Dormire a Pietranico - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Dormire a Pietranico

Pescara > Ospitalità nel pescarese
GUIDA ALL'OSPITALITA' NEL PAESE DI PIETRANICO (PE)
 
Festa e Folklore a Pietranico: Le feste di Pietranico sono tutte collegate alle principali ricorrenze religiose del paese del 2/3 maggio e del 14/15 settembre, dedicate alla "Madonna della Croce". Soprattutto in maggio i festeggiamenti assumono una particolare connotazione folkloristica: durante tutto il percorso della Processione in onore della Madonna della Croce vengono incendiati centinaia di falò dai quali si levano altissime lingue di fuoco che sormontano a volte anche i tetti delle abitazioni: E' uno spettacolo veramente apocalittico e tutto il paese sembra un immane rogo che arde e si consuma. Questo avviene il giorno della vigilia, ossia il 2 maggio. Il giorno successivo la statua seicentesca della Madonna viene condotta processionalmente all'Oratorio per commemorare l'apparizione a un tal Domenico Del Biondo; tale evento miracoloso risale al 25 marzo del 1613.
Ospitalità nel Paese di PIETRANICO (Pe) (m. 590 s.l.m.)
     
  CAP: 65020  - 085 -  085.8884792   - Da visitare:   
 MUNICIPIO DEL PAESE DI PIETRANICO  085.8884795  -  085.8883391     085.8884795 - P.IVA: 81000110684
Raggiungere Pietranico: (Satzione Torre De' Passeri  (Uscita Torre De' Passeri/CasàuriaAeroporto d'Abruzzo a 36 Km.
 
HOTEL ED ALBERGHI A PIETRANICO (PE)
Dove dormire nel paese di Pietranico (Pe).
RESIDENZE - RESIDENCE A PIETRANICO (PE)
Dove dormire nel paese di Pietranico (Pe).
CAMPEGGI - CAMPSITES A PIETRANICO (PE)
Dove dormire nel paese di Pietranico (Pe).
VILLAGGI TURISTICI - TURIST RESORT A PIETRANICO (PE)
Dove dormire nel paese di Pietranico (Pe).
AFFITTACAMERE - ROOM RENTAL A PIETRANICO (PE)
Dove dormire nel paese di Pietranico (Pe).
BED & BREAKFAST A PIETRANICO (PE)
BED & BREAKFAST IL FEUDO
Via Ripaldi, 12 - 65020 Pietranico (Pe)
tel. 085 8573677
CASE PER LE VACANZE - SELF CATERING HOLIDAY A PIETRANICO
Dove dormire nel paese di Pietranico (Pe).
APPARTAMENTI PER VACANZA - APARTMENTS A PIETRANICO (PE)
Dove dormire nel paese di Pietranico (Pe).
CASE PER FERIE - HOLIDAY HOMES A PIETRANICO (PE)
Dove dormire nel paese di Pietranico (Pe).
COUNTRY HOUSES A PIETRANICO (PE)
Dove dormire nel paese di Pietranico (Pe).
OSTELLI DELLA GIOVENTU' - YOUTH HOSTEL A PIETRANICO (PE)
Dove dormire nel paese di Pietranico (Pe).
RIFUGI e BIVACCHI - MOUNTAIN HUTS A PIETRANICO (PE)
Dove dormire nel paese di Pietranico (Pe).
La Regione Abruzzo. La fisionomia della Regione Abruzzo è caratterizzata dall’accostamento di due lineamenti geografici profondamente diversi: la montagna e il mare: L’Abruzzo montano, con numerosi centri sciistici con impianti di avanguardia, comprende i maggiori massicci dell’Appennino (il Gran Sasso d’Italia e la Majella), numerosi rilievi che raggiungono anch’essi notevole altitudine e altipiani intervallati dalle conche dell’Aquila e di Sulmona, mentre verso il confine con la Regione Lazio si stende la fertile conca del Fucino, risultante dal prosciugamento del lago omonimo portato a termine dal Duca Alessandro Torlonia nel 1875. Oggi l’ex alveo del lago rappresenta il fulcro della produttività agricola marsicana. Nel suo territorio è stata installata, da alcuni decenni, l’antenna parabolica della Società Telespazio, i cui sistemi di trasmissione e di ricezione per via satellite sono all’avanguardia in campo mondiale. L’Abruzzo marittimo, con i suoi centri turistici balneare, si aftaccia sull’Adriatico fra le foci del Tronto e del Trigno, in una fascia costiera sostanzialmente compatta, solcata da fiumi che scendono dal rilievo appenninico e subappenninico ed affiancata dalla discontinua cornice di ridenti zone collinari. Le 18 (perle dell'Abruzzo) stazioni balneari più rinomate, dotate di ogni moderno contorto, sono: Alba Adriatica, Martinsicuro, Tortoreto Lido, Giulianova Lido, Roseto degli Abruzzi, Pineto, Silvi Marina, Marina di Città Sant'Angelo, Montesilvano, Pescara, Francavilla al Mare, Ortona, Marina di San Vito, Fossacesia Marina, Torino di Sangro Marina, Lido di Casalbordino, Marina di Vasto, San Salvo MarinaI centri storici sparsi nelle quattro province abruzzesi sono più di 150 e di grande interesse turistico, sportivo e climatico sono: i laghi di Campotosto, Barrea, Scanno, Villalago e BombaUna nota particolare merita il Parco Nazionale d’Abruzzo, compreso tra l’area del Fucino a Nord-Ovest e la catena delle Mainarde Sud-Est, delimitato a Est dai Monti Marsicani, a Sud e Sud-Ovest dallo spartiacque tra il Sangro e il Liri, con gli immensi e centenari boschi, gli ameni altipiani e le gole selvagge, ricchi di straordinaria varietà di flora e di faunaNel territorio abruzzese, per una estensione di 400 Kmq a vincolo intero e 600 Kmq con speciali restrizioni, viene assicurata la tutela e il miglioramento del patrimonio arboreo e faunistico.
Il Tratturo: I resti del tracciato del grande Tratturo Magno L’Aquila Foggia, che, passando tra il Castello di Pietranico e quello di Ripalta (situato nello stesso territorio del paese) raggiungeva il territorio di Corvara per poi sostare in località Forca di Penne, e quindi arrivare, dopo aver transitato per Capestrano Navelli e Caporciano a Santa Maria di Collemaggio de L’Aquila. Una deviazione del noto Tratturo Magno L’Aquila – Foggia, che, deviando in località ponte delle fascine di Rosciano, dopo aver attraversato il territorio di Alanno - in località S. Maria delle Grazie - e la dorsale Ciappino di Pietranico - in località Santa Maria della Croce - passava a sud est del Borgo pietranichese per poi andarsi a ricongiungere in località S. Antonio al predetto Tratturo Magno L’Aquila Foggia a nord di Pietranico: Il più imponente ed importante dei tratturi che già prima dell’età romana ma soprattutto dopo il medio evo permettevano a milioni di pecore di raggiungere i verdi pascoli d’Abruzzo in primavera e poi ritornare nelle Puglie con l’approssimarsi dell’autunno. E’ ben noto, infatti, che lungo quegli antichi tracciati sorgevano cippi, cone, edicole od anche vere e proprie chiesette che, oltre ad essere motivo di preghiera e ringraziamento, si rivelavano per i pastori luoghi ideali per i loro necessari riposi. Nella maggiore espansione della pratica transumante (‘500 – ‘700), per il Regio Tratturo Magno arrivarono a transitare sino a 5 milioni di capi.
Una caratteristica dell’Abruzzo è la varietà morfologica del territorio che mette a confronto realtà solitamente distinte e difficilmente coniugabili, come mare e montagna, parchi nazionali, riserve naturali e centri storici, collegati con un’efficientissima rete stradale. Dalla foce del_Tronto a quella del Trigno 129 chilometri di costa, assolata e godibile dalla primavera all’autunno, fronteggiano i massicci più elevati dell’Appennino, tanto che non è raro poter scorgere dal litorale sabbioso e in piena vacanza marina le cime innevate del Gran Sasso e della Maiella. Del resto la storia antropologica e sociale della regione Abruzzo è tutta coniugata sul costante rapporto mare-montagna, vissuto dalla gente.
La Storia del paese di Pietranico (Pe). Mancano testimonianze esplicite della sua origine e della sua primitiva aggregazione. Si conosce con certezza che fu una "grangia" (un magazzino-abitazione medievale di montagna), dipendente dalla insigne Abbazia di San Clemente a Casauria. Una tradizione orale, ancora viva, ne attribuisce la fondazione all'Abate Adamo. Con molta probabilità, deve trattarsi dell'ottavo rettore della storica Abbazia. In suo ricordo, una strada cittadina adiacente la Piazza del Colle, porta il suo nome: Via Abate Adamo. Un sito così arroccato e poco accessibile apparve un posto ideale ai Monaci benedettini per edificarvi un castello entro il quale potersi rifugiare in tutta sicurezza in occasione dei sanguinosi saccheggi operati dai Saraceni e dai Normanni provenienti dalla vicina costa pugliese. Questo clima di estrema insicurezza, congiuntamente al desiderio di emancipazione, spinsero masse di coloni abbrutiti da una feudalità sorda ed inutile ad aggregarsi in questo territorio. Dal canto loro, i Monaci offrirono, assieme alla sicurezza, condizioni di vita più umane, nuovi metodi di coltivazione, tecniche di allevamento, sistemi di costruzioni, non tralasciando le pratiche religiose. L'antico castello sorgeva sulla "Pietra di Castello", "un immenso masso di 2000 m3". Da qui, dunque, il toponimo Petra Iniqua, che secondo un'attendibile etimologia significa "pietra posta su di un colle". Questa era la lezione che assegnava al nome un filosofo illustre, Don Domenico Tinozzi che aveva condotto erudite ricerche sui "tre paesi della Penne vera: Pietranico, Cugnoli e Corvara". Il paese vecchio conserva a tutt'oggi quasi intatta la sua originaria struttura di borgo sorto per offrire minor lato all'offesa e possibilità maggiori alla difesa. Le case, disposte a raggiera lungo lo scosceso e breve pendio sottostante il poderoso masso roccioso, sono divise da stradine molto strette (rughelle) e formano, con le mura poderose sul lato esterno, una cintura interrotta solo dalla Porta della Terra.

L’Abruzzo si trova all’incirca al centro della penisola italiana, ad una latitudine corrispondente a quella del medio e basso Lazio, con il quale confina ad occidente. A Nord i confini della Regione toccano le Marche, ad Est il mare Adriatico, a Sud e Sud-Est il Molise. Copre una superficie di 10.794 Kmq ripartita in quattro province: L’Aquila, Chieti, Pescara e Teramo, con una popolazione vicina al milione e trecentomila.
La fisionomia della Regione è caratterizzata dall’accostamento di due lineamenti geografici profondamente diversi: la montagna e il mare.
L’Abruzzo montano, con numerosi centri sciistici con impianti di avanguardia, comprende i maggiori massicci dell’Appennino (il Gran Sasso d’Italia e la Majella), numerosi rilievi che raggiungono anch’essi notevole altitudine e altipiani intervallati dalle conche dell’Aquila e di Sulmona, mentre verso il confine con il Lazio si stende la fertile conca del Fucino, risultante dal prosciugamento del lago omonimo portato a termine dal Duca Alessandro Torlonia nel 1875, opera grandiosa, che peraltro era stata più volte program-mata fin dall’epoca dell’impero Romano.
Oggi l’ex alveo del lago rappresenta il fulcro della produttività agricola marsicana. Nel suo territorio è stata installata, da alcuni decenni, l’antenna parabolica della Società Telespazio, i cui sistemi di trasmissione e di ricezione per via satellite sono all’avanguardia in campo mondiale.
L’Abruzzo marittimo si aftaccia sull’Adriatico fra le foci del Tronto e del Trigno, in una fascia costiera so-stanzialmente compatta, solcata da fiumi che scendono dal rilievo appenninico e subappenninico ed affiancata dalla discontinua cornice di ridenti zone collinari.
Le stazioni balneari più rinomate, dotate di ogni moderno contorto, sono: Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto Lido, Giulianova Lido, Roselo degli Abruzzi, Pineto, Silvi Marina, Montesilvano, Pescara, Francavilla al Mare, Ortona, San Vito Chietino, Fossacesia e Vasto.
I centri storici sparsi nelle quattro province abruzzesi sono più di 150.
Di grande interesse turistico, sportivo e climatico i laghi di Campotosto, Barrea, Scanno, Villalago e Bomba.
Una nota particolare merita il Parco Nazionale d’Abruzzo, compreso tra l’area del Fucino a Nord-Ovest e la catena delle Mainarde Sud-Est, delimitato a Est dai Monti Marsicani, a Sud e Sud-Ovest dallo spartiacque tra il Sangro e il Liri, con gli immensi e centenari boschi, gli ameni altipiani e le gole selvagge, ricchi di straordinaria varietà di flora e di fauna.
Nel suo territorio, per una estensione di 400 Kmq a vincolo intero e 600 Kmq con speciali restrizioni, viene assicurata la tutela e il miglioramento del patrimonio arboreo e faunistico.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu