Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Guardiagrele - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Guardiagrele

Chieti
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 
Guardiagrele. Guardia Graelis in latino; Uardiagrélë in dialetto guardiese) è un comune italiano di 9.486 abitanti della provincia di Chieti in Abruzzo. Guardiagrele è sede del Parco Nazionale della Majella e fa parte della Comunità montana della Maielletta, nonché del club I borghi più belli d'Italia. Famosa per le produzioni artigianali, in particolare nella lavorazione dei metalli, oltre ad aver dato i natali all'orafo, incisore e pittore Nicola Gallucci, detto Nicola da Guardiagrele, ospita tutti gli anni dal 1º al 20 agosto la Mostra dell'Artigianato Artistico Abruzzese. Fu il primo luogo, insieme ad Agnone, dove iniziò la produzione della presentosa, un gioiello femminile abruzzese generalmente in oro, indossato nelle occasioni di festa.
 
Guardiagrele sorge nell'entroterra chietino, nella zona nord-occidentale della provincia. Si articola su un lungo promontorio adagiato sulle pendici orientali della Majella e delimitato su tre lati da ripidi crinali. Guardiagrele risente di un'alta sismicità poiché si colloca in una zona in cui questi fenomeni sono da sempre stati molto intensi e frequenti. È infatti inserita tra i comuni colpiti dal terremoto del 6 aprile 2009, per il quale subì lesioni ad alcune case, alla chiesa di San Nicola Greco e il crollo parziale del tetto di palazzo Mucci. Il territorio ad ovest del centro abitato di Guardiagrele, verso la Majella, è composto da rocce calcaree, con aspri valloni e numerosi boschi. Andando verso il mare invece i rilievi diventano via via sempre più dolci.


Città di Guardiagrele

A Guardiagrele non vi scorrono fiumi di particolare rilevanza. I numerosi corsi d'acqua infatti sono per lo più torrenti provenienti dalla montagna, fra i quali vi sono il Dendalo e il Venna, che dopo un percorso lungo rispettivamente 22 e 24 km sfociano nel fiume Foro. La residenza comunale di Guardiagrele si trova al un'altitudine di 576 m.s.l.m. L'altitudine minima è di 150 metri, quella massima di 1.750, con un'escursione altimetrica di 1.600 metri. Guardiagrele fa parte della Comunità montana della Maielletta.

Comune di Guardiagrele
Largo San Francesco, 1
- 66016 Guardiagrele (Ch)
Tel.: 800 055 313 – Fax: 0871.80862.39•40

Altitudine: 576 mt. s.l.m.
Estensione: 56,24 kmq.

Sito web: www.guardiagrele.gov.it
PEC - Posta certificata: comune.guardiagrele@pec.it

Posta ordinaria: info@guardiagrele.gov.it

« Guardiagrele, la città di pietra, risplendeva al sereno di maggio. Un vento fresco agitava le erbe su le grondaie. Santa Maria Maggiore aveva per tutte le fenditure, dalla base al fastigio, certe pianticelle delicate, fiorite di fiori violetti, innumerevoli cosicche’ l’antichissimo Duomo sorgeva nell’aria cerulea tutto coperto di fiori marmorei e di fiori vivi. »(Gabriele D'Annunzio ne Il trionfo della morte. Patrono del paese di Guardiagrele è San Donato, insieme con Sant'Emidio; il periodo delle feste patronali va dal 6 all'8 agosto. Compatrono della città è San Nicola Greco, monaco basiliano e archimandrita di un gruppo di monaci partiti dalla Calabria all'inizio dell'XI secolo per fuggire dall'invasione saracena. Il 7 agosto 1338 il corpo di San Nicola Greco venne traslato nella attuale chiesa di San Francesco (XIV secolo).

Guardiagrele (Guardia Graelis) compendia la vicenda eroica della sua origine. Costruita sulla più alta delle colline che come un anello cingono quella che anche oggi è la Piana di Grele, cinta di saldissime mura, circondata da quaranta torri, fu nei secoli e tra le vicende più dure, la costante Guardia della sottostante Grele. Definita da D’Annunzio, per la sua posizione particolare ai piedi della Majella, la "Terrazza d’Abruzzo" dalla quale domina su un suggestivo panorama che si estende fino all’Adriatico, Guardiagrele affonda le sue radici già in epoca romana con l’insediamento chiamato "Aelion". Il fatto più rilevante nella storia antica di Guardiagrele è rappresentato dallo spostamento dell’abitato dal sito originario (antica Grele localizzata dai resti di una fontana), quando avvenne l’incastellamento dal quale nacque Guardiagrele. Il borgo deve aver definito la sua identità urbana sotto il dominio longobardo a guardia dell’antico villaggio Grele posto lungo la vallata e in prossimità di una fonte. Il reticolato urbano è caratterizzato da torri millenarie, chiese, monasteri, botteghe.

 

Accoglienza turistica a Guardiagrele
 Alberghi a Guardiagrele
 Residenze turistico alberghiera a Guardiagrele
 Residence a Guardiagrele
 Case per le vacanze a Guardiagrele
 Appartamenti a Guardiagrele
 Country House a Guardiagrele
 Bed and breakfast a Guardiagrele
 Alloggi agroturistici a Guardiagrele
 Campeggi a Guardiagrele
 Villaggi turistici a Guardiagrele
 Ostelli della Gioventu' a Guardiagrele
 Case per le ferie a Guardiagrele
 Affittacamere a Guardiagrele
 Aree sosta per camper a Guardiagrele

La festa di Guardiagrele viene celebrata la terza domenica di maggio. Ancora oggi, nel paese di Guardiagrele è viva la tradizione pasticciera (con i Tre monti o Sise delle monache) come quella secolare della lavorazione artistica del ferro battuto. La lavorazione del rame di Guardiagrele risente di un drastico calo di artigiani ed è quasi completamente scomparsa. A partire dal 1970 nella città di Guardiagrele si tiene ogni anno, nel periodo dal 1 al 20 agosto, la Mostra dell'Artigianato Artistico Abruzzese.


Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Chieti

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu