Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Bentivoglio Maria Rita - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Bentivoglio Maria Rita

Giulianova > Storici & Scrittori > Bentivoglio Maria Rita
 
La rassegna delle pubblicazioni di opere librarie da Scrittori & Storici di Giulianova
 
Indice Storici & Scrittori giuliesi - Maria Rita Bentivoglio
 p u b b l i c a z i o n e 

Premessa
di Giovanni Di Leonardo e Maria Rita Bentivoglio

Con questo lavoro abbiamo inteso contribuire a far luce sulle radici più remote della democrazia abruzzese, partendo dai primi embrioni degli attuali partiti politici.

Internazionalisti e Repubblicani in Abruzzo.
A cura di Giovanni Di Leonardo e Maria Rita Bentivoglio
Finito di stampare nel mese di novembre 1999 da "Media" Edizioni Mosciano S.A. (Te)

Non ci troviamo di fronte a grandi elaborazioni teoriche da parte delle associazioni e degli uomini che mano mano incontreremo, né potrebbe essere diversamente, trattandosi di uomini d’azione che per lo più mutuano principi e idee dai movimenti generali cui si ispirano.
La ricerca e la redazione di questo libro hanno avuto un iter estremamente discontinuo, sia per la nostra storia personale, che ci ha costretti ad emigrare, sia per le vicende politiche internazionali, connesse al nostro lavoro, che hanno provocato autentici stravolgimenti negli ultimi dieci anni.
Iniziammo circa quindici anni fa la “ricerca sul campo”, ma abbiamo dovuto interromperla numerose volte per i motivi sopra accennati. Mai, tuttavia, abbiamo pensato di non portare a termine il lavoro perché lo sentivamo come un debito di noi abruzzesi verso le centinaia di uomini che verranno menzionati nel testo e che, in alcuni casi, per diverse ragioni, sono stati completamente dimenticati perfino nelle tante opere di carattere storico che pure la nostra regione ha visto pubblicare.
Molti sono nomi che oggi non dicono più nulla, si sono perduti nel buio della memoria, ma che negli anni dal 1865 al 1895 diedero un importante contributo militare, morale e intellettuale alle genti della nostra regione e agli ultimi tentativi di completamento del Risorgimento nazionale.
Forse erano utopisti, poiché mentre la situazione generale, dopo gli sconvolgimenti unitari, volgeva alla normalizzazione, essi pretesero di continuare a lottare in prima persona, a rischio anche della vita, pur di affermare le loro idee in ordine all’assetto dello Stato, ai valori politici e morali di cui erano portatori.
Noi li seguiremo attraverso le loro corrispondenze ai giornali, le carte d’archivio e gli atti processuali. Talvolta la ricostruzione procederà con lunghe citazioni, ma con questa tecnica, cioè facendo parlare i protagonisti attraverso le carte, abbiamo cercato di far rivivere il clima culturale di quegli anni in cui lo Stato Liberale si consolida sacrificando, inevitabilmente, anche uomini che avevano contribuito alla sua nascita.
Si tratta di Garibaldini in senso lato, e di Mazziniani, negli anni Sessanta, e poi anche di Internazionalisti dagli anni Settanta. Svolsero un ruolo importante negli ultimi fatti d’arme del Risorgimento (1866; 1867; 1870) e poi nel dibattito politico che seguì quegli eventi eroici. Erano molti in Abruzzo fino al 1870, poi le loro fila si assottigliarono rapidamente. Oggi è come se lo spirito, le idee e le azioni di quegli uomini fossero coperti da una pietra, tanto appaiono lontani da noi; con questo lavoro proviamo a sollevare questa pietra: non è facile, ma lo facciamo volentieri, ancorché consapevoli delle nostre modeste forze.
In questo breve cammino incontreremo persone di notevole spessore che non si piegarono alla quotidianità, né alla normalizzazione voluta dal potere, ma che spesero tutte le energie per affermare le loro idee, nulla risparmiando, né arretrando davanti alle inevitabili difficoltà cui andavano incontro.
Furono uomini “contro”, consapevoli di andare, spesso, verso l’insuccesso: furono “vinti”, ma non scesero a compromessi disonorevoli. Di questi uomini ci accingiamo a “raccontare” le vicende, sperando che altri continuino a farlo per additare alle generazioni future i valori positivi dei quali pure furono portatori.
Biografia di Maria Rita Bentivoglio
Maria Rita Bentivoglio è nata a Giulianova il 22 maggio 1948. Laureata in Pedagogia, presso la Facoltà di Magistero dell’Università di Roma (con una tesi su argomento di Storia del Risorgimento, seguita dal Prof. Giuseppe Talamo), ha insegnato Materie Letterarie, nella Scuola Media, in diverse località della Lombardia ed attualmente a Giulianova.
Ha conseguito specializzazioni su problematiche didattiche ed ha collaborato a ideare e realizzare, nel 1999, una rivista sulla multiculturalità (Rom: un mondo da scoprire). Ripartendo dal racconto di Prosper Merimée, ha ideato e collaborato alla riduzione della Carmen, adattandola alla realtà di una Scuola Media. Insieme al Prof. Giovanni Di Leonardo, ha pubblicato i seguenti volumi:
Quinto Ercole - storia di un militante, ecc., 1983;
Internazionalisti e Repubblicani in Abruzzo (1865-1895), 1999.
Garibaldini in Abruzzo (1860-1870) L’Abruzzo Ultra I, 2002.

Biblioteche a Giulianova

Biblioteca civica “Vincenzo Bindi”
Corsa Garibaldi, 14 - tel. 085/8003395 Giulianova Città
Numero dei volumi catalogati: 23.000
Settori: abruzzesistica, libri antichi, arte, filosofia, emeroteca
Lasciti: Bindi (opere generali) - De Lucia (abruzzesistica) - Mercante (filosofia)
Orario: 9-12; 15-18,30; sabato 9-12,30


Biblioteca del Centro Culturale “San Francesco”
Piccola Opera Charitas
Via Ruetta Scarafoni, 3 - Giulianova Città - tel. 085/8003677
Numero dei volumi catalogati: 12.000
Settori: emeroteca, storia, filosofia, letteratura, storia delle religioni e della Chiesa
Orario: 8-20


Centro Servizi Culturali della Regione Abruzzo
Via I. Nievo, 6 - Tel. 0858003508 - Fax 08580027108
Orario: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, dalle 15 alle 18 (orario invernale) e dalle 16 alle 19 (orario estivo); sabato dalle 9 alle 12.
Il Centro di Servizi Culturali della Regione Abruzzo, istituito con L.R. 6 Luglio 1978 N. 35, opera nei territori comunali di Giulianova, Roseto, Mosciano Sant’Angelo, Bellante, Morro D'Oro e svolge promozione culturale concorrendo alla formazione ed alla realizzazione della persona umana mediante una effettiva partecipazione alla vita della comunità del comprensorio.


Biblioteca Padre Candido “Donatelli”
Inaugurata il 27 maggio del 1995, la Biblioteca “P. Candido Donatelli” è riuscita progressivamente a ritagliarsi un ruolo assolutamente rilevante nella realtà culturale non solo giuliese. L’attivismo e l’entusiasmo degli operatori della quarta biblioteca cittadina (Direttore dott. Sandro Galantini; bibliotecari dott. Piera Fagnani e Alfonso Di Felice) hanno fatto sì che la raffinatissima struttura, fortemente voluta dall’allora Superiore del Convento dei Cappuccini P. Serafino Colangeli, divenisse un punto di riferimento importante per studenti, operatori culturali e studiosi non solamente locali.
Orario biblioteca:dal lunedì al venerdì con orario 10-13 e 15-19; il sabato dalle 10 alle 13.

Giulianova, la Posillipo d'Abruzzo

Giulianova (Te) Abruzzo - Italy. Gli ingredienti sono quelli classici dell’Abruzzo più bello: spiagge tranquille, immensa e pulita sabbia, dolci colline immerse in verde ecologico che offrono una panoramica su un mare dai mille colori. Su una di queste colline e sul suo declivio è situata Giulianova Paese con la sua allegria, con i suoi musei,  monumenti, pinacoteche e biblioteche, chiese e santuari, il suo verde, il suo mareQuesta località balneare oltre a sottolineare ciò che di Giulianova è giustamente noto, permette al turista e al residente, di scoprire molte prospettive ancora poco conosciute.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu