Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Cerulli Irelli Manlio - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Cerulli Irelli Manlio

Giulianova > Storici & Scrittori > Cerulli Irelli Manlio
 
La rassegna delle pubblicazioni di opere librarie da Scrittori & Storici di Giulianova
 
Indice Storici & Scrittori giuliesi - Manlio Cerulli Irelli
 p u b b l i c a z i o n e 

Manlio Cerulli Irelli 
La fattoria di Giulianova - Ricordi di gioventù
Realizzazione editoriale Edigrafital Srl S. Atto - Teramo
wwwedigrafitalit. Finito di stampare nel mese di giugno 2005
 
Prefazione a cura di Vincenzo Cerulli Irelli
A chi mi chiede cosa è per me la felicità io rispondo: è Giulianova, la Giulianova di un tempo con la sua pineta e con la villa degli zii in riva al mare e mia cugina Margherita sorridente dentro il giardino.
Il mare stava davvero a pochi metri dalla villa, separato da un po’ di spiaggia e da una strada che nessuno percorreva. Lungo la cancellata fiorivano d’estate gli arbusti di cactus i cui fiori si stagliavano come lance insanguinate nello sfondo azzurro del cielo.
 
Ho scelto, d’accordo con Alba, “La Fattoria di Giulianova” come titolo per questo volumetto, che raccoglie i racconti lunghi che Manlio scrisse e pubblicò a sua cura tra la fine degli anni ‘70 e i primi anni ‘80 (Saggio sulle abitudini scomparse. Le tre cognate, Roma 1977; L’antica dimora. Saggio sulle abitudini familiari, Roma 1981; Rosa Mystica. Saggio sulla felicità, Roma 1982). Dei primi due racconti qui si pubblica il secondo, che assorbe interamente il primo, di dimensioni più ridotte.
La Fattoria costituisce il luogo della fantasia, costantemente evocato come quello degli incontri, dei sogni e della felicità, insieme alla villa degli zii sul lungomare di Giulianova. E anche il luogo fisico, la sede della campagna, di Bizzarri, al quale ogni sera zio Fifì doveva spedire la sua lettera di ordini ed ogni mattina doveva riceverne la risposta. Il luogo della vendemmia, quando zio Fifi con la sua giacchetta di panno e il panamino listato a lutto, correva esausto tra tini di mosto e operai indaffarati.
Nel Saggio sulle abitudini familiari (racconto tutto romano) la Fattoria è il luogo lontano dove si spera di tornare presto, fuori dalla triste dimora romana; verso la felicità. Nella Rosa Mystica, la Fattoria è il luogo stesso della felicità, il luogo magico delle api che succhiano i fiori delle colline, il luogo delle discussioni notturne sotto la luna, delle fantasie di Raffaellino, delle stupidaggini di Giugiù.
I due racconti (o saggi, come Manlio preferisce) coprono un periodo della vita familiare tra gli anni ‘20 e gli anni ‘30 del ‘900.
I bambini a Roma, con la mamma rimasta vedova e zio Fifì sempre presente e dominante; il ricordo del padre, del fiero socialista, in una viva penombra. Manlio a Giulianova, in una splendida estate, con gli amici, la cuginetta preferita, le ville, la pineta, le corse in automobile. All’improvviso, il comparire della felicità. Una felicità fulminea, una illuminazione, che non riesce a tradursi in vita reale, ma resta momento indimenticabile e insieme non più raggiungibile. Manlio la rappresenta nella metafora della ragazza seducente che tenta di cogliere i frutti su un albero di Spoltore (di fronte ai suoi occhi estasiati); e spiritualmente, nella Rosa mystica, apparizione, cioè, ultrasensibile.
Nei due scritti c’è una vivace testimonianza, rivissuta con affetto e rimpianto, di un’epoca e di una società (di un mondo), con le sue abitudini, le sue stranezze, le sue bontà e i suoi privilegi. Il mondo della borghesia dell’anteguerra, borghesia agraria che portava in sè una parte dell’antica taccagneria, pur nel raggiunto benessere. Un mondo definitivamente sepolto.
Difficile trovarne una rappresentazione più vera, più appassionata e insieme disincantata e divertente. In certi punti sembra leggere Proust, con la lente dell’arte alla ricerca del tempo perduto.
E c’è la rappresentazione artistica dei personaggi, veri e fantastici insieme, che tornano vivi davanti al lettore.
Zio Fifì innanzitutto, il vero protagonista, maniaco accentratore con il suo fattore in campagna, e all’Istituto geologico con i colleghi e con gli inservienti. Ingenuo e buono in fondo, paterno e protettivo con i nipoti, come a preservarli dalle insidie del mondo esterno. I fratelli di Manlio, Pinuccio con il suo egoismo, sempre in bagno a farsi bello. La madre, desiderosa di vita, ma chiusa nella prigione della sua casa, dalla quale cerca disperatamente di uscire (come da una metafora dell’infelicità). E gli zii, il bonario Gastoncello e l’intelligente Vincenzino, “odiato” tuttavia per la sua raggiunta sicurezza, con la sua Giuseppina ingioiellata per fare bella figura in società; ma buona, umile e modesta in casa alle faccende. Giuseppina sempre a litigare con Annina; inseparabili le due, al lavoro al tavolo della cucina, e poi raccolte intorno al rosario. Annina scalza e selvaggia, che ride felice agli insulti della sua adorata padrona.
E i personaggi di Giulianova, il mitico don Flaviano che corre dietro alla sua chirnerica innamorata, sulla spiaggia, raccogliendo la sabbia calpestata da lei. Ma non ha l’ardire di sposarla (non sum dignus, non sum dignus). E don Carluccio, sibaritico con i suo quattro bagni al giorno, di fronte a zio Fifì che lo aspetta su tutte le furie. E donna Margherita, che pretende di dettare le regole dello scrivere a Manlio, passeggiando sulla spiaggia (anch’io la ricordo così, ormai molto anziana, col suo grande cappello e il suo passo sicuro sul lungomare di Giulianova).
Tra gli altri, il personaggio Manlio, divertito ma triste, alla ricerca di se stesso e dell’impossibile felicità. E Margherita, oggetto dell‘incantamento.
Si tratta di immagini e racconti di grande forza espressiva, che a volte inducono al riso (l’irresistibile comicità di Annina, di don Flaviano), a volte al pianto (la madre colpita a tradimento dal male incurabile), sempre al sogno e al ricordo struggente.
La materia, diceva Manlio nella prefazione, “è semplice, modesta, antica; basta, per gustarla, accostarsi con un pò di bonarietà e di purezza di cuore”. Ed avvertiva il lettore che non dovesse cercare nelle sue pagine “la verità e l’esattezza dei fatti narrati. Ciò che è antico fermenta incessantemente dentro di noi come il mosto nel tino. Piano piano la verità della vita si trasforma in leggenda e poesia”.
E le immagini ne escono deformate, come riflesse in uno specchio curvo, lo specchio “della nostalgia e dell’amore”.
Marcello Avenali, che Manlio amava molto, e che lo spinse a pubblicare queste pagine, disegnò per lui alcune raffinate immagini femminili, anch’esse testimonianze di ricordi e di sogni. Le riproduciamo in questo volumetto, non solo per omaggio al grande artista scomparso, ma per la gioia dei lettori.
Manlio, per rispetto al Manzoni, prevedeva che i suoi lettori non superassero il numero di venti. Io credo che i ricordi e i sogni che emergono in questo volumetto con la leggerezza dell’arte, potranno interessare tanti lettori; purché essi vi si accostino, come egli voleva, con bonarietà e purezza di cuore.
Vincenzo Cerulli Irelli
Biblioteche a Giulianova

Biblioteca civica “Vincenzo Bindi”
Corsa Garibaldi, 14 - tel. 085/8003395 Giulianova Città
Numero dei volumi catalogati: 23.000
Settori: abruzzesistica, libri antichi, arte, filosofia, emeroteca
Lasciti: Bindi (opere generali) - De Lucia (abruzzesistica) - Mercante (filosofia)
Orario: 9-12; 15-18,30; sabato 9-12,30


Biblioteca del Centro Culturale “San Francesco”
Piccola Opera Charitas
Via Ruetta Scarafoni, 3 - Giulianova Città - tel. 085/8003677
Numero dei volumi catalogati: 12.000
Settori: emeroteca, storia, filosofia, letteratura, storia delle religioni e della Chiesa
Orario: 8-20


Centro Servizi Culturali della Regione Abruzzo
Via I. Nievo, 6 - Tel. 0858003508 - Fax 08580027108
Orario: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, dalle 15 alle 18 (orario invernale) e dalle 16 alle 19 (orario estivo); sabato dalle 9 alle 12.
Il Centro di Servizi Culturali della Regione Abruzzo, istituito con L.R. 6 Luglio 1978 N. 35, opera nei territori comunali di Giulianova, Roseto, Mosciano Sant’Angelo, Bellante, Morro D'Oro e svolge promozione culturale concorrendo alla formazione ed alla realizzazione della persona umana mediante una effettiva partecipazione alla vita della comunità del comprensorio.


Biblioteca Padre Candido “Donatelli”
Inaugurata il 27 maggio del 1995, la Biblioteca “P. Candido Donatelli” è riuscita progressivamente a ritagliarsi un ruolo assolutamente rilevante nella realtà culturale non solo giuliese. L’attivismo e l’entusiasmo degli operatori della quarta biblioteca cittadina (Direttore dott. Sandro Galantini; bibliotecari dott. Piera Fagnani e Alfonso Di Felice) hanno fatto sì che la raffinatissima struttura, fortemente voluta dall’allora Superiore del Convento dei Cappuccini P. Serafino Colangeli, divenisse un punto di riferimento importante per studenti, operatori culturali e studiosi non solamente locali.
Orario biblioteca:dal lunedì al venerdì con orario 10-13 e 15-19; il sabato dalle 10 alle 13.

Giulianova, la Posillipo d'Abruzzo

Giulianova (Te) Abruzzo - Italy. Gli ingredienti sono quelli classici dell’Abruzzo più bello: spiagge tranquille, immensa e pulita sabbia, dolci colline immerse in verde ecologico che offrono una panoramica su un mare dai mille colori. Su una di queste colline e sul suo declivio è situata Giulianova Paese con la sua allegria, con i suoi musei,  monumenti, pinacoteche e biblioteche, chiese e santuari, il suo verde, il suo mareQuesta località balneare oltre a sottolineare ciò che di Giulianova è giustamente noto, permette al turista e al residente, di scoprire molte prospettive ancora poco conosciute.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu