Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Fraine - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni ed indirizzi utili dei Comuni della Provincia di Chieti: Fraine

Chieti
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 
Fraine, Borgo montano dell’entroterra del Vastese situato su un colle a 750 di altitudine, ha una superficie di 1610 ettari, conta attualmente 439 abitanti. Governo: amministrazione retta, da riconferma dal precedente mandato, dal 30 maggio 2006 da una lista Civica “Impegno per il Paese di Fraine”; Come tutti i paesi limitrofi ha subito lo spopolamento dovuta all’emigrazione a partire dalla fine 1800, nelle due Americhe e nel resto d’Europa a partire dal dopo guerra. Come si può agevolmente constatare dai vari censimenti, la popolazione di Fraine nel 1862 era di 1710 abitanti, raggiungeva 2000 anime prima della Grande Guerra per poi scendere inesorabilmente sino ai giorni nostri. Economia di Fraine: basata da modesta attività agricola, pastorale e artigianato; - agricoltura: coltivazione di cereali, vigneti, uliveti; - pastorizia: allevamenti prettamente di bovini e ovini; - artigianato: piccole imprese Edili. Santuario Mater Domini del sec. XI, e Romitorio di San Domenico del sec. XVIII, a due Km. dal centro urbano di Fraine immersi nel bosco con ampia e attrezzata area pic-nick con possibilità di ristoro, servizio di accoglienza con Foresteria per piccoli gruppi scout e pellegrini, itinerari escursionistici con guide alla scoperta della storia e della natura e visite al museo storico.
 
Cenni Storici di Fraine. Fraine deve l’origine del suo nome a Fragine (dal verbo latino frangere) come si può dedurre dalla remota esistenza, nel suo territorio, di antiche cave, per lo più padronali, di pietre adatte per pavimenti, caminetti e gradinate (la stessa cava di pietre del vicino comune di Liscia era nei boschi di Fraine; ed ancor oggi, visitando le abitazioni migliori, si constata l’ottima conservazione di queste pietre che fanno tuttora la loro bella figura). Nel sec. XII, nella zona odierna detta “Frainelle” venne costruito un insediamento difensivo con Torrione d’avvistamento, intorno al quale i locali si strinsero per occupare le terre, difendersi, costruire le rustiche abitazioni e gestire la principale via di commercio di Fraine; infatti Fraine nasce a Colle Castello verso Castiglione Messer Marino come avamposto di avvistamento e il suo obiettivo è di difesa attiva (offensiva e difensiva) e di controllo e coordinamento dell’antica via di scambio e transito commerciale legato ai tratturi. Fraine era un paese di sentinella per la sua posizione geografica strategica.


Città di Fraine

Nello stesso periodo si ha notizia di una chiesa Ecclesiam Sancte Trinitatis de Fragine in una bolla Alessandro III del 1173, con la quale si confermano gli antichi confini della diocesi di Chieti, il paese di Fraine è citato ancora come Fragine nelle decime degli anni 1324-1325. Nella pienezza del dominio di Roberto D’Angiò, Fraine si componeva di due distinti Borghi detti Fragine Superiore e Fragine Inferiore (sec. XIII), poiché nella Generalis Subventio del 1320 risulta tassata per once 13, tari 21, grana 14 nella parte superiore, once 4 tari 10, grana 10 nell’altra. Successivamente Fraine risulta infeudata ai Caracciolo, principi di Santobuono, (il cui stemma è tuttora rinvenibile sul transetto della facciata dell’attuale chiesa parrocchiale), che la tennero probabilmente fino all’eversione della feudalità (tali possedimenti vennero ceduti poi al comune di Fraine, ad una famiglia potente, tra la fine del 1700 e il principio del 1800).

Comune di Fraine
Via Mater Domini, 1
- 66050 Fraine (Ch)
Tel.: 0873-953246 – Fax: 0873-957916

Altitudine: 751 mt. s.l.m.
Estensione: 16,10 kmq.

Sito web: www.comune.fraine.ch.it
PEC - Posta certificata: comune.fraine.ch@legalmail.it

Posta ordinaria: info@comune.fraine.ch.it

In seguito gli abitanti di Fraine si trasferirono nell’attuale insediamento urbano: Perché accadde questo? La tradizione ci parla di zona (antica Frainelle) infestata dai briganti, forse favoriti dai boschi circonvicini. Per questi malevoli, Frainelle e le sue proprietà costituivano un boccone allettante non trascurabile. Le loro ripetute incursioni, e le loro razzie erano piuttosto frequenti e dopo diverse diatribe e lotte non riuscendo a tenervi testa decisero di abbandonare il posto per sistemarsi in un luogo con una posizione più sicura ed aperta (oltre ad essere posizione centrale rispetto all’intero territorio), collocandosi nell’attuale territorio, che circondarono di robuste mura con due porte d’ingresso alla Cittadina: la porta da Capo rivolta verso la via di commercio e quindi verso Castelluccio (attuale Castiglione Messer Marino) e la porta da Piedi verso il Sobborgo di San Rocco di Fraine (attuale via Roma) frequentata da pellegrini e lebbrosi.

Fraine si trova nei pressi del fiume Treste e il torrente Lama nell’alto vastese. Nato nel medioevo, l’origine del borgo di Fraine viene fatto risalire al XII sec., il paese ha conosciuto il predominio di numerosi nobili, tra cui il più importante è stato Caracciolo, che ha tenuto i possedimenti fino alla fine della feudalità.

 

Accoglienza turistica a Fraine
 Alberghi a Fraine
 Residenze turistico alberghiera a Fraine
 Residence a Fraine
 Case per le vacanze a Fraine
 Appartamenti a Fraine
 Country House a Fraine
 Bed and breakfast a Fraine
 Alloggi agroturistici a Fraine
 Campeggi a Fraine
 Villaggi turistici a Fraine
 Ostelli della Gioventu' a Fraine
 Case per le ferie a Fraine
 Affittacamere a Fraine
 Aree sosta per camper a Fraine

Siamo ormai al sec. XVI, periodo in cui l’attuale Fraine da zona con piccoli presidi rupestri diventa Societas dei fuochi e al 1550 risale anche la Chiesa parrocchiale San Silvestro Papa di Fraine. Il Giustiniani, del Dizionario delle Due Sicilie”, a proposito di Fraine nota come la sua situazione fosse in una valle ove si respira buona aria e le donne vestono ormai vago, a segno che và stampato per mostrare ai forestieri le bellezze delle diverse fogge di vestir del regno (L. Giustiniani, 1797 – 1805). In effetti il costume popolare di Fraine interesserà distinti decoratori e acquerellisti da Michela De Vito (operante nell’ambiente Napoletano dei primi decenni del XIX sec. A Xavier Della Gatta pittore Napoletano (attivo tra il 1782 e il 1882) per incarico reale di re Ferdinando IV per il rilevamento delle fogge del vestire del regno.


Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Chieti

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu