I Comuni della Provincia di Teramo: Isola del Gran Sasso - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Comuni della Provincia di Teramo: Isola del Gran Sasso

Teramo

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
L’eremo di San Nicola a Isola del Gran Sasso, situato ad oltre mille metri, fu fatto costruire da San Pier Damiani nell’XI secolo, mentre quello di Santa Colomba, sopra la frazione di Pretara, ci ricorda la storia della Santa, figlia dei Conti di Pagliara, che qui si ritirò in preghiera e penitenza dopo aver abbandonato gli agi del Castello paterno di Isola del Gran Sasso. Ed infine l’eremo ottocentesco di Fra’ Nicola, meglio noto con il nome di Grotta di Frattagrande, dove l'ultimo eremita del Gran Sasso decise di trascorrere le sue giornate in meditazione.
 
Merita una visita anche il centro storico di Isola del Gran Sasso con l'antico Castello dell'Insula, chiuso da tre porte. Al suo interno si trovano il Palazzetto cinquecentesco con portale in pietra e cortiletto interno. L'abitazione presenta un Portale del '400 con bifora. Poco distante da Isola del Gran Sasso, a Pagliara, sono ancora visibili i resti dell’omonimo Castello, mentre nei pressi di Cerchiara, nella Piana di San Valentino, sono stati ritrovati reperti di epoca romana e preromana.

Città di Isola del Gran Sasso

Isola del Gran Sasso (Provincia di Teramo)
Distanza dal capoluogo di provincia  (Km): 27
Abitanti: 4.966
Altitudine: 415 mt. s.l.m.
Frazioni:
Comune di Isola del Gran Sasso d'Italia
Piazza Contea di Pagliara n°16
- 64045 Isola del Gran Sasso d'Italia (Te)
Tel.: 0861.975926 - Fax: 0861.975928
Sito web: www.isoladelgransasso.gov.it
Posta certificata:  info@cert.isoladelgransasso.gov.it
Posta ordinaria: info@isoladelgransasso.gov.it
I.A.T.: Informazione Accoglienza Turistica
Telefono:    - Fax:

Storia:
La fase più antica dell’abitato risale al periodo romano, sebbene la prima menzione risalga al XI secolo. Si legge infatti nel Catalogo dei Baroni (1150-1168) che Oderisio di Collepietro possedeva Insulam. Divenne feudo degli Orsini, dei Petrucci, degli Alarcon y Mendoza.

Arte e cultura:
Collocato su uno sperone posto alla confluenza del torrente Ruzzo nel fiume Mavone, il paese conserva ancorai resti dell’antica cinta muraria e la sua struttura originaria.
Nell’abitato meritano attenzione la chiesa di S. Massimo con un battistero lapideo del 1529 ed un portale in stile gotico, opera di Matteo de Caprio. All’esterno del paese si colloca la cappella o cona di S. Sebastiano datata al XV sec. A circa 2 km dal paese è collocato il Santuario di S. Gabriele, patrono d’Abruzzo.
Nei dintorni è l’importante chiesa di S. Giovanni al Mavone o ad Insulam, che risale ai secoli XII-XIII, una delle testimonianze più importanti del romanico abruzzese.

Illustri:

Musei:

Museo Stauros di Arte Sacra Contemporanea
Santuario San Gabriele - tel. 0861.975727 fax 0861.9772520.
Centro per le Acque del Gran Sasso e Monti della Laga
S. Pietro di Isola del G.S. - tel. 0861.976070.

Eventi:
Luglio festa della birra.
Ultima domenica di Agosto festa di S. Gabriele.

Note:
Comune compreso nel Parco nazionale del Gran Sasso-Monti della Laga.

 
 

 Alberghi a Isola del Gran Sasso
 Residenze turistico alberghiera a Isola del Gran Sasso
 Residence a Isola del Gran Sasso
 Case per le vacanze a Isola del Gran Sasso
 Appartamenti a Isola del Gran Sasso
 Country House a Isola del Gran Sasso
 Bed and breakfast a Isola del Gran Sasso
 Alloggi agroturistici a Isola del Gran Sasso
 Campeggi a Isola del Gran Sasso
 Villaggi turistici a Isola del Gran Sasso
 Ostelli della Gioventu' a Isola del Gran Sasso
 Case per le ferie a Isola del Gran Sasso
 Affittacamere a Isola del Gran Sasso
 Aree sosta per camper a Isola del Gran Sasso

 

Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Teramo

Una caratteristica dell’Abruzzo è la varietà morfologica del territorio che mette a confronto realtà solitamente distinte e difficilmente coniugabili, come mare e montagna, parchi nazionali, riserve naturali e centri storici, collegati con un’efficientissima rete stradale. Dalla foce del_Tronto a quella del Trigno 129 chilometri di costa, assolata e godibile dalla primavera all’autunno, fronteggiano i massicci più elevati dell’Appennino, tanto che non è raro poter scorgere dal litorale sabbioso e in piena vacanza marina le cime innevate del Gran Sasso e della Maiella. Del resto la storia antropologica e sociale della regione Abruzzo è tutta coniugata sul costante rapporto mare-montagna, vissuto dalla gente.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu