Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Bindi Vincenzo - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Bindi Vincenzo

Giulianova > Storici & Scrittori > Bindi Vincenzo
 
La rassegna delle pubblicazioni di opere librarie da Scrittori & Storici di Giulianova
 
Indice Storici & Scrittori giuliesi - Vincenzo Bindi
 p u b b l i c a z i o n e 

Perche'gli "Illustri Giuliesi".
Prefazione di Aldo Marroni
 
    La ristampa del volumetto di Vincenzo Bindi dedicato ai giuliesi ai quali vanno ascritti meriti cosi elevati da renderli illustri, non risponde alla richiesta di fondare su basi storiche (e divine?) una pretesa "giuliesità", metafisica e sovrastorica, che dovrebbe far ascendere il giuliese alle altezze di una eccellenza e di una singolarità irripetibili.

Illustri Giuliesi, a cura di Vincenzo Bindi.
Collana  "STORIE". Finito di stampare nel mese di Dicembre 2000 da "Media" editoria, grafica e stampa, Mosciano S.A.(TE) per conto del Centro di Servizi Culturali della Regione Abruzzo - Via I. Nievo, 6.
Tel. 0858003508 - Fax 08580027108

Non vi è dunque nessuna intenzione di rivendicare a Giulianova una risibile specificità etnica quasi a fare del giuliese l'archetipo universale del tipo umano estroso e bugiardo, filantropo e cinico, religioso e miscredente, appassionato e disincantato, ospitale e sprezzante. Niente di tutto questo. Il problema riguarda esclusivamente la toponomastica, per intenderci i nomi dati e da dare alle vie della città.
Diversi anni or sono ci fu un mio modesto tentativo, in collaborazione con Francesco Tentarelli, di restituire, alle vie del Centro, Storico le loro antiche denominazioni (via dell'Asilo, via delle Fosse ecc.) cui si erano sovrapposte nel tempo le intitolazioni trionfalistiche, nazionalistiche e pseudoeroiche (via Enrico Toti, via Armando Diaz, Corso Giuseppe Garibaldi ecc). Quel tentativo è rimasto lettera morta: o meglio sono rimaste le lapidi che furono installate con l’aggiunta funerea del tipo "Via Giuseppe Garibaldi già Via del Corso". Negli anni successivi vi è stato un vero e proprio peggioramento, se non imbarbarimento, della toponomastica. Facevo parte, durante gli anni '80, in quanto direttore della gloriosa e bistrattata (da tutti!) Biblioteca Civica “V.Bindi”, della Commissione Comunale per la Toponomastica, della quale era membro, non di secondo piano anche l'Avv. Riccardo Cerulli il quale a più riprese cercò di imporre garbatamente il ritorno agli "illustri giuliesi" di Bindi, che lo storico aveva scritto con lo scopo di fornire agli amministratori comunali un valido strumento per la denominazione delle vie della Città. L’eroico tentativo, di Cerulli, timidamente da me sostenuto, andò a vuoto. Si dovevano intitolare molte vie tra cui tutte quelle della costruenda Zona Peep: ebbene prevalse una vera e propria spartizione politica anche della toponomastica, che ora fa bella mostra di sé tra via Lombardi, via Parri, via Longo, via Brodolini, via La Malfa e così “via”: girare per credere!
Ho sempre sostenuto che ogni comunità, ogni collettività ha qual­cosa di unico, ha una specificità le cui radici affondano nella storia cittadina, nei beni culturali e letterari, nelle emergenze architettoniche e urbanistiche: tutto questo contro una mediocrità e un ottundimento delle coscienze che ci fa essere degli stupidi cittadini del mondo. Ed è per tale motivo che lo smilzo libretto di Bindi è un esempio paradigmatico non tanto di un attaccamento alla terra d’origine perché  ritenuta eletta da Dio, ma del rispetto per una genialità locale che non va soltanto trionfalisticamente sbandierata ma criticamente indagata, studiata e valorizzata. Intanto l’invito di Bindi, a cui mi permetto di aggiungere quello mio, è di iniziare a ripulire la città da tutto ciò che storicamente non le appartiene. La ristampa di “Illustri Giuliesi” non ha altro scopo.
Biblioteche a Giulianova

Biblioteca civica “Vincenzo Bindi”
Corsa Garibaldi, 14 - tel. 085/8003395 Giulianova Città
Numero dei volumi catalogati: 23.000
Settori: abruzzesistica, libri antichi, arte, filosofia, emeroteca
Lasciti: Bindi (opere generali) - De Lucia (abruzzesistica) - Mercante (filosofia)
Orario: 9-12; 15-18,30; sabato 9-12,30


Biblioteca del Centro Culturale “San Francesco”
Piccola Opera Charitas
Via Ruetta Scarafoni, 3 - Giulianova Città - tel. 085/8003677
Numero dei volumi catalogati: 12.000
Settori: emeroteca, storia, filosofia, letteratura, storia delle religioni e della Chiesa
Orario: 8-20


Centro Servizi Culturali della Regione Abruzzo
Via I. Nievo, 6 - Tel. 0858003508 - Fax 08580027108
Orario: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, dalle 15 alle 18 (orario invernale) e dalle 16 alle 19 (orario estivo); sabato dalle 9 alle 12.
Il Centro di Servizi Culturali della Regione Abruzzo, istituito con L.R. 6 Luglio 1978 N. 35, opera nei territori comunali di Giulianova, Roseto, Mosciano Sant’Angelo, Bellante, Morro D'Oro e svolge promozione culturale concorrendo alla formazione ed alla realizzazione della persona umana mediante una effettiva partecipazione alla vita della comunità del comprensorio.


Biblioteca Padre Candido “Donatelli”
Inaugurata il 27 maggio del 1995, la Biblioteca “P. Candido Donatelli” è riuscita progressivamente a ritagliarsi un ruolo assolutamente rilevante nella realtà culturale non solo giuliese. L’attivismo e l’entusiasmo degli operatori della quarta biblioteca cittadina (Direttore dott. Sandro Galantini; bibliotecari dott. Piera Fagnani e Alfonso Di Felice) hanno fatto sì che la raffinatissima struttura, fortemente voluta dall’allora Superiore del Convento dei Cappuccini P. Serafino Colangeli, divenisse un punto di riferimento importante per studenti, operatori culturali e studiosi non solamente locali.
Orario biblioteca:dal lunedì al venerdì con orario 10-13 e 15-19; il sabato dalle 10 alle 13.

Giulianova, la Posillipo d'Abruzzo

Giulianova (Te) Abruzzo - Italy. Gli ingredienti sono quelli classici dell’Abruzzo più bello: spiagge tranquille, immensa e pulita sabbia, dolci colline immerse in verde ecologico che offrono una panoramica su un mare dai mille colori. Su una di queste colline e sul suo declivio è situata Giulianova Paese con la sua allegria, con i suoi musei,  monumenti, pinacoteche e biblioteche, chiese e santuari, il suo verde, il suo mareQuesta località balneare oltre a sottolineare ciò che di Giulianova è giustamente noto, permette al turista e al residente, di scoprire molte prospettive ancora poco conosciute.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu