I Comuni della Provincia de L'Aquila: Gioia dei Marsi - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Comuni della Provincia de L'Aquila: Gioia dei Marsi

L'Aquila

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
Torre dello Sperone. Il borgo di Sperone, attualmente parte integrante della comunità di Gioia dei Marsi, era situato a circa 7 km, in località denominata "la forchetta", su un antico presidio romano a guardia del Passo Sparnasio. Il nome del borgo discende dall'unione di due castelli chiamati Sparnasio (dal dio Pan protettore dei pastori e delle greggi) e Asinio. Dopo la distruzione di entrambi i castelli, ne risorse uno solo (Sparnasio) che fu chiamato "Speron d'Asino", poiché gli abitanti di Asinio vollero ad esso aggregarsi. Il nuovo castello aveva la conformazione di una fortezza ed era feudo di Simone di Capistrello (1193), al quale veniva fornito un soldato a cavallo in rapporto ai 24 fuochi allora presenti. Le chiese del piccolo centro montano erano due: la parrocchia dedicata a S. Maria e l'altra dedicata a S. Nicola, posta appena fuori dell'abitato. La torre del castello, ancora visibile, risale alla seconda metà del secolo XIII, quando i conti Berardi di Celano, signori della contea dei Marsi, rafforzarono il sistema difensivo della Marsica orientale costruendo baluardi militari lungo le vie di accesso alla contea. Le caratteristiche della costruzione sono proprie di una torre di avvistamento cintata, paragonabile ad altre strutture militari della zona come la torre di Collarmele e di Santo Iona. Di forma circolare, con il diametro esterno di circa 8 metri, attualmente è alta circa 16 metri e costituita da due piani di cui quello inferiore sicuramente utilizzato come deposito e quello superiore, a forma ottagonale, destinato a corpo di guardia. Posta a 1240 metri di altitudine, la torre guarda verso la conca del Fucino (allora lago) e controllava l'unica via di comunicazione con la valle Peligna e le zone del Tavoliere.
Ma con il trascorrere del tempo la funzione strategica di avvistamento e di difesa andà via via esaurendosi ed il centro perse la sua ragion d'essere, rimando sempre più isolato. Il panorama che si può ammirare è senza dubbio incantevole tanto che Sperone è stato definito "il balcone più bello della Marsica". Il vecchio paese di Sperone confina a sud-est con i tenimenti di Manaforno e a nord-ovest con i possedimenti di Aschi. Già nel 1868 contava una popolazione di 220 individui (cfr. Di Pietro). Il paese, situato tutt'intorno alla torre, era composto da case in pietra, calce e architravi di legno. Fino a qualche decina di anni fa non vi era neanche l'energia elettrica e le sole fonti di luce artificiale erano le lucerne ad olio, le candele, le torce impregnate di grasso di montone ed infine i lumi a petrolio. Anche l'acqua non raggiungeva le abitazioni, ma veniva attinta alle fonti vicine. Tutto ruotava intorno alla coltivazione della terra (grano e vigneti) e all'allevamento. Durante i lunghi e rigidi inverni, gli uomini costruivano da soli attrezzi che sarebbero serviti per il lavoro della terra, come ad esempio gli aratri che, attaccati ai buoi, venivano utilizzati per l'aratura dei campi. Fonti primarie di sostentamento erano grano, granoturco, bietole, patate, utilizzate anche come alimenti per gli animali. Per fronteggiare il freddo rigido dell'inverno si raccoglieva la legna ( in "some") che serviva si per il camino o per cuocere il pane nei forni, ma anche come merce di scambio con gli abitanti dei paesi vicini.

Città di Gioia dei Marsi

Comune di Gioia dei Marsi
Piazza Savoia
- 67055 Gioia dei Marsi (Aq)
Tel.: 0863.88168 - Fax:

Altitudine: 725 mt. s.l.m.
Estensione: 63,39 kmq.

Sito web: www.comune.gioiadeimarsi.aq.it
PEC:  protocollocomunedigioiadeimarsi@pec.it

Posta ordinaria: info@comune.gioiadeimarsi.aq.it

Posto nella conca del Fucino, sulla strada che conduce al parco nazionale dell’Abruzzo, il paese di Gioia dei Marsi è dedito all’agricoltura. Molto interessante da vedere a Gioia dei Marsi è il villaggio abbandonato di Gioia Vecchia. Le origini dell’abitato di Gioia dei Marsi risalgono al periodo preromano anche se notizie certe del paese risalgono a poco prima dell’anno Mille quando con l’invasione dei saraceni la gente della Marsica si rifugiava nei centri fortificati tra cui Gioia dei Marsi.

 
 

 Alberghi a Gioia dei Marsi
 Residenze turistico alberghiera a Gioia dei Marsi
 Residence a Gioia dei Marsi
 Case per le vacanze a Gioia dei Marsi
 Appartamenti a Gioia dei Marsi
 Country House a Gioia dei Marsi
 Bed and breakfast a Gioia dei Marsi
 Alloggi agroturistici a Gioia dei Marsi
 Campeggi a Gioia dei Marsi
 Villaggi turistici a Gioia dei Marsi
 Ostelli della Gioventu' a Gioia dei Marsi
 Case per le ferie a Gioia dei Marsi
 Affittacamere a Gioia dei Marsi
 Aree sosta per camper a Gioia dei Marsi

Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia de L'Aquila

Con il ricavato della vendita di questo come di altri prodotti (funghi) raccolti nei boschi si provvedeva al fabbisogno della famiglia. A Sperone, il terremoto del 13 gennaio 1915 lasciò un segno indelebile. La popolazione fu chiamata ad uria grande prova di coraggio. Tanti furono i disagi e tanto il dolore, ma la voglia di tornare a vivere e di ricominciare talmente grande da spingere tutti ad iniziare immediatamente i lavori per la ricostruzione del paese. Il nuovo agglomerato nacque un po' più a valle, con l'aiuto dell'amministrazione comunale di Gioia dei Marsi, cui Sperone amministrativamente si era unito sin dal lontano 1840. Quanto sudore per aprire strade, costruire case, trainare tavole, canali, cemento, aiutati da muli ed asini. Le prime case, realizzate con criteri asismici e con un buon numero di stanze, vennero assegnate alle famiglie. Solo nel 1950 l'allora parroco, don Rocco Provenzali, dette inizio alla ricostruzione della chiesa di S. Nicola, terminata nel 1957, parroco don Artemio de Vincentis. Il paese fu dotato di una sede scolastica formata da una pluriclasse elementare con un solo insegnante che raggiungeva il paese a piedi nella bella stagione, mentre restava a dormire a Sperone durante l'inverno. Tutto era duro e faticoso, per l'insegnante cosi come per il medico o l'ostetrica che raggiungevano Sperone solo in caso di necessità. Il parroco invece saliva ogni domenica per celebrare messa o in occasione di matrimoni, battesimi e quant'altro. Il 26 novembre 1950 i cittadini di Sperone, con alla testa un consigliere comunale, organizzarono una protesta per la mancata apertura di un tronco di strada che avrebbe collegato il paese alla strada statale.
L’Abruzzo marittimo si aftaccia sull’Adriatico fra le foci del Tronto e del Trigno, in una fascia costiera so-stanzialmente compatta, solcata da fiumi che scendono dal rilievo appenninico e subappenninico ed affiancata dalla discontinua cornice di ridenti zone collinari. Le stazioni balneari più rinomate, dotate di ogni moderno contorto, sono: Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto Lido, Giulianova Lido, Roselo degli Abruzzi, Pineto, Silvi Marina, Montesilvano, Pescara, Francavilla al Mare, Ortona, San Vito Chietino, Fossacesia e Vasto. I centri storici sparsi nelle quattro province abruzzesi sono più di 150. Di grande interesse turistico, sportivo e climatico i laghi di Campotosto, Barrea, Scanno, Villalago e Bomba. Una nota particolare merita il Parco Nazionale d’Abruzzo, compreso tra l’area del Fucino a Nord-Ovest e la catena delle Mainarde Sud-Est, delimitato a Est dai Monti Marsicani, a Sud e Sud-Ovest dallo spartiacque tra il Sangro e il Liri, con gli immensi e centenari boschi, gli ameni altipiani e le gole selvagge, ricchi di straordinaria varietà di flora e di fauna. Nel suo territorio, per una estensione di 400 Kmq a vincolo intero e 600 Kmq con speciali restrizioni, viene assicurata la tutela e il miglioramento del patrimonio arboreo e faunistico.
Nel nuovo borgo mancava però una chiesa e per tanti anni, a metà settembre, la comunità di Sperone si spostava per festeggiare i Santi patroni nella vecchia chiesa. A tale proposito c'è da dire che la vecchia chiesa dedicata a S. Nicola, patrono del paese, probabilmente del XII secolo, con il passare degli anni era andata quasi completamente distrutta, restando in piedi il solo altare. Il popolo di Sperone vedendo in ciò quasi un prodigio, capi che il Santo non voleva essere abbandonato. Nel 1985 si dette inizio ai lavori di ristrutturazione della stessa ed ora ogni anno, l'ultima domenica di agosto, si torna in montagna per le celebrazioni. In occasione poi dell'anno giubilare la popolazione di Sperone ha organizzato un pellegrinaggio al vecchio paese attraverso l'antico tratturo che lo collegava a Gioia dei Marsi, con la speranza di poterlo ripetere ogni anno, con l'intento di fare un veloce ritorno di tanto in tanto alle vecchie radici e per non abbandonare completamente i luoghi cari agli avi ed i ricordi di un passato ancora cosi vivo nella memoria. Come già accennato nel nuovo borgo non c'era una chiesa. Le reliquie dei Santi avevano trovato precaria dimora in un locale di proprietà dell'amministrazione comunale nel nuovo borgo dove il parroco veniva di domenica a celebrare messa. Cosi con l'azione congiunta di cittadini, Comune e parroco il 3 maggio 2000 si è dato inizio alla costruzione della nuova chiesa che è stata benedetta e consacrata, con una solenne cerimonia, dal vescovo dei Marsi il 19 agosto 2001. Nonostante tutto non fu facile abbandonare i luoghi dei ricordi più intimi, per chi vi era nato e cresciuto.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu