Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Garosi Gianfranco - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Garosi Gianfranco

Giulianova > Storici & Scrittori > Garosi Gianfranco
 
La rassegna delle pubblicazioni di opere librarie da Scrittori & Storici di Giulianova
 
Indice Storici & Scrittori giuliesi - Gianfranco Garosi
 p u b b l i c a z i o n e 

L’Ospedale di San Flaviano
- La medicina e la chirurgia di quei secoli bui
di Gianfranco Garosi

Prefazione di Sandro Galantini
Ancora sul finire del Settecento, come documentano i coevi elenchi notarili, le «spezierie» conventuali rampollavano di bizzarri prodotti medicamentosi — corno di cervo filosofico, sangue di drago, scorza di legno santo, contr’erba orientale — non troppo diversi, almeno nella loro fantasiosa nomenclatura, da quei preparati, come la Polvere di Santa Cincilla, ritenuti in età medievale particolarmente efficaci nella cura di specifiche patologie.
E d’altronde proprio i conventi e più ancora i monasteri, raramente sprovvisti di farmacia ed orto con piante medicinali, erano stati i luoghi tradizionali in cui, sopravvivendo alla dispersione i testi classici, si era avuta la sintesi tra una medicina più dotta, informata ai principii ed alle conoscenze di Galeno ed Ippocrace, ed una più povera in cui i remedia physicalia erano spesso subordinati ad interventi spirituali, sicché non sorprende come nell’Europa medievale quasi la metà degli ospedali, originariamente adibiti all’accoglienza del segmento più vulnerabile della popolazione (poveri, pellegrini, anziani, neonati) e poi alla cura delle malattie, fosse direttamente affiliata ad un monastero o ad altra struttura religiosa.
Accanto alla medicina clericale, schiettamente teurgica, e a quella laica, fiorita nella celebre scuola salernitana e poi diffusasi mercé gli insegnamenti impartiti nelle università di Bologna e di Padova, coesistevano — e sarebbero sopravvissuti lungamente, rimanendo sostanzialmente immuni dal tempo edace — pratiche e rimedi di tipo “magico” (dal “toccamento” all’utilizzo delle tazze terapeutiche realizzate soprattutto con la terra di Lemnia) riconducibili, per dirla con Levi Strauss, al complesso sciamanico ed al consenso sociale.
Di questa problematica raramente affrontata in testi che non fossero d’indole specialistica, riservati quindi al numerus clausus di studiosi e ricercatori di settore, si occupa ora in maniera pregnante, con la capacità di scavo che gli è propria e con la coinvolgente corposità di una scrittura vigile e raffinata, il professor Gianfranco Garosi, appalesando anche stavolta, dopo il fortunato lavoro dedicato alla storia dell’ospedale di Giulianova, l’intelligente sua capacità di coniugare divulgazione e ricerca scientificamente orientata.
Entro una topografia — diciamo così — di cui l’ordalia, il morbo e la cura sono i punti trigonometrici, Garosi descrive con sicura competenza e dovizia di particolari, oltre ed assieme agli strumenti più utilizzati dai medici in età medievale, tecniche chirurgiche, prassi curative, consigli terapeutici e la singolare farmacopea del tempo, spingendo il suo sguardo indagatore oltre il confine della medicina laica e monastica, cioè nel mondo sotterraneo, ma pure vitalissimo, avviluppato dalle spire della magia e dell’occultismo, in cui l’umanità sofferente era soggiogata, e non senza penaci conseguenze, da fattucchiere, incantatrici e ciarlatani.
Dal serrato scandaglio del Garosi, cui dobbiamo anche perspicue notazioni sulla realtà ospedaliera di Castel San Flaviano, il borgo medievale da cui sarebbe gemmata la Giulianova acquaviviana discende quindi la possibilità per il lettore di conoscere efficacemente, e con le forme colloquiali che contribuiscono a rendere particolarmente avvincente la ricognizione un aspetto specifico del Medioevo, appunto la medicina, senz’altro investigato ma generalmente poco o per nulla noto.
Sandro Galantini
Gianfranco Garosi (Siena 1930), Medico Ortopedico, ha svolto prevalen-temente l'attività professionale presso l'Ospedale Civile di Giulianova come Primario del Reparto di Ortopedia.
Biblioteche a Giulianova

Biblioteca civica “Vincenzo Bindi”
Corsa Garibaldi, 14 - tel. 085/8003395 Giulianova Città
Numero dei volumi catalogati: 23.000
Settori: abruzzesistica, libri antichi, arte, filosofia, emeroteca
Lasciti: Bindi (opere generali) - De Lucia (abruzzesistica) - Mercante (filosofia)
Orario: 9-12; 15-18,30; sabato 9-12,30


Biblioteca del Centro Culturale “San Francesco”
Piccola Opera Charitas
Via Ruetta Scarafoni, 3 - Giulianova Città - tel. 085/8003677
Numero dei volumi catalogati: 12.000
Settori: emeroteca, storia, filosofia, letteratura, storia delle religioni e della Chiesa
Orario: 8-20


Centro Servizi Culturali della Regione Abruzzo
Via I. Nievo, 6 - Tel. 0858003508 - Fax 08580027108
Orario: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, dalle 15 alle 18 (orario invernale) e dalle 16 alle 19 (orario estivo); sabato dalle 9 alle 12.
Il Centro di Servizi Culturali della Regione Abruzzo, istituito con L.R. 6 Luglio 1978 N. 35, opera nei territori comunali di Giulianova, Roseto, Mosciano Sant’Angelo, Bellante, Morro D'Oro e svolge promozione culturale concorrendo alla formazione ed alla realizzazione della persona umana mediante una effettiva partecipazione alla vita della comunità del comprensorio.


Biblioteca Padre Candido “Donatelli”
Inaugurata il 27 maggio del 1995, la Biblioteca “P. Candido Donatelli” è riuscita progressivamente a ritagliarsi un ruolo assolutamente rilevante nella realtà culturale non solo giuliese. L’attivismo e l’entusiasmo degli operatori della quarta biblioteca cittadina (Direttore dott. Sandro Galantini; bibliotecari dott. Piera Fagnani e Alfonso Di Felice) hanno fatto sì che la raffinatissima struttura, fortemente voluta dall’allora Superiore del Convento dei Cappuccini P. Serafino Colangeli, divenisse un punto di riferimento importante per studenti, operatori culturali e studiosi non solamente locali.
Orario biblioteca:dal lunedì al venerdì con orario 10-13 e 15-19; il sabato dalle 10 alle 13.

Giulianova, la Posillipo d'Abruzzo

Giulianova (Te) Abruzzo - Italy. Gli ingredienti sono quelli classici dell’Abruzzo più bello: spiagge tranquille, immensa e pulita sabbia, dolci colline immerse in verde ecologico che offrono una panoramica su un mare dai mille colori. Su una di queste colline e sul suo declivio è situata Giulianova Paese con la sua allegria, con i suoi musei,  monumenti, pinacoteche e biblioteche, chiese e santuari, il suo verde, il suo mareQuesta località balneare oltre a sottolineare ciò che di Giulianova è giustamente noto, permette al turista e al residente, di scoprire molte prospettive ancora poco conosciute.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu