Archeologia a Giulianova: La villa romana - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Archeologia a Giulianova: La villa romana

Giulianova > Archeologia a Giulianova
 
 

Archeologia a Giulianova: La villa romana

Castrum Novum: Scavi archeologici
di Pasquale Rasicci

Da anni, in occasione di interventi per la ricerca di antiche strutture urbane di Giulianova Alta, sono venuti alla luce abbondanti resti dell'antica Castrum Novum. Una prima indagine scientifica da parte della Soprintendenza alle Antichità di Chieti, si ebbe nel 1983.

 1986: scavi in contrada Brecciarola.

Il saggio di scavo si effettuò su un'area privata (part. cat. 153) e furono rinvenute varie strutture murarie romane, e, in particolare, un bellissimo pavimento in mosaico.
Sulla base di successivi studi e dell'analisi congiunta di cartografia storica e attuale, integrata dalla documentazione aerofotografica, nel 1986 si iniziò la ricerca sistematica da parte della Cattedra di Topografia di Roma e dell'Italia antica dell'università degli studi "LA SAPIENZA" di Roma. Nel 1986 gli scavi furono condotti nella zona meridionale della particella catastale n. 23; nel 1987 si operò invece nella zona settentrionale della part. cat. 149, di proprietà comunale.

1986: si scava in contrada Brecciarola alla ricerca di strutture murarie e reperti dell'antica Castrum Novum.

Questi interventi hanno permesso di inquadrare con più esattezza il problema delle fortificazioni e di fornire i primi elementi per una proposta di zonizzazione. Vi è stato il pieno appoggio da parte del Comune, dell'Archeoclub, della Cassa di Risparmio e del Centro Servizi Culturali. della Regione Abruzzo.

1986: altro scorcio degli scavi in contrada Brecciarola.

Lo scavo effettuato nel 1989 in un'area contigua al cimitero (part. cat. N. 250), ha fornito ulteriori dati per l’analisi stratigrafica del continium urbano, e per lo studio della distribuzione funzionale della città. In questo ultimo scavo furono rinvenute centinaia di lucerne, molte delle quali furono esposte nel museo archeologico di Chieti, nel dicembre del 1989, in occasione della settimana dei beni culturali.

1981: scavi archeologici nella zona sud del cimitero.

Questo ha sottolineato l’importanza della colonia romana, non solo nell’ambito delle ricerche sull’urbanistica antica, ma anche per lo studio della cultura materiale.
Come è stato accennato sopra, nel 1986, nella zona meridionale dell’area Castrum (part. Cat n. 23), furono effettuati due fruttuosi saggi di scavo. Nel primo saggio, a m. 4,31 dal piano della campagna, sono stati individuati strati di bruciato, frammenti di ceramica a vernice nera e ceramica di Gnathia, antica città dell’Aquila, indicanti una frequentazione dell’area già nella prima metà del IV secolo a. C. Vi è anche una considerevole presenza di muri, disposti ortogonalmente. Sono stati raccolti intonaci, monete, ceramica comune e tanto altro materiale interessante. Nel secondo saggio sono venute alla luce strutture muraria a minime profondità, a volte sovrapposte a tratti murari più antichi, che si raccordavano cronologicamente alle fasi intermedie del primo saggio.

             
Reperto archeologico: coppia che si ba-                        1981: pavimento a mosaico di una villa.
ciao Metà del I° secolo a. C.                                             Zona sud del cimitero.

Le strutture più recenti sembrano riferibili ad un opificio, probabilmente costituito da casa ed officina, data l’alta quantità di vasellame da mensa rinvenuto in alcuni punti e le caratteristiche tecniche degli ambienti. La ceramica, le monete, i notevoli frammenti di mattonelle di rivestimento ed altro materiale suggeriscono agli studiosi la prima età imperiale come ambito cronologico iniziale.

Giulianova turistica. Ammirevole e splendente città di mare, si estende lungo la fascia costiera del Medio Adriatico per circa 5 km e ogni anno risorge tra il fiume Tordino e il Salinello sempre più energica e scintillante per accogliere con ancora più onore e impegno di tantissimi turisti che visitano Giulianova e il suo territorio.

Venirci a trovare è davvero semplice. Giulianova è nel bel mezzo d’Italia, a Nord di un Abruzzo costiero dalle innumerevoli risorse turistiche e ambientali. Giulianova si raggiunge via Autostrada A14 - uscita Giulianova, oppure in treno con la comoda stazione ferroviaria, o ancora in aereo atterrando nel moderno Aeroporto d’Abruzzo di Pescara, Giulianova è distante solo 50 chilometri.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu