Informazioni ed indirizzi utili dei Municipi della Provincia di Pescara: Civitella Casanova - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Informazioni ed indirizzi utili dei Municipi della Provincia di Pescara: Civitella Casanova

Pescara
 

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
 
Civitella Casanova, collocato sul dorso di una collina, alle pendici di Colle Madonna, fra i torrenti Schiavone e Festina, sorge Civitella Casanova, comune di 1947 abitanti della Provincia di Pescara, inserito nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, nel distretto delle Grandi Abbazie. Civitella Casanova presenta un territorio molto vasto frazionato in diversi abitati; caratteristica è la frazione di Vestea, posta in posizione elevata (595 m s.l.m.) e panoramica su un crinale sottile, tra le valli dei torrenti Schiavone e Mirabello, alle pendici del Monte Bertona.
Gran parte del territorio civitellese di Civitella Casanova abbraccia la zona montana del versante orientale del massiccio del Gran Sasso, si va da un’altitudine minima di 240 m s.l.m. a quota 1581 m della Cima della Cioccola. La vetta rappresenta l’importante punto di accesso alla Piana del Voltigno, area di notevole interesse naturalistico, singolare esempio di formazione carsica. L'altopiano di Civitella Casanova si presenta suggestivo durante la stagione invernale, allorché è coperto dalla neve. Grazie alla presenza di piste battute è possibile praticare lo sci di fondo.

Città di Civitella Casanova

Comune di  Civitella Casanova
Corso Umberto I° n°4
- 65010  Civitella Casanova  (Pe)
Tel.: 085.845115 – Fax: 085.8459958

Altitudine: 400 mt. s.l.m.
Estensione: 31,77 kmq.

Sito web:
www.comune.civitellacasanova.pe.it
PEC-Posta certificata: civitellacas.protocollo@pec-comuni.it

Posta ordinaria: info@comune.civitellacasanova.pe.it

Lo scioglimento delle nevi, che nel periodo invernale cadono in abbondanza, favorisce la comparsa in primavera di numerosi laghetti carsici dal notevole effetto paesaggistico. D'estate essi scompaiono quasi totalmente, tranne uno, a proposito del quale la tradizione paesana di Civitella Casanova ritiene che esso non abbia fondo da ciò il suo nome: Lago Sfondo. Durante l'estate, il Piano del Voltigno è utilizzato per la pratica dell'alpeggio di bovini, equini e ovini. Gli innumerevoli sentieri che attraversano tutta l’area di Civitella Casanova fa di esso una meta escursionistica molto apprezzata. In Località Taffarelle sgorga una sorgente di acqua solforosa. Scoperta nel 1839 è stata oggetto di recenti interventi di captazione e sistemazione.

Il paese di Civitella Casanova è situato in alta collina alle falde del Monte Cona.
Secondo alcuni storici erede della romana "Cutina"(o "Cingilia"), distrutta nel 325 a.C., il paese di Civitella Casanova  si segnala per la chiesa della Madonna della Cona, dal bel portale rinascimentale.
Sopra il paese di  Civitella Casanova  si stende una bellissima piana circoscritta dai Merletti, una barriera di roccia composta da guglie calcaree slanciate ed eleganti che introducono alla piana del Voltigno, oggi inglobata nella Riserva naturale regionale del Voltigno e della Valle d'Angri; vi si praticano l'arrampicata su roccia e, d'inverno, lo sci da fondo.

 
 

Accoglienza turistica a Civitella Casanova
 Alberghi a Civitella Casanova
 Residenze turistico alberghiera a Civitella Casanova
 Residence a Civitella Casanova
 Case per le vacanze a Civitella Casanova
 Appartamenti a Civitella Casanova
 Country House a Civitella Casanova
 Bed and breakfast a Civitella Casanova
 Alloggi agroturistici a Civitella Casanova
 Campeggi a Civitella Casanova
 Villaggi turistici a Civitella Casanova
 Ostelli della Gioventu' a Civitella Casanova
 Case per le ferie a Civitella Casanova
 Affittacamere a Civitella Casanova
 Aree sosta per camper a Civitella Casanova

L'Abruzzo: un grande museo all'aperto. Un'altra delle caratteristiche peculiari dell'Abruzzo è il numero altissimo di antichi castelli che si vedono spuntare ovunque. Si può dire, anzi, che non vi sia paese, sommità dominante, passo o promontorio che non abbia la sua torre, il suo castello, il suo recinto fortificato. Le ragioni storiche sono semplici: un lunghissimo periodo di pericolo, interno ed esterno, che obbligò ogni comunità a provvedere alla propria difesa; ma ciò che più ci interessa è il risultato odierno, che rende l'Abruzzo il più grande e completo museo italiano all'aperto di architettura militare: vanta infatti almeno un esemplare, e di buon livello, per ogni tipo di fortificazione conosciuta. Un'altra particolarità unica è poi che la gran parte di essi conserva pressoché intatto anche il territorio circostante, il proprio contesto originario. Un esempio, per tutti, è lo straordinario castello duecentesco di Rocca Calascio: le forme essenziali, di perfetta simmetria, la coerenza dell'impianto architettonico, che tradisce non solo la sicurezza progettuale ma pure una consapevole volontà espressiva, ne fanno uno dei più belli e suggestivi castelli d'Europa. Posto a quasi 1500 metri di altitudine in posizione dominante sulla vallata sottostante, spazia su di un panorama montano mozzafiato, senza epoca, intatto. È difficile immaginare un castello più dominante di questo: il suo ambiente, al limite, coincide col più lontano orizzonte. La suggestione del luogo permette di cogliere appieno quella sensazione di "sospensione del tempo" che più di ogni altra caratterizza l'Abruzzo interno, affascinando il visitatore.


Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Pescara


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu