Residence a Lanciano
 Case per le vacanze a Lanciano
 Appartamenti a Lanciano
 Country House a Lanciano
 Bed and breakfast a Lanciano
 Alloggi agroturistici a Lanciano
 Campeggi a Lanciano
 Villaggi turistici a Lanciano
 Ostelli della Gioventu' a Lanciano
 Case per le ferie a Lanciano
 Affittacamere a Lanciano
 Aree sosta per camper a Lanciano

L'Associazione "Amici della Musica" di Lanciano organizza le manifestazioni musicali Lancianesi che culminano nel periodo 15 Luglio 31 Agosto con l'Estate Musicale Frentana e i corsi di perfezionamento per i giovani strumentisti italiani e stranieri. Il Teatro neoclassico costruito nel 1847 a Lanciano è intitolato a "Fedele Fenaroli" musicista Lancianese del XVIII secolo, apprezzato insegnante e autore di molte composizioni. La celebre Banda di Lanciano, anch'essa di antica tradizione col nome di Fenaroli, riscuote sempre lusinghieri apprezzamenti in tutte le Piazze d'Italia. Lanciano, città del Miracolo, custodisce nella Chiesa di 5. Francesco il primo Miracolo Eucaristico che la storia della Chiesa Cattolica ricordi, avvenuto nel secolo VIII.


Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Chieti

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu