I Comuni della Provincia de L'Aquila: Collelongo - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Comuni della Provincia de L'Aquila: Collelongo

L'Aquila

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
Il centro storico di Collelongo. Il centro storico di Collelongo si presenta con una pianta ovoidale disposta su leggero pendio con una disposizione urbanistica tipica dei borghi di fondovalle dell'età tardo-medievale. La difesa era affidata a case-mura com muro esterno in opera incerta con scarpa alla base e torrette rompitratta circolari (torretta del Campanile). Sul versante ovest le difese murarie erano rafforzate dal fossato di Rio (ora Balzo Piccione), mentre su quello est, più esposto all'attacco, si nota un evidente rafforzamento data la presenza del largo bastione angolare a pianta circolare di Via S. Rocco inferiore, probabilmente rafforzato da un'altro, ora non più visibile, posizionato vicino la "Porta Jò".
Sulle mura si aprivano due porte principali sull'asse longitudinale nord-est sud-ovest e due posterule (piccole porte) sull'asse trasversale: in alto la Prima porta nelle adiacenze della torre e Palazzo baronale; in basso la Porta Jò ancora evidente e con vicino portale tardo-gotico datato 1523; la posterula di Balzo Piccione, datata 1578, posta vicino la Parrocchiale; l'altra posterula sul fianco destro di Palazzo Botticelli. Sulla sommità (ora Piazza S. Rocco) la vecchia torre quadrata normanna (m. 7,60x8,20) rinforzata nel XIV secolo e utilizzata come mastio dell'abitato nel Rinascimento con affiancato Palazzo baronale. Nell'interno la Parrocchiale (sancta Maria Nova) a tre navate con ingressi sul lato longitudinale: un portale è datato 1746, mentre sui lati sono due steli-porta delle necropoli romane della Vallelonga. Sulla facciata si notano gli attacchi murari della primitiva e piccola chiesa trecentesca di S. Giovanni ad unica navata con ingresso orientato ad oriente.

Città di Collelongo

Comune di Collelongo
Piazza Ara dei santi
- 67044 Collelongo (Aq)
Tel. 0863.948537 – Fax: 0863.948537

Altitudine: 915 mt. s.l.m.
Estensione: 57,17 kmq.

Sito web: www.comune.collelongo.aq.it
PEC: comune.collelongo.aq@pec.comnent-ra.it

Posta ordinaria: info@comune.collelongo.aq.it

Collelongo fonda la propria economia sull’agricoltura, Collelongo si trova non distante dal parco nazionale dell’Abruzzo. Si presume che l’uomo abitasse la zona sin dalla preistoria. Nel XI secolo il borgo di Collelongo era compreso nella contea dei Marsi.

 
 

 Alberghi a Collelongo
 Residenze turistico alberghiera a Collelongo
 Residence a Collelongo
 Case per le vacanze a Collelongo
 Appartamenti a Collelongo
 Country House a Collelongo
 Bed and breakfast a Collelongo
 Alloggi agroturistici a Collelongo
 Campeggi a Collelongo
 Villaggi turistici a Collelongo
 Ostelli della Gioventu' a Collelongo
 Case per le ferie a Collelongo
 Affittacamere a Collelongo
 Aree sosta per camper a Collelongo

Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia de L'Aquila

L'ultima fase di ampliamento della chiesa risale alla metà del XIX secolo, mentre l'aspetto attuale è quello di restauro successivo ai danni del terremoto del 1915. Nell'interno, oltre ad un organo del 1745, si trovano numerose opere d'arte: sulla navata laterale sinistra resti di affresco della fine del cinquecento con S. Bernardino da Siena in atto di adorare la Madonna e pala d'altare con "S. Michele Arcangelo" di Mario Ceroli; sulla navata laterale destra altare del 1790 con statua in pietra di S. Antonio datata al 1642, pale d'altare di "S. Antonio" di Riccardo Tommasi Ferroni e "Lo sguardo di S. Rocco" di Piero Guccione, statua lignea di S.Rocco del 1850. Le formelle della "Via Crucis" sono di Francesco Sansone.
L’Abruzzo marittimo si aftaccia sull’Adriatico fra le foci del Tronto e del Trigno, in una fascia costiera so-stanzialmente compatta, solcata da fiumi che scendono dal rilievo appenninico e subappenninico ed affiancata dalla discontinua cornice di ridenti zone collinari. Le stazioni balneari più rinomate, dotate di ogni moderno contorto, sono: Martinsicuro, Alba Adriatica, Tortoreto Lido, Giulianova Lido, Roselo degli Abruzzi, Pineto, Silvi Marina, Montesilvano, Pescara, Francavilla al Mare, Ortona, San Vito Chietino, Fossacesia e Vasto. I centri storici sparsi nelle quattro province abruzzesi sono più di 150. Di grande interesse turistico, sportivo e climatico i laghi di Campotosto, Barrea, Scanno, Villalago e Bomba. Una nota particolare merita il Parco Nazionale d’Abruzzo, compreso tra l’area del Fucino a Nord-Ovest e la catena delle Mainarde Sud-Est, delimitato a Est dai Monti Marsicani, a Sud e Sud-Ovest dallo spartiacque tra il Sangro e il Liri, con gli immensi e centenari boschi, gli ameni altipiani e le gole selvagge, ricchi di straordinaria varietà di flora e di fauna. Nel suo territorio, per una estensione di 400 Kmq a vincolo intero e 600 Kmq con speciali restrizioni, viene assicurata la tutela e il miglioramento del patrimonio arboreo e faunistico.
Delle dimore nobiliari delle grandi famiglie collelonghesi rimangono, anche se ridotti nelle loro originarie dimensioni, i palazzi dei Floridi e Botticelli ora visibili nelle loro sistemazioni ottocentesche: Palazzo Floridi posto vicino alla Piazza S. Angelo (con portale datato 1546) e il grande Palazzo Botticelli, ricostruito in parziali forme moderne, ora sede del Centro Polivalente con teatro all'aperto decorato da affreschi del pittore Fabio Rieti, opere pittoriche dedicate all'Emigrazione dei Collelonghesi nel Mondo. In quest'ultimo palazzo sarà esposta la copia del letto di Amplero realizzata dai Fratelli Fubelli di Roma. a cura del prof. Giuseppe Grossi.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu