Giulianova sul Web: Arte, Cultura, Storia e Turismo

Giulianova: Artisti giuliesi, Pittori giuliesi, Scultori giuliesi. Artigiani giuliaesi, Artsti di Giulianova, Pittori di Giulianova, Artigiani di Giulianova, Scultori di Giulianova, Mostre a Giulianova, Esposizioni a Giulianova

 
Album fotografico Madonna dello Splendore Museo dello Splendore Eventi a Giulianova Tursmo Giulianova
Flaviano Bucci
 

Opera di Flaviano Bucci

Flaviano Bucci
Ritratto di Ippolita Bucci.
Olio su tela cm. 65x80
 
 
Flaviano Bucci
 
Nato a Giulianova il 26 dicembre 1817, ivi morto il 28 luglio 1906.
Compì i suoi studi a Napoli intorno al 1840 dove fu allievo del pittore teramano Giuseppe Bonolis.
Ebbe come suoi compagni Filippo Palizzi, Gabriele Srnargiassi (ambedue abruzzesi di Vasto) e Achille Vianelli.
Acquistò buona fama tra gli artisti napoletani.
Fu considerato tra i migliori coloristi partenopei di quel tempo.
Le sue opere sono per lo più ritratti, anche a pastello, o dipinti con soggetto religioso.
Tra le sue opere sono da ricordare: Mendicante, acquistato da Ferdinano II per la pinacoteca del palazzo di Capodimonte, Una fioraia, Ritratto di Donna Laura moglie dell’artista, e ritratti a pastello del Conte di Castellana e del figlio Andrea.
Bibliografia
Pasquale Stanilao Mancini in Giornale Abruzzese, giugno 1839  n. XXX p. 115.
Vincenzo Bindi in Artisti Abruzzesi, Napoli, De Angelis, 1883 p. 78.
Angelo De Gubernatis, in Dizionario degli Artisti Italiani viventi,Firenze, Le Monnier, 1901, p. 78.
Galletti Ugo-Ettore Camesasca in Enciclopedia della Pittura Italiana, Milano, 1951, p. 454.
A.M. Comanducci in I Pittori Italiani dell’Ottocento, Milano, 1934, p. 89.
Thieme-Becker, Allgemeines lexicon der Bildenden Künstler, Leipzig, 1972, vol. V p. 173.
Dizionario Enciclopedico Bolaffi dei pittori italiani dall’XI  al XX sec., Torino, 1972, vol. II p. 322.
 

Articolo tratto da "Artisti Giuliesi dell'Otttocento", a cura di Aldo Marroni e Francesco Tentarelli

 
 

Home Artisti

giulianova nel web

 

Giulianova turistica

  Webmasters: Alex e Umberto Raimondi