I Comuni della Provincia de L'Aquila: Fagnano Alto - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Comuni della Provincia de L'Aquila: Fagnano Alto

L'Aquila

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 

Città di Fagnano Alto

Comune di Fagnano Alto
Via Soschio n°1 - Fraz.Vallecupa
- 67020 Fagnano Alto (Aq)
Tel.: 0862.86145  - Fax: 0862.86161

Altitudine: 665  mt. s.l.m.
Estensione: 24,48 kmq.

Sito web: www.comunefagnanoalto.it
PEC: comunefagnanoalto@pec.comunefagnanoalto.it

Posta ordinaria: info@comunefagnanoalto.it

Il paese Fagnano Alto è posto all’interno del parco regionale del Velino - Sirente, su un colle che dà lo sguardo al fiume Aterno, il paese ha la caratteristica di essere in quattro agglomerati urbani ben distinti. Nei secoli scorsi Fagnano Alto era conosciuto con il nome di Offagianum.

 
 

 Alberghi a Fagnano Alto
 Residenze turistico alberghiera a Fagnano Alto
 Residence a Fagnano Alto
 Case per le vacanze a Fagnano Alto
 Appartamenti a Fagnano Alto
 Country House a Fagnano Alto
 Bed and breakfast a Fagnano Alto
 Alloggi agroturistici a Fagnano Alto
 Campeggi a Fagnano Alto
 Villaggi turistici a Fagnano Alto
 Ostelli della Gioventu' a Fagnano Alto
 Case per le ferie a Fagnano Alto
 Affittacamere a Fagnano Alto
 Aree sosta per camper a Fagnano Alto

Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia de L'Aquila

Riguardo le origini di Fagnano Alto già a partire dal III°/IV° secolo A.C. se ne ritrovano i primi cenni storici. In cima all'antico colle Ofanianum e sui resti di antica roccaforte Vestina nel XI° sec venne costruito il Castello di Fagnano posto in una splendida posizione panoramica dalla quale è possibile godere della vista della valle dell'Aterno e delle catene del Gran sasso e del Sirente. Tale costruzione rappresenta il tipico esempio di castello medioevale composto da un borgo fortificato, tre torri e 2 porte ogivali. L'importanza storica di Fagnano Alto è legata alla storia dell'Aquila ed alla sua costruzione alla quale prese parte unitamente agli altri Castelli per questo ricevendone un quartiere ( dove si trova l'attuale via Campo di Fossa ), una chiesa ed una porta detta porta di Fagnano.
L’Abruzzo marittimo si aftaccia sull’Adriatico fra le foci del Tronto e del Trigno, in una fascia costiera so-stanzialmente compatta, solcata da fiumi che scendono dal rilievo appenninico e subappenninico ed affiancata dalla discontinua cornice di ridenti zone collinari. Le stazioni balneari più rinomate, dotate di ogni moderno contorto, sono: Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto Lido, Giulianova Lido, Roselo degli Abruzzi, Pineto, Silvi Marina, Montesilvano, Pescara, Francavilla al Mare, Ortona, San Vito Chietino, Fossacesia e Vasto. I centri storici sparsi nelle quattro province abruzzesi sono più di 150. Di grande interesse turistico, sportivo e climatico i laghi di Campotosto, Barrea, Scanno, Villalago e Bomba. Una nota particolare merita il Parco Nazionale d’Abruzzo, compreso tra l’area del Fucino a Nord-Ovest e la catena delle Mainarde Sud-Est, delimitato a Est dai Monti Marsicani, a Sud e Sud-Ovest dallo spartiacque tra il Sangro e il Liri, con gli immensi e centenari boschi, gli ameni altipiani e le gole selvagge, ricchi di straordinaria varietà di flora e di fauna. Nel suo territorio, per una estensione di 400 Kmq a vincolo intero e 600 Kmq con speciali restrizioni, viene assicurata la tutela e il miglioramento del patrimonio arboreo e faunistico.
Il castello di Fagnano fu testimone di tutte le vicissitudini storiche che hanno interessato L'Aquila. La proprietà del castello nel corso degli anni passò di mano diverse volte. Nell'anno 1423 subì l'assalto di Braccio da Montone e successivamente nel 1442 un lungo e duro assedio da parte delle truppe di Alfonso D'Aragona. Nella prima metà del XVI° sec unitamente a Campana e Stiffe fu venduto al magnifico Commendator Pignalosa, a quei tempi la comunità di Fagnano era già composta da dieci villaggi come si evince dalla trascrizione di una epigrafe riportata da M.Accursio: "Ripae unius ex decem pagis fanianis agri aquilani".
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu