Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Marroni Aldo - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Marroni Aldo

Giulianova > Storici & Scrittori > Marroni Aldo
 
La rassegna delle pubblicazioni di opere librarie da Scrittori & Storici di Giulianova
 
Indice Storici & Scrittori giuliesi - Aldo Marroni
 p u b b l i c a z i o n e 

L'enigma dell'impuro. La sfida dell'estetico nella società, nella sessualità e nell'arte
di Aldo Marroni
1ª edizione, Ottobre 2007 - Roma
Carocci editore S.p.A., Roma

Premessa
È stato Martin Heidegger in Che cosa significa pensare? (1954) a sostenere che «ogni pensatore non pensa che un unico pensiero». Tale affermazione credo possa valere anche per me che provo, in ogni circostanza, a far valere i diritti del disgusto e dell’impuro. Queste due nozioni, infatti, mi accompagnano ormai da anni, da quando l’amico e maestro professor Mario Perniola mi ha avvicinato al multiforme ed emozionante pensiero di Pierre Klossowski. Il presente lavoro non si discosta di molto dalle mie precedenti ricerche. La sola differenza sta nel fatto che ora ho tentato di enucleare l’incombenza dell’impuro non più in singoli filosofi e scrittori, ma negli eccessi dell’estetica e nelle dinamiche sociali, nelle pratiche inconsuete dell’arte e della sessualità, mettendo alla prova una curiosa (nel senso etimologico del prendersi cura di qualcosa) immaginazione filosofica nel dare forma, come suggeriva Francesco Bacone, a possibili matrimoni e divorzi illegali tra concetti. Alcuni degli scritti qui pubblicati sono stati già presentati in occasione di convegni e seminari, o sono apparsi come introduzione ad altri lavori. Sono qui riproposti dopo averli ripensati quasi interamente, tanto da poterli considerare inediti.
Il libro è dedicato a Pierre Klossowski, scomparso nel 2001, la cui presenza nella mia vita di studioso è confermata non solo dall’esplicito riferimento alle sue opere, ma anche da una sua “artistica” lettera del 1988 (quasi un quadro da incorniciare, come le sue “leggi dell’ospitalità”), nella quale mi incoraggiava a continuare il lavoro di interpretazione del suo enigmatico pensiero.
Altri condividono con il filosofo francese la mia dedica, ma il loro nome rimarrà impronunciato così come si conviene nei riguardi di quelle persone care di cui s’intende preservare l’intima familiarità.
È mia convinzione che le opere nascono dalla collaborazione di più soggetti. A tutti coloro che hanno contribuito, a vario titolo, alla realizzazione del mio lavoro va il più sentito ringraziamento. Anche se qui non sono citati, i loro nomi rimarranno per sempre scolpiti nella mia mente. Alcuni di essi, tuttavia, vorrei nominarli, per quello che rappresentano nella mia vita di studioso e di docente. Oltre al mio maestro, cui mi legano sentimenti di affetto, di amicizia e di ammirazione da quasi tre decenni, nei confronti del quale il mio debito filosofico appare sempre più incommensurabile, sento qui il desiderio di esprimere il più sincero ringraziamento al professor Michele Cascavilla, direttore del Dipartimento di Scienze Sociali, il quale, accogliendo con favore la mia richiesta, ha permesso che la ricerca da me compiuta si concretizzasse in una pubblicazione. Un pensiero di amichevole riconoscenza vorrei riservano al professor Ezio Sciarra, il quale ha creduto da sempre nelle mie doti di ricercatore, apprezzando i miei lavori più di quanto essi meritassero.
Giulianova, domenica 13 maggio 2007



Filosofia
L’estetica ha speso tutte le sue energie nella definizione di un concetto del bello sereno, puro e rassicurante, riservando invece uno sguardo distratto all’impuro e alle manifestazioni nelle quali più che il bello ha prevalso il brutto, più che il gusto si è affermato il disgusto. Il libro propone di indagare la presenza di comportamenti considerati “impuri” ed eccessivi, nella società, nella sessualità e nell’arte, attraverso la riformulazione della stessa nozione di estetica e l’adozione del concetto di enigma. Perché l’enigma, con tutto quello che esso comporta in termini di sospensione e indecisione, sembra caratterizzare la sensibilità dell’uomo contemporaneo? Ponendo in relazione concetti tra loro opposti come sublime e masochismo, merce e dignità umana, gusto e ospitalità, arte e perversione, parola pura e simulacro, estetica e resistenza, L’enigma dell’impuro vuole essere un contributo alla interpretazione di quei fenomeni sociali e culturali che per troppo tempo la tradizione occidentale ha collocato ai margini della riflessione filosofica.
Aldo Marroni (Giulianova 1952) è autore di: Klossowski (Pescara, Tracce, 1990); Klossawski e la coomunicazione artistica (Palermo, Aesthetica preprint, 1993); Filosofie dell’intensità (Milano, Mimesis, 1997); Klossowoski. Sessualità, vizio e complotto nella filosofia (Milano, Costa e Nolan, 1999); Inestetiche. Desoggettivazione e conflitto nel sentire contemporaneo (Pescara, Tracce, 1999); L'enigma dell'impuro (Roma, Carocci editore, 2007); Pierre Klossowski - La moneta vivente (Milano, Mimesis Edizioni, 2008); L'arte dei simulacri (Milano, Costa & Nolan, 2009); Muse ribelli - Complicità e conflitto nel sentire al femminile (ombre corte 2012); Estetiche dell’eccesso - Quando il sentire estremo diventa «grande stile» (Quodlibet Edizioni, Macerata 2012, pp.172); La decivilizzazione estetica della società. Sul sentire neo-cinico, Bruno Mondatori, Milano 2014.
Biblioteche a Giulianova

Biblioteca civica “Vincenzo Bindi”
Corsa Garibaldi, 14 - tel. 085/8003395 Giulianova Città
Numero dei volumi catalogati: 23.000
Settori: abruzzesistica, libri antichi, arte, filosofia, emeroteca
Lasciti: Bindi (opere generali) - De Lucia (abruzzesistica) - Mercante (filosofia)
Orario: 9-12; 15-18,30; sabato 9-12,30


Biblioteca del Centro Culturale “San Francesco”
Piccola Opera Charitas
Via Ruetta Scarafoni, 3 - Giulianova Città - tel. 085/8003677
Numero dei volumi catalogati: 12.000
Settori: emeroteca, storia, filosofia, letteratura, storia delle religioni e della Chiesa
Orario: 8-20


Centro Servizi Culturali della Regione Abruzzo
Via I. Nievo, 6 - Tel. 0858003508 - Fax 08580027108
Orario: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, dalle 15 alle 18 (orario invernale) e dalle 16 alle 19 (orario estivo); sabato dalle 9 alle 12.
Il Centro di Servizi Culturali della Regione Abruzzo, istituito con L.R. 6 Luglio 1978 N. 35, opera nei territori comunali di Giulianova, Roseto, Mosciano Sant’Angelo, Bellante, Morro D'Oro e svolge promozione culturale concorrendo alla formazione ed alla realizzazione della persona umana mediante una effettiva partecipazione alla vita della comunità del comprensorio.


Biblioteca Padre Candido “Donatelli”
Inaugurata il 27 maggio del 1995, la Biblioteca “P. Candido Donatelli” è riuscita progressivamente a ritagliarsi un ruolo assolutamente rilevante nella realtà culturale non solo giuliese. L’attivismo e l’entusiasmo degli operatori della quarta biblioteca cittadina (Direttore dott. Sandro Galantini; bibliotecari dott. Piera Fagnani e Alfonso Di Felice) hanno fatto sì che la raffinatissima struttura, fortemente voluta dall’allora Superiore del Convento dei Cappuccini P. Serafino Colangeli, divenisse un punto di riferimento importante per studenti, operatori culturali e studiosi non solamente locali.
Orario biblioteca:dal lunedì al venerdì con orario 10-13 e 15-19; il sabato dalle 10 alle 13.

Giulianova, la Posillipo d'Abruzzo

Giulianova (Te) Abruzzo - Italy. Gli ingredienti sono quelli classici dell’Abruzzo più bello: spiagge tranquille, immensa e pulita sabbia, dolci colline immerse in verde ecologico che offrono una panoramica su un mare dai mille colori. Su una di queste colline e sul suo declivio è situata Giulianova Paese con la sua allegria, con i suoi musei,  monumenti, pinacoteche e biblioteche, chiese e santuari, il suo verde, il suo mareQuesta località balneare oltre a sottolineare ciò che di Giulianova è giustamente noto, permette al turista e al residente, di scoprire molte prospettive ancora poco conosciute.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu