Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Galantini Sandro - Abruzzo... una regione da vivere e... da scoprire.

Cerca nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Giulianova e i suoi scrittori. La nuova pubblicazione di: Galantini Sandro

Giulianova > Storici & Scrittori > Galantini Sandro
 
La rassegna delle pubblicazioni di opere librarie da Scrittori & Storici di Giulianova
 
Indice Storici & Scrittori giuliesi - Sandro Galantini
 p u b b l i c a z i o n e 

DEPUTAZIONE ABRUZZESE DI STORIA PATRIA
INCONTRI CULTURALI DEI SOCI - VII 
San Clemente a Casauria 10 Maggio 1998 
Supplemento del BULLETTINO
L’AQUILA - PRESSO LA DEPUTAZIONE

SANDRO GALANTINI


LA CATTEDRALE DI GIULIANOVA NELLA CORRISPONDENZA EPISTOLARE VINCENZO BINDI - ALFONSO MIGLIORI.
«Fa parte degli uomini nati per l’azione [...]. Forte di corpo, adamantino d’anima, attuò ed attua opere fatte di cervello e di cuore [...]. E’ l’uomo del tempo di Mussolini, epperò ha teso ingegno e muscoli alla rigenerazione del nostro paese». Questo, tinteggiato da rapide pennellate, è il ritratto di Amato Alfonso Migliori (n. il 5 giugno 1884, m. il 1 giugno 1965) consegnatoci dal prolifico pubblicista Francesco Manocchia in un suo medaglione agiografico contenuto nel volumetto Figli migliori di nostra terra, uscito per l’editore Giuseppe Intellisano di Catania nel 1935.
È con questo uomo capace di scuotere «sopite energie» e di sincera fede fascista (un’adesione ideologica, quella tributata dal Migliori, affermata in tempi non sospetti, come peraltro sottolinea il Manocchia quando scrive che «Del Fascismo fu un gagliardo sostenitore. Fra i primissimi egli assunse posti di responsabilità, dando quotidiane prove del suo convinto e profondo attaccamento alla Rivoluzione Fascista»), è con questo uomo, dicevamo, che Vincenzo Bindi - pur’egli di convinzioni fasciste, come ci segnala una sua lettera inviata ai dirigenti del P.N.E teramano e pubblicata integralmente dal settimanale «Il Solco» il 10 agosto 1923, il cui tenore non concede spazio al dubbio - intrattiene, sin dalla seconda metà degli anni Dieci, una proficua corrispondenza epistolare, straordinariamente infoltitasi a partire dal 1925, anno nel quale l’inquieto rampollo di una delle famiglie industriali più doviziose di Giulianova verrà eletto alla suprema carica cittadina.
Le consultazioni elettorali cittadine del 10 maggio 1925, finalmente indette dopo la burrasca politica successiva alla Marcia su Roma ed alla sequela delle gestioni commissariali (quella del commissario Bernardo Azzoni dal 28 dicembre 1922 al 1 marzo 1923, quella del montoriese Alfredo Angeloni, regio commissario straordinario, dal 16 marzo al 16 settembre sempre del 1923, quella, da ultimo, del commissario Ermanno Colucci, sino al 31 maggio 1925), infatti, avevano portato al candidato del Fascio giuliese di combattimento, Amato Alfonso Migliori appunto, ben 1026 preferenze su un totale di 1271 votanti, appalesando un innegabile successo personale che di qui a poco, e pour cause, avrebbe costituito motivo necessario e sufficiente per la nomina alla suprema carica cittadina del Nostro.[…]

  
Sandro Galantini, storico e giornalista, è autore di numerosi studi relativi all’Abruzzo, con particolare riguardo all’età moderna e contemporanea. Per Ricerche&Redazioni ha curato i seguenti volumi: Lungo la strada ferrata da Giulianova a Teramo (rist. anast. 2003), Scritti di Rocco Rubini (rist. anast. 2004), Scritti scientifici di Pio Mazzoni (con G. Di Leonardo, rist. anast. 2005), All’ombra dell’«albero d’oro». Notaresco e la gelsibachicoltura nell’800 (2007), Saggio di Statistica Generale con applicazione al Comune di Cellino in provincia del Primo Abruzzo Ultra per Agostino Taraschi (rist. anast. 2009), Giulianova e la «civiltà balneare». Turismo, ambiente e modificazioni urbane dall’Ottocento preunitario al 1940 (2011), Il Kursaal. La "vedetta elegante" di Giulianova (2012) e nel 2015 Giulianova, tra Storia e Memoria. Architetture, società e avvenimenti dall’età umbertina al Ventennio.
Biblioteche a Giulianova

Biblioteca civica “Vincenzo Bindi”
Corsa Garibaldi, 14 - tel. 085/8003395 Giulianova Città
Numero dei volumi catalogati: 23.000
Settori: abruzzesistica, libri antichi, arte, filosofia, emeroteca
Lasciti: Bindi (opere generali) - De Lucia (abruzzesistica) - Mercante (filosofia)
Orario: 9-12; 15-18,30; sabato 9-12,30


Biblioteca del Centro Culturale “San Francesco”
Piccola Opera Charitas
Via Ruetta Scarafoni, 3 - Giulianova Città - tel. 085/8003677
Numero dei volumi catalogati: 12.000
Settori: emeroteca, storia, filosofia, letteratura, storia delle religioni e della Chiesa
Orario: 8-20


Centro Servizi Culturali della Regione Abruzzo
Via I. Nievo, 6 - Tel. 0858003508 - Fax 08580027108
Orario: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, dalle 15 alle 18 (orario invernale) e dalle 16 alle 19 (orario estivo); sabato dalle 9 alle 12.
Il Centro di Servizi Culturali della Regione Abruzzo, istituito con L.R. 6 Luglio 1978 N. 35, opera nei territori comunali di Giulianova, Roseto, Mosciano Sant’Angelo, Bellante, Morro D'Oro e svolge promozione culturale concorrendo alla formazione ed alla realizzazione della persona umana mediante una effettiva partecipazione alla vita della comunità del comprensorio.


Biblioteca Padre Candido “Donatelli”
Inaugurata il 27 maggio del 1995, la Biblioteca “P. Candido Donatelli” è riuscita progressivamente a ritagliarsi un ruolo assolutamente rilevante nella realtà culturale non solo giuliese. L’attivismo e l’entusiasmo degli operatori della quarta biblioteca cittadina (Direttore dott. Sandro Galantini; bibliotecari dott. Piera Fagnani e Alfonso Di Felice) hanno fatto sì che la raffinatissima struttura, fortemente voluta dall’allora Superiore del Convento dei Cappuccini P. Serafino Colangeli, divenisse un punto di riferimento importante per studenti, operatori culturali e studiosi non solamente locali.
Orario biblioteca:dal lunedì al venerdì con orario 10-13 e 15-19; il sabato dalle 10 alle 13.

Giulianova, la Posillipo d'Abruzzo

Giulianova (Te) Abruzzo - Italy. Gli ingredienti sono quelli classici dell’Abruzzo più bello: spiagge tranquille, immensa e pulita sabbia, dolci colline immerse in verde ecologico che offrono una panoramica su un mare dai mille colori. Su una di queste colline e sul suo declivio è situata Giulianova Paese con la sua allegria, con i suoi musei,  monumenti, pinacoteche e biblioteche, chiese e santuari, il suo verde, il suo mareQuesta località balneare oltre a sottolineare ciò che di Giulianova è giustamente noto, permette al turista e al residente, di scoprire molte prospettive ancora poco conosciute.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu