I Comuni della Provincia di Teramo: Canzano - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Comuni della Provincia di Teramo: Canzano

Teramo

I nostri consigli... per le vostre vacanze.

 
Storia e tradizione di Canzano. L'antica ricetta del tacchino alla canzanese. Una volta legato, il busto viene sistemato nella teglia con le sopraccoscie disossate, i filetti di petto, le cosce e le ali (che per praticità verranno disossate dopo la cottura).  Vengono sistemate nella teglia anche le ossa della carcassa, rotte e frantumate per dare maggior intensità al brodo. Si aggiunge acqua – senza coprire del tutto le carni – aglio, alloro, pepe a chicchi e sale.  La cottura è una via di mezzo tra arrostitura e lessatura e inizia a fiamma molto alta, per avere una iniziale e decisa rosolatura. Una volta girato il pezzo, infatti, la cottura prosegue per otto/nove ore, durante le quali le carni vengono girate spesso. Al termine, la quantità di brodo residua viene separata dalla carne, sgrassata e filtrata da tutte le impurità. Si disossano anche ali e cosce.  Il brodo così preparato, ancora caldo, viene fatto raffreddare insieme alle carni a temperatura ambiente e poi lasciato in frigorifero dove diventerà gelatina. In origine la preparazione avveniva senza disossare l’animale, con notevoli difficoltà di consumo a fronte di una maggior semplicità e velocità di preparazione. Il Tacchino alla Canzanese viene tagliato solo qualche attimo prima di essere servito con la sua preziosa gelatina. Il contorno ideale? Carote e zucchine appena sbollentate in acqua e aceto e conservate in olio extravergine d’oliva. In stagione, saporiti e colorati chicchi di melograno.
 

Città di Canzano

Canzano (Provincia di Teramo)
Distanza dal capoluogo di provincia  (Km): 14
Abitanti: 1.857
Altitudine: 448 mt. s.l.m.
Frazioni: Valle Canzano, Colli, Piano Di Corte.
Comune di Canzano
Via Garibaldi n°15
- 64020 Canzano (Te)
Tel.:0861-555128 - Fax:.0861-555798
Sito web: www.comune.canzano.te.it
Posta certificata: protocollo@pec.comune.canzano.te.it
Posta ordinaria: info@comune.canzano.te.it
I.A.T.: Informazione Accoglienza Turistica
Telefono:  - Fax:

Storia:
Il territorio occupato già in età del ferro, conserva resti di una villa romana. L’etimologia di Canzano è quasi certamente romana, dal personale gentilizio Cantius, ma la documentazione sull’abitato attuale non è anteriore al XII secolo. Tra i feudatari si ricordano gli Acquaviva e gli Alarcon y Mendoza.

Arte e cultura:
Ormai presente sulle rinomate guide di cucina, la fama di Canzano è legata essenzialmente alle sue tradizioni gastronomiche tanto da etichettare “alla canzanese” un piatto tipico della provincia teramana, il tacchino in gelatina. Dell’antica struttura medievale, un centro fortificato, restano le antiche difese ed una torre circolare risalente al sec XVI che fiancheggiava la cortina delle mura. Sopravvivono case in laterizio dei sec XVIII e XIX. Importante è l’antica chiesa di San Salvatore nel cui interno si conservano cicli di affreschi attribuiti al Maestro di Offida. Il portale reca scolpite negli stipiti immagini simboliche dei quattro evangelisti.

Illustri:

Musei:

Eventi:
Agosto: rievocazione della trebbiatura con macchinari d’epoca.
Agosto: sabato e domenica, raduno di moto d’epoca.
prima metà di agosto: sagra del tacchino alla canzanese e del dolce locale.

 
 

 Alberghi a Canzano
 Residenze turistico alberghiera a Canzano
 Residence a Canzano
 Case per le vacanze a Canzano
 Appartamenti a Canzano
 Country House a Canzano
 Bed and breakfast a Canzano
 Alloggi agroturistici a Canzano
 Campeggi a Canzano
 Villaggi turistici a Canzano
 Ostelli della Gioventu' a Canzano
 Case per le ferie a Canzano
 Affittacamere a Canzano
 Aree sosta per camper a Canzano

 

Per ulteriori info: Regione Abruzzo e Provincia di Teramo

Una caratteristica dell’Abruzzo è la varietà morfologica del territorio che mette a confronto realtà solitamente distinte e difficilmente coniugabili, come mare e montagna, parchi nazionali, riserve naturali e centri storici, collegati con un’efficientissima rete stradale. Dalla foce del_Tronto a quella del Trigno 129 chilometri di costa, assolata e godibile dalla primavera all’autunno, fronteggiano i massicci più elevati dell’Appennino, tanto che non è raro poter scorgere dal litorale sabbioso e in piena vacanza marina le cime innevate del Gran Sasso e della Maiella. Del resto la storia antropologica e sociale della regione Abruzzo è tutta coniugata sul costante rapporto mare-montagna, vissuto dalla gente.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu