Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Lama dei Peligni - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Lama dei Peligni

Chieti
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 
Luoghi di interesse artistico e naturalistico a Lama dei Peligni. Chiesa parrocchiale di San Nicola e Clemente. È sita in piazza Umberto I. L'edificio originario risale al XVI secolo. Successivamente vi è un altare con la Madonna Addolorata e il Cristo morto, poi un altare con S. Antonio da Padova e infine uno con la raffigurazione del Sacro cuore. Chiesa di Santa Maria della Misericordia e Convento di Sant'Antonio da Padova a Lama dei Peligni. È sito nella località Largo Convento. Chiesa di San Rocco a Lama dei Peligni. È sita presso il laghetto Plebiscito. La chiesa è stata rimaneggiata più volte su un edificio risalente alla metà del XVII secolo. Chiesa di San Pietro a Lama dei Peligni.
 
È sita sulla strada provinciale per Taranta Peligna. Chiesa di San Clemente a Lama dei Peligni. È sita su un burrone posto alla periferia del paese. Chiesa della Madonna dei Corpi Santi a Lama dei Peligni. È sita nella Contrada Corpi Santi. L'edificio attuale è frutto della ricostruzione, nell'Ottocento, di un precedente edificio distrutto nel terremoto del 1706. Il territorio di Lama dei Peligni fu abitato sin dall'epoca preistorica, come testimoniato ampiamente da una serie di pitture rupestri rinvenute nelle grotte della zona e dai resti di un villaggio di epoca neolitica.


Città di Lama dei Peligni

In "Contrada Fonterossi" di Lama dei Peligni, proprio nelle vicinanze del sito neolitico, fu rinvenuto, agli inizi del XX secolo, il cosiddetto "Uomo della Maiella", resto umano di una sepoltura preistorica risalente al 7000-5000 a.C. In età romana, la zona fu abitata dalla tribù italica dei Carecini, di derivazione sannita, distribuita nei centri abitati principali di Cluviae e Juvanum. Il periodo del Medioevo si caratterizzò per la presenza di alcuni ed eremi, presso cui dimorarono asceti e santi; tra i tanti va menzionato il Beato Roberto da Salle, discepolo di Celestino V, alloggiato presso il locale Eremo di Sant'Angelo.

Comune di Lama dei Peligni
Piazza Umberto I°, 32
- 66010 Lama dei Peligni (Ch)
Tel.: 0872.91221 – Fax: 0872.916184

Altitudine: 669 mt. s.l.m.
Estensione: 31,35 kmq.

Sito web: www.comunelamadeipeligni.it
PEC - Posta certificata: comunelamadeipeligni@pec.it

Posta ordinaria: info@comunelamadeipeligni.it

Il paese di Lama dei Peligni è situato a 669 metri e il nome deriva dal termine pre-latino "lamatura" che significa tereno dove l’acqua ristagna; l’aggiunta "dei Peligni" è successiva ritenendo che il popolo dei Paligni si fosse spinto fino all’Aventino. Le origini del paese di Lama dei Peligni sono antichissime. Il suo territorio fu abitato sin dalla preistoria come testimoniano le pitture rupestri rinvenute in alcune grotte e i resti del villaggio di età neolitica (7000 – 5000 a. C.) in contrada Fonterossi. Nella stessa località si rinvenne agli inizi del XX sec. una sepoltura preistorica "uomo della Majella". In epoca italica e romana la zona di Lama dei Peligni fu abitata dalla popolazione dei Carecini, una tribù sannita che aveva come centri principali Cluviae e Juvanum. Importante traccia del periodo medioevale è l’eremo di Sant’Angelo, ben visibile dal paese, dimora di eremiti e santi, come il Beato Roberto da Salle, discepolo di Celestino V. In questo periodo e nel Rinascimento, epoca alla quale si datano i suoi principali monumenti, Lama dei Peligni conobbe uno sviluppo notevole nel campo dell’industria laniera. Il paese è stato più volte danneggiato da violenti terremoti e da eventi bellici. Oggi dell’originario assetto urbano restano tracce nel nucleo del paese vecchio "la ripa" e nella piazza Umberto I. Un varco naturale situato tra Lama dei Peligni e Palena a sinistra del fiume Aventino costituisce l’anticamera di un insolito viaggio per le bocche di grotte conosciute come le più alte d’Europa: sono quelle della D’Annunziana "Figlia di Jorio", le Grotte del Cavallone. Qui trovavano asilo pastori e briganti e trovarono dimora gli sfollati durante l’invasione tedesca. Corridoi e budelli conducono nel profondo del ventre terrestre dove per oltre 800 metri tra androni e angusti passaggi, dove il lavorio lento delle acque e il calcare ha prodotto strane forme.

 

Accoglienza turistica a Lama dei Peligni
 Alberghi a Lama dei Peligni
 Residenze turistico alberghiera a Lama dei Peligni
 Residence a Lama dei Peligni
 Case per le vacanze a Lama dei Peligni
 Appartamenti a Lama dei Peligni
 Country House a Lama dei Peligni
 Bed and breakfast a Lama dei Peligni
 Alloggi agroturistici a Lama dei Peligni
 Campeggi a Lama dei Peligni
 Villaggi turistici a Lama dei Peligni
 Ostelli della Gioventu' a Lama dei Peligni
 Case per le ferie a Lama dei Peligni
 Affittacamere a Lama dei Peligni
 Aree sosta per camper a Lama dei Peligni

Molto sviluppato anche il turismo estivo, costiero e balneare; i più importanti centri attrezzati sono Pescara, la più popolosa città della Regione e maggiore centro balneare, Montesilvano, Pineto, Roseto degli Abruzzi, Giulianova, Alba Adriatica, Tortoreto, Francavilla al Mare, Ortona, Vasto, Martinsicuro, Silvi Marina e la Costa dei Trabocchi. Molti di questi centri balneari turistici hanno il privilegio e il prestigio di essere nominati Bandiera Blu dall'Unione europea per la qualità delle acque e dei servizi offerti, collocando l'Abruzzo quarto tra le regioni italiane in questa particolare graduatoria con 14 Bandiere Blu dietro solo alla Liguria, Toscana, e Marche, per quanto riguarda l'anno 2012.


Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Chieti

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu