I mercati rionali nella Provincia di Teramo - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

I mercati rionali nella Provincia di Teramo

Teramo

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
Sagre, Feste, Fiere e Mercatini a Teramo e provincia. Mercatini Bio, a km Zero, dei sapori, delle tradizioni e rionali. Con l’avvento dei centri commerciali e della grande distribuzione si era persa l’abitudine di acquistare i prodotti alimentari direttamente dal venditore, rinunciando al contatto umano e alle tante informazioni e consigli che solo una persona esperta ci può fornire. Negli ultimi anni, però si è riscoperta la magia dei mercatini che offrono l’opportunità di passeggiare tra le bancarelle e di acquistare prodotti genuini e freschi, spesso venduti dagli stessi produttori, come nel caso dei Mercati a km zero. ProdottiRegionali abruzzesi.
 

Situata nella parte nordorientale dell'Abruzzo, la Provincia di Teramo incontra a Nord quella della Provincia di Ascoli Piceno, a Nord-Ovest quella della Provincia di Rieti, a Sud-Ovest quella della Provincia dell'Aquila, a Sud quella della Provincia di Pescara, mentre, ad Est, è bagnata dal Mare AdriaticoLa varietà della sua offerta turistica è strettamente connessa con le peculiarità del territorio, caratterizzato dal versante orientale dell'Appennino abruzzese e da vallate che degradano dolcemente fino alla costaSu una superficie complessiva di 1.949 Kmq, vive una popolazione di circa 290.000 abitanti, distribuita in 47 comuniTanta varietà produce un'offerta diversificata, capace di soddisfare tutte le esigenze del turista. Dunque, attraverso alte vette, lussureggianti colline, spiagge dorate e splendide città d'arte, vi attende un viaggio emozionante in una terra da scoprire e... da gustare.

Mercati rionali settimanali nella Provincia di Teramo


L’Abruzzo è una terra antica che reca le tracce, anche artistiche, delle vicende storiche che l’hanno interessata e dei popoli che l’hanno abitata.
Una di queste testimonianze si trova nel Santuario di Ercole Curino, alle pendici del Morrone: affacciato sulla Valle Peligna, per secoli luogo sacro di tribù di pastori, oggi è un parco archeologico di grande suggestione, immerso in uno scenario di caratteristiche montagne. Legati alla cultura pastorale sono anche i complessi di Campovalano e Schiavi d’Abruzzo; la presenza romana emerge ad Alba Fucens (con i siti archeologici di Juvanum, Peltuinum e Amiternum), Corfinio e Chieti con musei (Campli e Chieti) e antiquari (Corfinio e Sulmona).
L’epoca d’oro dell’Abruzzo è però il Medioevo, soprattutto quello monastico con le splendide chiese, le celebri abbazie e i numerosi castelli.
Esempio eccellente di chiesa medievale è San Liberatore a Maiella (Serramonesca), senz’altro il più compiuto romanico abruzzese.
A Castiglione a Casauria San Clemente è armonica e ricca di sculture.
A L’Aquila la Basilica di Collemaggio, con facciata di pietre bianche e rosa, fu costruita nel 1288 su ordine del futuro papa Celestino V. Nel centro storico del capoluogo, ricco di importanti esempi di architettura civile, si trova il Museo Nazionale d'Abruzzo, allestito nel castello cinquecentesco.
Degne di nota sono poi la Cattedrale Valvense di Corfinio, Santa Maria Assunta e San Pellegrino Bominaco.
Nella provincia di Chieti, Fossacesia si erge l’abbazia di San Giovanni in Venere, di severe linee borgognone; nel capoluogo, San Giustino coniuga l’essenzialità delle forme alla ricchezza barocca.
A Teramo, la cattedrale di San Bernardo fronteggia il palazzo episcopale e presenta capolavori d’arte sacra tra cui il paliotto d’argento di Nicola da Guardiagrele.
Nella provincia sono da segnalare poi Santa Maria di Ronzano a Castel Castagna e San Giovanni ad Insulam a Isola del Gran Sasso, con numerosi capolavori d’arte.



 
Torna ai contenuti | Torna al menu